1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. fabri75

    fabri75 Membro Junior

    Salve a tutti. Qualche giorno fà a causa di un fulmine si è bruciata la scheda della caldaia e l'accenditore della stessa per un totale di 237.00 + IVA. Il tecnico della caldaia dice che la spesa spetta al conduttore mentre quest'ultimo pretende che sia io (proprietario) a pagare il conto. Volevo sapere cosa ne pensate a tal proposito, vi ringrazio anticipatamente. Fabrizio
     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Deve pagare il proprietario. Se la neve sfonda il tetto chi paga? Però possiamo aggiungere dei distinguo.
    Cioè, perchè non una polizza assicurativa che copra sia i danni del locatore e del conduttore? Ci si può mettere d'accordo e con la stessa Compagnia.
    Ho parlato prima della neve: chi paga il rifacimento del tetto? Senza dubbio il proprietario. Ma se con la caduta del tetto e tutti i mobili del conduttore vengono distrutti? Paga sempre il proprietario? No è un evento naturale. Per cui ognuno paga per i propri danni.
    Per il fulmine, è stata noncuranza del conduttore, c'è stata da parte sua mancata manutenzione? Penso proprio di no, quindi a parer mio le spese spettano al proprietario.
     
  3. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Bisogna sentire l'amministratore ed aprire un sinistro all'assicurazione dello stabile, ovviamente poi il premio della stessa potrebbe aumentare...n'è più ne meno di una RC auto. Sostituire una caldaia sta al proprietario, ma viene rimborsata dall'assicurazione condominiale.
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    secondo me se l'appartamento è stato affittato vuoto con un contratto standard ( per indenderci 4+4) la caldaia eventualmente già presente nell'immobile è un surplus perché potrebbe anche non esserci. Pertanto sia la manutenzione ordinaria, che quella straordinaria e sia la sua sostituzione è un onere a carico del conduttore.
    Se l'appartamento è affittato arredato con un contratto transitorio al conduttore spetta la sola manutenzione ordinaria il resto è a carico del proprietario dell'immobile.
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Solo manutenzione ordinaria a carico del locatario, la straordinaria o sostituzioni a carico del locatore, con qualsiasi contratto
     
  7. fabri75

    fabri75 Membro Junior

    ringrazio tutti per le opinioni ma secondo me il "nocciolo della questione" stà nel comportamento negligente dell'inquilino. Siccome il mio appartamento è situato in una zona rialzata rispetto agli altri immobili è sempre stato sottoposto a questo tipo di fenomeni, infatti nello stesso stabile sono stati rilevati altri danni di questo tipo alla tv ai frigo ai congelatori tutti nella stessa notte. Come l'inquilino si è preoccupato di staccare la sua tv al plasma da 50 pollici doveva fare lo stessa con la caldaia.... poi si può ritenere la bruciatura della scheda elettronica dovuta al sovraccarico di tensione una riparazione di ordinaria amministrazione!!? Credo che ci accorderemo per pagare a metà ciascuno ma obbligherò l'inquilino a sottoscrivere una polizza assicurativa contro questi eventi.
     
  8. beppebre

    beppebre Membro Attivo

    E in base a cosa credi di avere il diritto di poter obbligare l'inquilino a sottoscrivere una polizza?
    Se il danno è a suo carico se lo pagherà lui polizza o meno, se è tuo carico lo paghi tu ed eventualmente la polizza, per tutelarti da eventuali danni futuri, la sottoscrivi tu.
    Tra l'altro eri a conoscenza del problema.
     
    A Luigi Criscuolo piace questo elemento.
  9. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    non sono d'accordo. Se tu affitti un appartamento vuoto ad uso abitazione non sei abbligato ad affittarlo completo di scaldabagno per la fornitura di acqua calda sanitaria: il conduttore potrà scegliere se mettere uno scalda acqua a gas o elettrico. La manutenzione ordinaria e straordinaria come la sua sostituzione è un onere a cardio del conduttore. Se tu affitti un appartamento arredato non puoi affittarlo sfornito di scalda acqua quindi la manutenzione ordinaria è a carico del conduttore la quella straordinaria e la sostituzione sono a carico del proprietario.
    In questo caso sembra che lo scalda acqua sia a gas e posizionato all'esterno perché principalmente serve per il riscaldamento ed anche per la fornitura di ACS.
     
  10. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Un inquilino non è obbligato a sottoscrivere un'assicurazione di responsabilità nei confronti del proprietario. La polizza potrà comunque essere stipulata da parte del locatore o su incarico di questo.
    Nel caso di locazioni di immobili ad uso diverso dall'abitazione (es. locazione di un negozio) ma anche di immobili abitativi di elevato valore, il proprietario locatore può esigere che il conduttore al momento della sottoscrizione del contratto stipuli una polizza, eventualmente inserendo un'apposita clausola nel contratto; se il conduttore non stipulasse la polizza, può essere messa in discussione la validità dello stesso contratto di locazione.
    Resto sempre del parere che una polizza possa aiutare sia l'inquilino che il proprietario.

    Articolo 1588, Codice Civile
    «Il conduttore risponde della perdita o del deterioramento della cosa che avvengono nel corso della locazione, anche se derivanti da incendio, qualora non provi che siano accaduti per causa a lui non imputabile.
    È pure responsabile della perdita e del deterioramento cagionati da persone che egli ha ammesse, anche temporaneamente, all'uso o al godimento della cosa».


    Articolo 1589, Codice Civile
    «Se la cosa distrutta o deteriorata per incendio era stata assicurata dal locatore o per conto di questo, la responsabilità del conduttore verso il locatore è limitata alla differenza tra l'indennizzo corrisposto dall'assicuratore e il danno effettivo. Quando si tratta di cosa mobile stimata e l'assicurazione è stata fatta per valore uguale alla stima, cessa ogni responsabilità del conduttore in confronto del locatore, se questi è indennizzato dall'assicuratore [ ... ]».


     
  11. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista

    Dove hai preso queste convinzioni ?

    La caldaia o lo scaldabagno non fanno parte dell'arredamento, per cui non c'è differenza tra affittare un immobile vuoto o arredato, da questo punto di vista.

    A questo proposito, allego la Tabella della Confedilizia degli oneri di ripartizione delle spese di manutenzione ordinaria e straordinaria tra proprietario e inquilino

    https://www.google.com/search?q=Tab...z:distributionID}:{moz:locale}:{moz:official}
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Beh, innanzitutto ben tornata: era un pò di tempo che non ti vedevo bazzicare da queste parti.
    Poi sai che ti dico: hai ragione; ma solo per le seconde case estive che si trovano nelle località di villeggiatura marina oppure per le case che si trovano nel sud (ma proprio sud) d' Italia. Ti voglio vedere affittare una casa arredata a Trento o a Bolzano senza scalda acqua calda sanitaria e senza riscaldamento. "Guardi l'appartamento è fornito di Frigorifero, Lavapiatti, Lavatrice, Televisione:c'é tutto; manca solo lo scalda acqua per la ACS; oppure non c'é la caldaia per riscaldare i locali se la deve installare lei."
    Affittare un appartamento arredato senza scalda acqua a me sembra una grave lacuna tale da non meritare neanche la classifica di semi-arredato. Non parliamo poi della caldaia, se non c'é un sistema alternativo di riscaldamento.
    Uno che cerca una casa arredata non è disposto a spendere neanche un cent in più della pigione (già esosa) che gli chiede il proprietario di casa.
    Sai, io che ho girato per parecchi anni l'italia (partivo da casa la domenica sera per tornarci alla sera inoltrata del venerdì successivo) per risparmiare soldi di case arredate ne ho viste; e ne ho viste di tutti i colori.
     
  13. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista

    Grazie.
    In realtà bazzico, ma mi limito a leggere. Sono troppo occupata con Immobilio, non ce la faccio a seguire attivamente entrambi i forum...

    Anche io come agente immobiliare ne vedo di tutti i colori nelle case arredate da affittare...
    Bologna è una città universitaria e i proprietari si sono sempre approfittati delle necessità degli studenti fuorisede: ho visto anche dei letti in cucina !!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina