1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. clabythesea

    clabythesea Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti!

    Ho bisogno di un aiutino per muovermi nelle burocrazie legate a prima casa, IMU etc….

    A ottobre 2011 ho fatto il rogito della mia prima casa e a dicembre e’ mancato mio papa’, ricevendo come successione il 50% del suo appartamento (l’altro 50% e’ di mio fratello che vive in un’altra Regione), in cui ho sempre vissuto e attualmente sto vivendo.

    I due appartamenti si trovano allo stesso indirizzo dello stesso Comune, ma in due torri diverse (facenti parte di uno stesso condominio).

    Come devo muovermi per il pagamento dell’IMU per la prima casa (in cui pero’ non ho ancora la residenza – mi era stato detto che avevo un anno di tempo dal rogito per cambiarla) e per la casa avuta in successione (ma risulta quindi come seconda casa??).

    Se dovessi cambiare la residenza pero’ mi e’ stato anche detto che effettivamente dovro’ poi abitare nel mio appartamento e che ci sono controlli, ma che ancora non e’ arredato perche’ pensavo di avere tempo fino ad ottobre………

    Mi dareste qualche delucidazione in merito?

    Grazie e tutti.

    clabythesea
     
  2. wmar

    wmar Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Perché la tua prima casa valga, ai fini IMU, come abitazione principale (permettendoti così di godere dell'aliquota agevolata e delle detrazioni previste dalla normativa), è necessario che il soggetto passivo (cioè tu) soddisfi il requisito della residenza anagrafica e della dimora abituale. Ergo, dovrai calcolare l'acconto (da versare entro il 18 giugno) trattando l'immobile in questione come "seconda casa"; se nel corso del 2012 prenderai lì la residenza e vi dimorerai abitualmente (comincia ad intestarti le utenze domestiche), allora potrai, al momento del saldo e relativamente ai mesi in cui i due requisiti sono stati soddisfatti, godere del trattamento fiscale riservato all'abitazione principale.
    L'altro immobile - caduto in successione e da te ereditato, e nel quale non hai intenzione di andare ad abitare- dovrà essere ovviamente assoggettato al regime fiscale previsto per le "seconde case".
     
    A piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina