1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Albero

    Albero Nuovo Iscritto

    E' la prima volta che utilizzo questo forum quindi vogliate perdonare se la descrizione dell'argomento presenterà delle lacune.
    Ecco i fatti:ho inviato con raccomandata A/R in data 3 marzo la disdetta del mio regolare contratto d'affitto (4+4)con un preavviso di 6 mesi contando quindi di riconsegnare l'appartamento il 3 settembre.
    Il proprietario adesso invece sostiene che gli dovrei pagare anche l'intero mese di settembre (anzichè solo i 3/30 del mese) perchè la lettera di disdetta secondo lui e il suo avvocato avrebbe dovuto partire in data 28 febbraio.
    E' vero?
    Inoltre essendo trascorso il 3 settembre ed essendo il padrone di casa irreperibile, ho inviato un telegramma il 1° settembre, su suggerimento di amico avvocato, in cui rendevo dal 3 settembre le chiavi dell'appartamento disponibili per la riconsegna all'indirizzo o della mia nuova casa o del padrone di casa. E ho inoltre scattato delle foto a testimonianza del buono stato dell'immobile al momento della data della riconsegna.
    Vorrei sapere: queste foto, hanno qualche valore in caso di contestazioni da parte sua e di volontà di trattenersi la cauzione?
    Vi ringrazio in anticipo per l'aiuto e spero di trovare risposte confortanti.
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non è vero. :daccordo:
     
    A Albero piace questo elemento.
  3. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Bisogna leggere il contratto ed in particolare la deecorrenza dell'affitto.
    Se la decorrenza parte dal 1 del mese (com'è nel 99,99 % dei casi) , ha ragione il proprietario e la desdetta avrebbe dovuto inviarla entro il 28 febbraio.
    Certo che il proprietario è un gran bastardo, ma penso che legalmente non ci sia niente da fare e debba pagare anche il canone di settembre.
    Buenos dias
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se nel contratto si evidenzia il 3 settembre come dice il proprietario e l'avvocato, la data della disdetta è regolare, pertanto hanno voglia di reclamare il mese di settembre per la pigione, non devi versare niente se le date sono quelle elencate sopra ciao:daccordo::idea:
     
  5. Albero

    Albero Nuovo Iscritto

    La decorrenza sul contratto era il 1° del mese, ma come dicevo, avrei pensato di dover corrispondere tutt'al più i 3 gg di "ritardo" dell'invio della raccomandata, non un mese intero, non essendo specificato sul contratto da nessuna parte che la disdetta dovesse essere inviata prima del 1° del mese (in questo caso
    appunto il 28 febbraio).
    Volevo anche aggiungere che per richiedermi questo pagamento, dopo avermelo anticipato telefonicamente visto che si trova fuori sede, mi ha fatto inviare una lettera dall'avvocato che oltre al mese aggiuntivo d'affitto pretende che paghi le spese legali...
    Non è una follia??? Se ha deciso di rivolgersi all'avvocato prima di trovare una soluzione "amichevole" saranno fatti suoi, sbaglio???
     
  6. massimoca

    massimoca Nuovo Iscritto

    Il proprietario adesso invece sostiene che gli dovrei pagare anche l'intero mese di settembre (anzichè solo i 3/30 del mese) perchè la lettera di disdetta secondo lui e il suo avvocato avrebbe dovuto partire in data 28 febbraio.
    E' vero?

    non è vero. Massimo:fiore:
     
  7. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sei in grado di spiegare perchè non è vero ?
    Per me ha ragione il proprietario: la locazione parte dal 1 del mese e termina con l'ultimo giorno del mese. Se il proprietario deve affittare ad un altro inquilino lo stesso appartamento ed il nuovo inquilino lascia nel contempo un altro alloggio con contratto scadente al 31 di agosto dove va a dormire in questi 3 guiorni ? Chi gli paga l'albergo ?
    E se invece di dare la disdetta al 3 di marzo l'avesse data al 13 marzo, chi riesce a trovare un altro inquilino che accetti un contratto con decorrenza 14 Settembre ?

    L'equivoco nasce dal fatto che per prassi si concede all'inquilino di pagare il canone, anticipato e decorrente dal 1 del mese, fino al 5 del mese di riferimento.
    Ma non confondiamo l'aspetto finanziario con quello economico.
    Questa agevolazione è dovuta a motivi pratici e cioè al fatto che il 1 giorno del mese può essere festivo e per nolti esisterebbe l'impossibilità di procedere al rispetto del contratto con conseguente ed immediata inadempienza contrattuale e messa in mora.
    Qundi caro inquilino, mi sa che ti devi rassegnare a pagare anche il canne di settembre.
    Considerazione personale: penso che tra te ed il proprietario non corra buon sangue, per motivi che solo tu saprai. Non credo che sia impazzito all'improvviso e nello stesso tempo lo sia diventato anche l'avvocato.
    Buon Pranzo
     
    A ada1 piace questo elemento.
  8. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Penso che la Legge prevalga sugli accordi contrattuali.
    Dalla L. 431, art. 3 :
    Comma 6. Il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto, dando comunicazione al locatore con preavviso di sei mesi.
    http://www.camera.it/parlam/leggi/98431l.htm

    :daccordo:
     
  9. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A questo punto sta all'inquilino "dimostrare i gravi motivi".
    :daccordo:
     
  10. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Certamente, e che devono essere indicati nella disdetta.
    Un' interessante chiarificazione :
    http://www.confedilizia.it/RAS8.htm
    :daccordo:
     
  11. massimoca

    massimoca Nuovo Iscritto

    amico mio, la Legge parla chiaro e dice che in qualsiasi momento l' inquilino, per gravi motivi, può disdire il contratto con partenza da quel momento dei 6 mesi come penale.
    Poi posso averla interpretata male io, ... altri pareri?Massimo:fiore:
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Bene !
    Visto che insisti, ti sottopongo questo interrogativo: qual'è l'unità di misura (riferimento) del contratto di cui si parla ? Per me è il mese, unità indivisibile. Altrimenti potremmo anche arrivare all'assurdo di considerare, nel caso della disdetta anche l'ora o il minuto ! Ma mi sembra una tesi assurda. Nel contratto si parla di canone mensile, sia che il mese abbia 28 giorni o 31. E non mi pare nemmeno che nel contratto o nella legge riportata a supporto dal fornitissimo marco si parli di 180 giorni, ma di 6 mesi intesi nel senso che al locatore devono essere riconosciuti 6 mesi interi per cercarsi un nuovo conduttore.
    Altro esempio, per assurdo: vai in albergo, contratti il prezzo, per notte, paghi. Ma alle 2 del mattino, "per gravi motivi" sei costretto ad abbandonare la stanza. Non dirmi che puoi chiedere il rimborso della parte "non goduta".
    Il prezzo è unitario (per notte) e non "a ore". Quast'ultima ipotesi lasciamola alle belle di notte ( o anche di giorno)
    Sono pignolo, lo so.
    Se le leggi fossero chiare, come dici tu, non ci sarebbero in Italia così tanti avvocati, 120.000 solo a Roma.
    Saluti

    Aggiunto dopo 11 minuti ....

    Ho l'impressione che vi sfugga il fatto che "i gravi motivi" risguardino la facoltà data al conduttore di recedere dal contratto anticipatamente RISPETTO ALLQA SCADENZA CONTRATTUALE. Cioè, dal punto di vista strettamente legale se uno firma un contratto di quattro anni, se non ersistono i "gravi motivi" prima della scadenza non può andare via e se lo fa è costretto (teoricamente) a pagare per tutto il periodo di 4 anni. Nella pratica non avviene mai in quanto il locatore, piuttosto che avere grane con un conduttore che tanto non pagherà, preferisce lasciarlo andar via e cercarsene uno più serio.
    Non sono avvocato e non mi occupo nemmeno, e mai mi sono occupato, di problemi immobiliari, ma una certa dimestichezza con problemi societari e soprattutto fiscali ce l'ho. E l'esperienza mi dice che le cose non sono mai così semplici come appaiono a prima vista.
    Saludos
     
  13. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Vero. :daccordo:
     
  14. massimoca

    massimoca Nuovo Iscritto

    beh, Alberto Bianchi, insistiamo entrambi... forse perchè ognuno di noi crede di avere ragione... il bello è proprio questo,no?
    Certo è che , il quesito in questione, si presta alle più svariate interpretazioni.
    con amicizia.Massimo:fiore:
     
  15. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    :fiore:
     
  16. bbmi

    bbmi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    NON SO RISPONDERE IN MERITO ma, eccheddiamine, trovate un inquilino che lascia l'appartamento in ordine e manda una regolare richiesta di disdetta anticipata con preavviso di SEI mesi.

    perchè incaponirsi per tre giorni?????

    l'ultima disdetta che ho ricevuto gliel'ho dovuta scrivere, dopo che mi ha dato il tormento nei primi due giorni di ferie, spiegando che doveva solo firmarla e spedirla subito, che ci sarebbero voluti 6 mesi ma, almeno 1 mese in modo da farmi rientrare al lavoro e trovare un nuovo inquilino che subentrasse subito. però doveva far imbiancare e pulire. dopo tre settimane ho dovuto chiederle di spedire la raccomandata firmata. il giorno della consegna delle chiavi era impegnata, il giorno successivo sul tardi perchè doveva lavorare (però chiamata nel cortile da altro inquilino l'ho incontrata!!!). L'imbiancatura? ha convinto il nuovo inquilino a farla al posto suo in cambio di alcuni "mobili".
    TROPPO ACCONDISCENDENTE????.....PUR DI NON AVERE UN INQUILINO CHE NON PAGA!!!!!!
     
  17. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Il problema non sono i 3 giorni, ma stabilire con certezza la data di invio delle a.r. di disdetta, se i 6 mesi partono dal ricevimento delle a.r. o dalla data di invio, QUESTO E' IL PROBLEMA???? se il locatore non ritira la a.r. all'ufficio postale rimane ferma x 30 gg. e qualè la data da considerare? oppura la ritira dopo 20 giorni dal deposito qualè la data da considerare per l'invio delle a.r. ciao:affermazione:
     
  18. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Assolutamente la questione da te sollevata non ha nulla a che fare con l'argomento. Al limite riguarda solo la data di spedizione, e cioè il giorno in cui consegni la raccomandata all'ufficio postale e da quale giorno iniziano a decorrere i 6 mesi della disdetta.
    Ci sono due tesi contrastanti:
    a) che ritiene che lil termine decorra immediatamente
    b) che ritiene che la disdetta non possa decorrere a mensilità già iniziata, ma dal primo giorno del mese successivo.
    Stop
     
  19. Albero

    Albero Nuovo Iscritto

    Il problema all'inizio e in questi termini non sussisteva perchè io e mio marito ci eravamo resi disponibili a lasciare l'appartamento in anticipo pur corrispondendo i 6 mesi dovuti (per il proprietario, dico io, meglio di così...) invece poi quando ci ha intimato anche il pagamento del mese di settembre nonostante un ritardo di soli 3 gg, scusatemi ma col cavolo che gli lascio pure casa libera in anticipo!
    :rabbia:
    Detto questo i rapporti si sono incrinati per questo motivo, e l'avvocato cui si sono voluti rivolgere non credo sia impazzito, solo che come ogni avvocato che si rispetti, cerchi di fare gli interessi del proprio cliente!
    Adesso anche noi abbiamo dovuto rivolgerci ad un avvocato che ci ha rassicurati sul fatto che il mese di settembre pare effettivamente non sia dovuto.
    Inizio ad essere meno tranquilla....
    Grazie comunque per tutte le risposte, e spero che qualcuno possa rassicurarmi nell'attesa di vedere l'evolversi della questione.
     
  20. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu hai tutto il diritto di utilizzare o "tenere le chiavi" fino al 30 settembre.
    In pratica dando la disdetta il 3 marzo, i 6 mesi non decorrono dal 4 marzo bensì dal 1 aprile.
    Ho l'impressione che oltre a pagare il tuo avvocato dovrai rimborsare anche la parcella dell'avvocato del locatore.
    Buona fortuna.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina