1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. antonio3

    antonio3 Nuovo Iscritto

    Buongiorno,volevo porgere a voi tutti una domanda per me molto importante.
    Sono proprietario di un immobile e vorrei aiutare mio figlio a comprarsi una casa. Lui ha da poco iniziato a lavorare con un contratto a tempo indeterminato, ma logicamente ha poche garanzie per la banca.
    Il mio problema è che per un disguido con la carta revolving sono stato segnalato in centrale rischi, quindi non posso fare da garante.
    Però mi hanno detto che posso fare il datore di ipoteca del mio immobile, è vero? Le banche vedono il crif anche del datore di ipoteca? Non so più cosa fare.
     
  2. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    caro Antonio,
    secondo me,almeno da quanto ho capito dalla tua domanda, la banca ha bisogno di un garante e quindi di maggiori garanzie in quanto,come tu asserisci, tuo figlio manifesta una una fragilità reddituale tale che non non convince la banca circa la regolarità del pagamento delle rate che andrà ad addossarsi. Stando alle regole bancarie attualmente in vigore il fatto di esistere a tuo nome una negatività nella visura CRIF la banca non può prendere in considerazione la tua partecipazione al mutuo né come garante né tanto meno come intestatario.Invece come terzo datore di ipoteca non ci sono problemi però in questo caso la partecipazione di un ulteriore garante,ma inteso solo come proprietario di immobile, potrebbe essere necessaria solo quando c'è una deficienza di valore fra i beni offerti in garanzia ed il totale del mutuo richiesto.Il tuo caso invece, sempre secondo me, è al contrario cioè la banca ha bisogno di un ulteriore persona che faccia da garante per aumentare o col il suo stipendio o con la sua pensione la redditività del richiedente il mutuo.
    il terzo datore di ipoteca partecipa al mutuo in quanto mette a disposizione un suo bene personale per permettere ad una terza persona l'ottenimento del finanziamento.
    In questo caso nella CRIF verranno riportati gli estremi solo dello intestatario e del garante, niente apparirà invece per il terzo datore di ipoteca. In conclusione tu non puoi essere nè garante né intestatario,ma solo terzo datore di ipoteca
    Non so se sono riuscito a farti capire il la duplice figura .
    ciao
     
  3. antonio3

    antonio3 Nuovo Iscritto

    Grazie Alberto, hai colto esattamente il problema. Quindi non rischio di vedermi respinta la domanda se faccio solo il datore di ipoteca. Mia moglie è impiegata e quindi lei potrebbe fare da garante, oppure forse non sarebbe meglio se il mutuo se lo intesta lei? Tieni conto che mio figlio non ha mai fatto una dichiarazione dei redditi perchè studente, ha iniziato a lavorare a novembre e ha solo due buste paga.

    Aggiunto dopo 8 minuti :

    Preciso anche che il rapporto rata-reddito di mio figlio è del 37%, stipendio di 1000 euro per una rata di 370 euro, credo che possa andare come percentuale.
     
  4. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Caro Antonio,
    esaminiamo con calma la tua situazione. La Banca quali ragionamenti fa? La redditività di tuo figlio è troppo "fresca" per permettere a lui solo di richiedere un mutuo,in sostanza non può presentare né il CUD 2010 e solo due buste paga.
    E' obbligatorio trovare un garante che in questo caso, meglio non poteva capitare. è rappresentato dalla madre, la quale,per fortuna gode di uno stipendio.
    Quindi puoi optare per due scelte : intestare il mutuo solo al figlio e la madre garante, oppure intestarlo a tutti e due.
    Però in sostanza non cambia nulla: Al massimo, per essere pignoli, la madre nel caso partecipasse come intestataria e in seguito decidesse di comprare un bene tramite la concessione di un mutuo troverebbe ostacoli prerchè essa risulterebbe averne in essere sempre uno insieme al figlio
    ciao
     
  5. antonio3

    antonio3 Nuovo Iscritto

    Caro Alberto, sono sempre preziose le tue indicazioni. Quindi l'ideale è intestarlo a mio figlio con mia moglie come garante.
    Mia moglie ha già dato garanzia per suo fratello per un finanziamento di 30000 euro, comporta qualcosa questo?
    Per questo motivo volevo tenerla fuori, se possibile. Stavo pensando ad una cosa, personalmente posso chiedere un mutuo liquidità ipotecando il mio immobile?
    Così facendo la liquidità risultante la darei a mio figlio e l'importo da richiedere per il mutuo sarebbe per lui molto più basso e magari a quel punto alla banca non necessiterebbe neanche del garante...mmmmm troppo ottimista?
     
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    credo che un mutuo liquidità preveda interessi molto più alti. per la cointestazione del mutuo credo che la banca accetti se tua moglie è già garante di un mutuo per il fratello solo se è cointestataria e/o se dispone di un reddito talmente alto da poter esser solvibile nel caso entrambi i garantiti risultino inadempienti. tu però puoi fare sicuramente da prestatore di ipoteca. considera però che, qualora volessi vendere la tua casa avresti difficoltà in quanto dovresti prima adempiere al debito di tuo figlio ed ottenere la cancellazione dell'ipoteca. se hai altri figli le cose si complicherebbero anche per la divisione ereditaria. pensaci bene. magari puoi risolvere il problema con la carta revolving e ottenere la cancellazione al crif.
     
  7. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Caro Antonio,

    Per quanto riguarda la tua posizione,stando alle regole, come ho già detto non puoi fare niente in prima persona.
    Se la tua moglie partecipa sia come garante che come intestataria del mutuo ,la banca è costretta a fare una visura Crif anche su tua moglie.Cosa verrà fuori? Ha solamente un lmpegno con suo fratello o emergerà anche qualche altro debito?
    Sarà la Banca a valutare la situazione di tua moglie e quindi decidere se ritenerla una garanzia valida o non.
    Altro consiglio: se avete più di un figlio l'eventuale partecipazione della moglie sarebbe bene notiziarla anche ai fratelli perchè ,se durante il decorso del mutuo la moglie venisse a cessare, il suo debito di garante verrebbe trasferito agli eventuali eredi (figli e marito)
    ciao
     
    A arianna26 piace questo elemento.
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta per antonio3. Ti fai tanti problemi per l'iscrizione al crif, vai in banca chiarisci la tua posizione con la stessa, dimostra di avere fiducia dalla tua banca come vorresti che la Banca abbia fiducia di te e vedrai che otterrai più di quanto ti aspetti, in fin dei conti compri un immobile che verrà ipotecato a garanzia del mutuo con copertura del 80% circa auguri ciao Adimecasa Bergamo
     
  9. antonio3

    antonio3 Nuovo Iscritto

    Per Arianna: immagino che un mutuo liquidità preveda interessi più alti, ma come dice Alberto temo di non poterlo fare.
    Mia moglie guadagna sui 1500 euro mensili, non paga affitti perchè la casa è di proprietà e abbiamo 2 figli, ma quello non sarebbe un problema.

    Per Alberto: mia moglie parteciperebbe solo come garante del mutuo e ha già dato garanzia solo per un finanziamento di 30000 euro. Abbiamo 2 figli e in caso di malattia, morte, ecc. pagherei ovviamente anche io, poi esistono delle polizze specifiche che non sarebbe male stipulare.

    Per Adimecasa: ci sono andato in banca e loro non possono farci niente, il direttore mi ha detto che è per legge così, anche se sa benissimo che sono solvibile e sicuro di pagare le rate (altrimenti non penserei nemmeno di ipotecare la mia casa...)
     
  10. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Lei parla di segnalazione al CRIF per un disguido con la carta revolving, ma il debito derivante da tale disguido l'ha sanato?
    E ove non fosse sanato, se di valore modesto non le converrebbe quietanzarlo al fine di ottenere la cancellazione?
    Faccia richiesta al CRIF della sua posizione, nel termine massimo di 15 giorni gli trasmettono la documentazione richiesta, così lei si può regolare di conseguenza, e una volta sanatè le pendenze si faccia rilasciare le relative quietanze liberatorie che invierà al CRIF nell'istanza di cancellazione. Fatta questa operazione, lei non dovrà più coinvolgere la moglie già coinvolta come garante con il fratello.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina