1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    In una sentenza di sfratto per morosità il giudice:

    Dichiara il contratto di locazione risolto per morosità

    -condanna il conduttore al pagamento della morosità per 1700 Euro
    -condanna il conduttore al pagamento delle spese legali per 2000 Euro,etc

    La sentenza contiene intrinsecamente un decreto ingiuntivo al pagamento ed è immediatamente esecutiva(tempo 10 anni per il recupero del credito)

    Il legale può attivarsi di Sua sponte per il recupero delle spese legali a Lui spettanti,o necessita che l'intimante provveda lui a farsi pagare pure le spese legali per poi rifonderlo?

    Altrimenti l'intimante può cedere l'intero credito come da sentenza al suo legale ,che provvederà di sua sponte al recupero dell'intero credito contenuto in sentenza?

    Grazie
     
  2. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Io credo che il legale deve essere pagato subito dal cliente e d'altronde il cliente stesso può chiedere al legale di procedere presso il tribunale per avere dall'ex-inquilino il rimborso delle spese legali.
     
  3. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nella mia esperienza (due sfratti per morosità e successivi decreti ingiuntivi per recupero credito verso i debitori) ho sempre pagato il mio legale, e successivamente ho recuperato le somme in forza dei decreti ingiuntivi esecutivi.
    Anche perché le spese che il giudice ha liquidato a carico dei morosi corrispondevano solo ad una parte della parcella emessa dall'avvocato. E l'avvocato, giustamente, desidera essere pagato abbastanza velocemente mentre il recupero credito mediante decreto ingiuntivo comporta tempi lunghi (individuazione dei beni aggredibili, pignoramento presso terzi del quinto dello stipendio e/o del c/c bancario, emissione del decreto di assegnazione, ecc).

    Per quanto riguarda la cessione del credito dall'intimante al suo legale: può essere una strada percorribile, ma mi chiedo perché un avvocato dovrebbe accettare questa soluzione che comporta per lui tempi lunghi e probabilmente altre spese. Mi sembra logico che l'avvocato incassi in tempi brevi quanto dovutogli dal suo cliente. Sarà poi quest'ultimo a darsi da fare per recuperare il credito.
     
  4. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    La risposta te la sei data da sola
     
  5. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    La vittoria delle spese ad es. nei contenziosi tributari viene indicata dal giudice e liquidata direttamente dall'AdE/Equitalia al Legale .
    Poi l'attore viene informato che il convenuto ha liquidato X al suo legale.

    Nelle cause civili per risarcimento danni (es.veicoli) la vittoria delle spese riconosciuta dal giudice viene liquidata direttamente al proprio legale ,poi l'attore viene informato dal convenuto che ha liquidato X al suo legale.

    Perchè sostenete che per i decreti ingiuntivi la vittoria delle spese ,il cui valore è indicato in sentenza,il legale dell'attore NON può DIRETTAMENTE agire sul convenuto ,condannato a pagare,ma necessita dell'autorizzazione dell'attore?

    Grazie
     
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E mi richiedo con tutti voi...prima di entrare nel vortice, meglio nella voragine
    procedurale dove anche in caso di vittoria non si recupera nè il credito, nè
    le spese e nè le parcelle... perchè non si opta per la transazione-ricatto e riottenere
    subito l'immobile??? Se tizio moroso quanto basta ha uno stipendio è difficile
    che lo diventi...di solito i morosi sono diventati incapienti per sopraggiunte
    difficoltà...otterranno il patrocinio e andranno avanti per un bel pò di tempo...
    Di fatto è un ladrocinio col consenso del legislatore e con un bel ritorno economico
    per il settore e per lo stesso Stato. Uno stato onesto farebbe scaricare fiscalmente tutta la spesa al disgraziato locatore...E anche qui siamo davanti ad una delle tante storture legislative che un politico illuminato e intelligente dovrebbe
    portare avanti per ottenere la modifica. I saccenti adoratori del sistema riflettano
    bene prima di continuare ad incensarlo...Piuttosto accanitevi con Quiproquo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina