1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. valesa51

    valesa51 Nuovo Iscritto

    In data 24/09/1996 e’ stato aperto con la Deutsche Bank un conto corrente bancario “tornaconto” n. 6977010100163182 , legato all’uso di una carta di credito, con un fido iniziale di Lire 10.000.000 (diecimilioni), aumentato nel 1998 a 15 milioni di lire, pari a Euro 7.746,85.I rimborsi, avvenivano con bollettini di pagamento mensili, e dal 15/10/1996 al 30/04/2002 sono stati restituiti dal sottoscritto la somma di lire 22.969.714 (ventiduemilioninovecentosessantanovemila/714) pari ad euro 11.862,87 dimostrabile attraverso le ricevute di pagamento. Sul conto corrente era applicato un tasso di interesse del 15,50% medio, che però per l’applicazione del meccanismo dell’anoticismo, della capitalizzazione degli interessi trimestrali e quindi del calcolo degli interessi sugli interessi, il tasso reale applicato fu del 49,10%. Tale applicazione anoticistica degli interessi, fu oggetto di regolare ricorso da parte del sottoscritto, con due raccomandate a.r. indirizzate alla direzione generale della Deutsche Bank del 7.07.2004 e del 28.12.2004, a cui la Banca rispose con lettera del 13 gennaio 2005 affermando vagamente di avere sempre agito correttamente e non entrando nel merito della questione sollevata. Da parte del sottoscritto, non seguì un ricorso giudiziario (errando).In data 03/04/2012 ,(dopo ben otto anni , e quindi debito prescritto) mi arriva la lettera raccomandata a.r. della Banca Ifis per conto della Deutsche BanK chiedendomi la restituzione di E.12.637,50 per crediti ed interessi maturati.
    In data 12.02.2013 mi viene notificato decreto ingiuntivo della stessa.
    Come fare opposizione al D.I.? il credito si è prescritto??
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 645 c.p.c.
    Il termine è decennale.
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. valesa51

    valesa51 Nuovo Iscritto

    se il presunto credito richiesto dalla Deutsche Bank, è derivato solo dal gioco degli interessi anotistici apllicati sul capitale, che invece è stato abbondantemente restituito, può essere motivo valido di opposizione???:disappunto:
     
  4. valesa51

    valesa51 Nuovo Iscritto

    se il credito presunto è stato solo determinato dall'applicazione degli interessi anotistici (in voga negli anni 90/duemila) , può essere invocato come motivo di opposizione????
     
  5. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    se insiste vedrà che qualcuno le manderà un facsimile di atto di citazione in opposizione pronto e solo da firmare.:shock:
     
  6. valesa51

    valesa51 Nuovo Iscritto

    sarei grato se qalcuno mi mandasse un copia facsimile di atto di citazione prima che scade il termine dei 40 giorni
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E poi che cosa pensi di farci, con quel fac-simile?
     
  8. valesa51

    valesa51 Nuovo Iscritto

    sarebbe di aiuto al mio avvocato per impostare meglio l'atto di citazione
     
  9. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
  10. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    allora forse sarebbe il caso di cambiare avvocato...
     
  11. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    allora è forse meglio cambiare il cervello di qualche cliente.:^^:
     
  12. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Per Valesa 51,
    se ho ben capito, mi permetto di suggerirti un consiglio in merito al tuo caso.
    Quanto ti sta succedendo è la normale conseguenza dell'aver accettato un fido di addirittura di 15 milioni su una carta revolving (meglio sarebbe chiamarla " carta revolver ", proprio per le conseguenze disastrose che porta l'utilizzo di questo strumento.
    Il fatto di avere restituito dal 15/10/96 al 30/4/2002 circa 23 milioni doveva suonare come un campanello di allarme.
    Ma da quanto appare ora sembrerebbe che il debito risultante dall'utilizzo della carta non sia stato totalmente azzerato a suo tempo ,per cui questo residuo ha continuato a maturare spese ed interessi.
    Nel frattempo dovresti avere ricevuto anche degli estratti conto o delle richieste di sistemazione del debito. Fatto sta che la Deutsche Bank ha ceduto il proprio credito alla Banca IFIS la quale ora si muove per recuperare il più possibile.
    Secondo me il ricorso contro il decreto ingiuntivo serve a poco.
    Vediamo come affrontare la questione nel miglior modo possibile.
    La cosa migliore sarebbe di accertare nella somma di 12.637,50 quanto è il capitale residuo rimasto da pagare e quanti sono gli interessi e spese reclamate, per stabilire un eventuale stralcio.Sulla quota capitale ,di regola, c'è poco margine di manovra a differenza degli interessi e spese. Tieni presente che la vendita del tuo credito è avvenuta per una quota più che modesta per cui puoi liberamente offrire un 30 / 40%di quanto richiesto. Credo che in questo modo potresti chiudere definitivamente il contenzioso.
    Ciao
    Ciao
     
  13. valesa51

    valesa51 Nuovo Iscritto

    decreto ingiuntivo deutsche bank

    ma una volta che il decreto ingiuntivo è stato notificato, se non mi oppongo come posso arrivare ad una proposta di saldo e stralcio???
     
  14. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Di regola il decreto ingiuntivo prevede un tempo di 40 giorni per ottemperare al pagamento di quanto richiesto.
    In questo lasso di tempo si può facilmente contattare il creditore o il suo legale e trattare la somma da pagare. Se il debitore dispone già della provvista la trattativa è veloce.Il creditore se è già a conoscenza che non può ricavare più di tanto dalle sue azioni,il saldo e stralcio può diventare una buona soluzione.
    Naturalmente la messa in atto di questa offerta prevede anche che il debitore non dovrebbe avere niente di intestato
    Io non conosco la situazione del debitore pertanto ho lanciato una possibile e veloce soluzione.
    Nel mio operare di volontariato proprio nel settore debiti di casi analoghi ne ho risolti diversi.
    Inoltre,dalla mia esperienza risulta che,in alcuni casi, l'opposizione al D.I. spesso è una non soluzione che serve solamente a prendere "un poco di fiato"
    Ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina