1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Diomedea

    Diomedea Nuovo Iscritto

    Salve a tutti,ho bisogno di un chiarimento sulla correttezza della richiesta di saldo delle insolvenze del vecchio proprietario fattami dall'amministratore,con raccomandata, in questi giorni.Ho acquistato nel dicembre 2007 l'appartamento in cui abito e dopo qualche mese ho scoperto che il vecchio proprietario non pagava le quote condominiali ordinarie dal 2003.Risultavano non pagate anche 6 rate "lavori edificio"messe in pagamento nell'anno 2005,così come indicato in tutti i rendiconti.L'amministratore mi chiede oggi(marzo 2012) di pagare 1)le quote ordinarie degli ultimi 2 anni.(OK su questa richiesta)
    2)tutte le quote straordinarie riguardanti i lavori di manutenzione dell'immobile in quanto "i lavori in oggetto
    venivano già deliberati successivamente l'acquisto del titolo di proprietà"
    Ora da quanto risulta dagli atti in mio possesso l'ingegnere direttore dei lavori nel 2008 ha soltanto aggiornato i prezzi unitari del progetto per i lavori di manutenzione,progetto peraltro presentato nel gennaio 2004 ed approvato dall'assemblea Condominiale in quell'anno ,particolare questo espressamente riportato nell'ultima relazione tecnica.
    Nel 2008 si è quindi soltanto rifatta la procedura,compresa la gara d'appalto per i lavori,e sono stati eseguiti i lavori.
    Presumo che anche nel 2004 fosse stata fatta una gara d'appalto sulla base della relazione tecnica del direttore dei lavori,mai messo in discussione come incarico.
    I miei dubbi sono questi:
    1)LA DELIBERA SUI LAVORI risale al 2004,se non come sarebbe stata determinata la quota richiesta ai singoli condomini?
    2)la sentenza di Cassazione del 3 dicembre 2010 n. 24654 attribuisce l'obbligo del pagamento al vecchio
    proprietario,fermo restando il principio di solidarietà per il nuovo,sulla base dell'art.63 dei dec.att. del Codice Civile.Ma in questo articolo il richiamo al suddetto principio è relativo alle insolvenze degli ultimi 2 anni,precedenti all'acquisto. Si estende anche agli anni precedenti?
    Presumo che dovrò pagare,ma mi sembra che almeno l'amministratore debba cambiare la motivazione della richiesta per consentirmi di rivalermi legalmente sul vecchio proprietario o su i suoi eredi.
    Ho il diritto di chiedere formalmente cosa è stato fatto per la riscossione del debito,anche in vista delle mie future azioni legali?
    Grazie ,Diomedea
     
  2. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Chiedo conferma agli esperti, ma mi sembra di ricordare che le delibere non attuate entro due anni decadano.
    Per cui se i lavori deliberati nel 2004 non sono stati eseguiti che nel 2008 la prima delibera era già decaduta e
    per questo motivo è stato necessario ricominciare da capo, pur salvando il progetto con le dovute modifiche e rifacendo la gara d'appalto.
     
  3. Diomedea

    Diomedea Nuovo Iscritto

    Grazie,ma se le cose stanno così (decadimento della prima delibera),quali sono le implicazioni?Come mai non mi sono state chieste subito le quote stabilite per il fondo lavori straordinari edificio?Potrò sempre rivalermi sul vecchio proprietario?In caso di risposta affermativa,l'amministratore non dovrebbe cambiare la motivazione della richiesta di saldo?Non dovrebbe sempre fornimi le copie delle delibere del 2004,alfine di consentirmi di agire legalmente nei confronti del vecchio proprietario?
    Diomedea
     
  4. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La situazione è piuttosto ingarbugliata e la colpa è anche tua. Quando si acquista, è sempre buona norma farsi rilasciare dal venditore una dichiarazione (che sarà l'amministratore ad emettere in primis) con la quale si attesta che " per l'appartamento XY sono state completamente saldate le quote condominiali fino all'esercizio amministrativo di cui al consuntivo del.......e che restano da pagare le somme bla-bla riferite alle spese straordinarie deliberate il........ed eseguite il......
    Solo così ci si tutela da amministratori poco precisi e da venditori poco onesti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina