1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. echo

    echo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Buonasera a tutti! Vi espongo il mio problema... ho acquistato un appartamento a settembre, il mio primo acquisto di una casa, e mi servirà di lezione. A rogito è stato dichiarato che non c'era alcuna spesa pendente e nessuno ha fatto menzione del fatto che, come dopo pochi giorni ho scoperto, c'erano 2800 euro di spese condominiale arretrate, ordinarie e straordinarie. Si tratta di rate non pagate scadute tutte prima del rogito (a maggio e ad agosto). Ora la vecchia proprietaria insiste che devo pagare io una consistente parte di questa cifra:

    1) perchè godrò io dei frutti dei lavori straordinari deliberati a maggio e quindi anche della detrazione fiscale (non vedo come, spetterà a chi paga!)
    2) perchè l'anno di gestione del condominio è iniziato a maggio 2012, quindi a lei non spetta nessuna spesa di riscaldamento (è centralizzato) e il restante importo per quest'anno deve essere da lei pagato solo per 5/12 (sostanzialmente ha rifatto tutti i conti in autonomia e senza nemmeno consultare l'amministratore).

    Ora io sono molto perplessa, so che per le spese ordinarie scatta il vincolo di solidarietà, ma mi risulta che le straordinarie invece deve pagarle chi era proprietario quando sono state deliberate. Inoltre in fase di compravendita e rogito nessuno ha menzionato queste spese, dichiarando quindi il falso e mettendoci una firma. Sempre secondo me, se la venditrice voleva dei riconteggi precisi delle spese condominiali a fronte della data del rogito, avrebbe dovuto chiederli prima del rogito e mettermene a conoscenza, non decidere dopo da sola che quelle spese spettavano a me. L'unica cosa che l'agente immobiliare mi dice che dovrei pagare è un terzo della rata condominiale che andava pagata ad agosto, in quanto copre agosto, settembre e ottobre, e ad ottobre la casa era mia.

    A vostro parere qual è la cosa migliore da fare? Io medito di sentire un avvocato se la cosa non si risolve amichevolmente. Vi ringrazio :)
     
    A possessore piace questo elemento.
  2. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Senti un avvocato che ti mostrerà come vanno esattamente fatte le ripartizioni. Accertati però di avere tutta la documentazione necessaria per mettere l'avvocato in condizioni di fare i conti con precisione, senza "se" e senza "ma".
     
  3. aristideloris

    aristideloris Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La soluzione migliore è senz'altro quella di dare mandato ad un legale per capire che possibilità ci sono di definire con precisione quali e a chi sono da attribuire i debiti.
    Infine anche questa considerazione: l'Agente Immobiliare ti avrebbe dovuto consigliare (come di norma dovrebbero fare tutti i mediatori) di richiedere, prima di andare dal notaio a "rogitare", di farti rilasciare una liberatoria dall'Amministratore del condominio, sulla quale sarebbero risultati i debiti del precedente proprietario.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  4. echo

    echo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Dall'avvocato andrò senz'altro con tutti i documenti, sia del condominio (verbali, tabelle millesimali, consuntivi...) che relativi alla compravendita. La mediatrice si sta molto spendendo per sistemare questa cosa, pare che l'abbia saputa solo poche ore prima del rogito, e secondo me ha paura che possa rivalermi anche su di lei...
     
  5. fpsoft

    fpsoft Nuovo Iscritto

    Per quanto riguarda le detrazioni, se non specificato diversamente nel rogito spettano al proprietario attuale. Quindi se 2 anni fa sono state pagate dal vecchio proprietario somme per lavori detraibili al 36% in 10 anni (classiche ristrutturazioni) potrai detrarle tu per i prossimi 8 anni anche se ha pagato l'ex proprietario.
     
    A Jrogin e alberto bianchi piace questo messaggio.
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    vuisto che l'ha saputo prima del rogito perchè non te ne ha parlato? comunque aspettiamo gli agenti dell sito affinchè ci dicano se e come risponde la loro collega..
     
  7. echo

    echo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Si tratta del rifacimento dell'impianto elettrico, deliberato ad aprile o maggio 2012. Le due rate per il lavoro sono scadute a maggio e ad agosto... la prima è stata pagata,ma la proprietaria vuole i soldi indietro dall'amministratore. La seconda non è stata pagata.

    Mi sembra strano comunque che possa avvalermi io della detrazione se non pago io... ci sono dei riferimenti normativi?

    Arianna26, perchè ingenuamente pensava che la proprietaria se ne occupasse, come le aveva promesso. Secondo me hanno fatto una scemenza entrambe.
     
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non c'è alcun dubbio che tu rispondi di qualsiasi cosa dal momento che la casa è diventata tua, c'è però da aggiungere che se siamo di fronte a malfattori la cosa si complica perchè l'amministratore si rifà sull'attuale proprietario. La cosa migliore è cercare di far ragionare tutti, innanzitutto l'agente immobiliare che ha taciuto un vizio e l'ex proprietaria la quale deve capire che quelle migliorie fanno parte dell'appartamento che ha venduto che è come dire che se la caldaia o la rubinetteria o le finestre erano nuove te le doveva far pagare? Insomma, io sonderei il terreno e vedere davvero chi ho davanti. Tu comunque hai tutte le carte in regola per sollevare un vespaio: l'incuria interessata dell'agente e il non onorare la firma dell'ex proprietaria. Nulla ti devi rimproverare, poteva succedere anche alla ventesima compravendita di case, anche se effettivamente l'agente immobiliare doveva farti pervenire il conteggio del riparto delle spese da parte dell'amministrazione del condominio
     
  9. echo

    echo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    L'idea che mi sono fatta è di persone che hanno fatto una scemenza per loro leggerezza, e che ora in qualche modo cercano di far ricadere il peso della cosa su di me. La proprietaria, quando mi ha sentito dire le parole "tribunale", "avvocato", etc, si è subito allarmata e ha chiesto di poterci incontrare per discuterne e chiarire la situazione. L'avvocato lo vedo domani, sentiamo cosa mi dice!
     
  10. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Fino a poco tempo fa era così, cioè che il nuovo proprietario usufruiva lui delle detrazioni.
    Adesso, con la nuova normativa, la cosa si può pattuire diversamente, cioè le detrazioni possono rimanere a favore del venditore, purchè ciò venga dichiarato espressamente nell'atto notarile di compravendita.
     
    A alberto bianchi, fpsoft e possessore piace questo elemento.
  11. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Esatto, è proprio così.
    In sostanza la vecchia proprietaria dovrebbe pagare tutte le rate relative ai lavori straordinari in quanto deliberati quando lei era ancora nelle proprietà dell'immobile (avvalendosi poi lei della detrazione fiscale).
    In secondo luogo dovrebbe pagare il conguaglio delle spese condominiali ordinarie fino a fine gestione 2011/2012, ovvero 30/4/2012, compresi tutti gli arretrati, nonché 5/12mi delle spese condominiali ordinarie totali per la gestione 2012/2013, ovvero per il periodo che va da maggio a settembre 2012 (se avete fatto il rogito in Ottobre 2012), calcolate in base al preventivo.
    Pertanto se le rate di anticipo sono 4 e sono di uguale importo (escluso il saldo), la prima rata (maggio, giugno e luglio) spetta a lei, la seconda (agosto, settembre e ottobre) spetta per 2/3 a lei e per 1/3 a te.
    Sempre che siano di uguale importo ... ripeto ... altrimeti bisogna calcolare i 5/12mi del totale delle rate (che spettano a lei) e i 7/12mi che spettano a te.
     
  12. suaaltezza1964

    suaaltezza1964 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    ciao ti posoo chiedere dove trovo questa normativa della detrazione,hai qiìulache link da trovare.un grazie suaaltezza1964
     
  13. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    SE ti vuoi erudire sull'argomento, quì trovi qualcosa.
    Google
     
  14. echo

    echo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Questo è esattamente ciò che avremmo dovuto fare, e avremmo dovuto farlo prima del rogito questo conteggio, non dopo, per altro cercando di addebitare a me spese che non mi competono in modo totalmente arbitrario (tra l'altro l'ho appreso dall'amministratore... e non dalla venditrice). Comunque oggi vado dall'avvocato, mi sento più tranquilla con il parere di una persona esperta, così domani incontrerò la venditrice, un suo delegato (che credo sia quello che ha fatto tutti i casini) e l'agente immobiliare con le idee chiare.
     
  15. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    a pagina 16 della Guida dell'agenzia delle entrate che ho allegato trovi:

    SE CAMBIA IL POSSESSO
    Se l’immobile sul quale è stato eseguito l’intervento di recupero edilizio è venduto prima
    che sia trascorso l’intero periodo per fruire dell’agevolazione, il diritto alla detrazione delle
    quote non utilizzate è trasferito, salvo diverso accordo delle parti, all’acquirente dell’unità
    immobiliare (se persona fisica).
    In sostanza, in caso di vendita e, più in generale, di trasferimento per atto tra vivi, il venditore
    ha la possibilità di scegliere se continuare a usufruire delle detrazioni non ancora utilizzate
    o trasferire il diritto all’acquirente (persona fisica) dell’immobile.
    Tuttavia, in assenza di specifiche indicazioni nell’atto di compravendita, il beneficio viene
    automaticamente trasferito all’acquirente dell’immobile.
    In caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero,
    esclusivamente all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta dell’immobile.
     

    Files Allegati:

    A possessore, Franca68 e Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  16. echo

    echo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Questa cosa della detrazione mi preoccupa: io non ero a conoscenza del fatto che c'erano da pagare qualcosa come 1100 euro di spese straordinarie, non le voglio pagare, ma a rogito non è stato detto nulla, non è stato preso nessun accordo! Io più ci penso più sono allibita, non aver pensato nemmeno per sbaglio di dirmi di tutte queste spese arretrate è pazzesco... ho già speso una discreta somma per sistemare la casa e metterci i mobili indispensabili, che io debba accollarmi anche i debiti è incredibile.
     
  17. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ottimo intervento Jrogin. Vorrei precisare che è IMPORTANTISSIMO fare scrivere nel ROGITO NOTARILE chi continuerà a fruire del recupero IRPEF del 36% o (attualmente e fino a Giugno 2013) del 50%: ciò al fine di dirimere correttamente eventuali controversie in merito.
     
  18. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certo che il notaio, se ne era a conoscenza e non l'ha fatto presente, è un bel .... non si può dire :rabbia:
     
    A possessore piace questo elemento.
  19. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mal comune, mezzo gaudio. E' prassi diffusa accollare i debiti agli acquirenti. Io nel 2009 ho comprato un box da 30.000 euro, scoprendo qualche mese dopo che c'erano 106 euro di debiti verso il condominio. Il venditore aveva dichiarato nel rogito che non esistevano debiti o pendenze di alcun genere, ma per 106 euro era chiaro che il gioco non valeva la candela, ossia non mi conveniva scomodare un legale. Ho anche contattato il venditore che mi ha detto candidamente che lui non avrebbe pagato perché quando era proprietario lui non gli erano arrivati i bollettini da pagare, pensate che scusa infame che s'è inventato!!! In più anche una scorrettezza da parte dell'amministratrice di condominio. Il venditore restava ancora proprietario di un posto auto scoperto nel medesimo condominio, quindi ho detto all'amministratrice che poteva accollargli comunque le spese pregresse del box, perché questo venditore era ancora legato al condominio per via dei debiti maturati grazie al posto auto scoperto. La risposta dell'amministratrice e' stata che "i debiti seguono l'immobile", e quindi dovevo pagare io; in pratica ha preferito chiedere i soldi a chi pagava (il sottoscritto), piuttosto che chiederli a chi era in debito già da tempo. Anche lì ho lasciato perdere... tirando fuori 106 euro.
     
  20. echo

    echo Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Noi qui intanto stiamo riuscendo ad accordarci con la venditrice a quanto pare... speriamo che tutto vada bene! Tutto ciò dovrà servirmi di lezione, in ogni caso.
     
    A possessore piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina