1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Fab2015

    Fab2015 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno. Sono un Piccolo proprietario che da un paio di anni sta sbattendo la testa cercando di non farsi depredare dal fisco quei 4 soldi che rimedia da affitto. Sono capitato su questo forum per caso, mentre cercavo per l'ennesima volta informazioni utili. Ho già letto un sacco di post e in linea generale ho letto molta documentazione, ma mi piacerebbe confrontarmi con qualcuno che ha le stesse problematiche.

    In particolare, in questo momento vi sottopongo un quesito che forse avrete già affrontato.

    Recentemente sono rientrato in possesso di un immobile residenziale ( in comproprietà) e in accordo con gli altri proprietari abbiamo deciso di non affittarlo più come unità abitativa (4+4) stante la difficoltà di trovare inquilini per bene e della bassa reddittività di questa locazione. Avremmo quindi deciso la via della locazione breve, di cui potrei occuparmi anche direttamente, in forma non professionale, per coprire le spese in attesa di tempi migliori. Ora, secondo le notizie in mio possesso ( ho letto mille siti internet), io potrei anche farlo con pochi adempimenti ( è la cosa che mi preme di più, stante che non è attività professionale). Poi però, andando a leggere la legge regionale, saltano fuori una marea di adempimenti, che per me sottintendono una attività professionale.
    In particolare, leggo sulla legge regionale calabrese (essendo io tale) trovata su Casavacanze, un papello incredibile di adempimenti che già mi fanno passare la voglia. Possibile che io proprietario non sono legittimato a fittare un appartamento a una persona che me lo chiede per 5 gg? A me sembra incredibile, fatto salvo l'adempimento fiscale, ovvero dichiarare il compenso nel mod. Unico, e la Necessità ( oltre i 30gg) di dichiarare/registrare il contratto, francamente non capisco a cosa servano tutti questi lacciuoli. Mettiamo che io non voglia fare casa vacanza, ma semplicemente fittare casa a chi la vuole per 3-5-7-28 giorni massimo, che tipo di contratto di locazione dovrei fare? La locazione breve parte da 1 mese ed è subordinata a una esigenza del conduttore/locatore. Ma che deve fare un piccolo proprietario per essere in regola senza perderci la testa?

    Allego un estratto della legge regionale di Calabria riguardo le case vacanze.
    Buongiorno, scusate il post fiume.

    Art. 5

    Case e appartamenti per vacanze

    1. Sono case e appartamenti per vacanze gli esercizi ricettivi aperti al pubblico gestiti unitariamente

    e imprenditorialmente in forma professionale organizzata e continuativa, costituiti da almeno tre

    unità abitative. Ciascuna unità abitativa è composta da uno o più locali arredati e dotati di servizi

    igienici e di cucina autonomi, destinati ad alloggio di turisti per una permanenza minima di sette

    2. Nella gestione delle case ed appartamenti per vacanze sono assicurati i seguenti servizi essenziali

    per il soggiorno degli ospiti, compresi nel prezzo dell'alloggio:

    - fornitura costante di energia elettrica, acqua, gas e riscaldamento;

    - manutenzione delle unità abitative e degli arredi.

    3. Le case e appartamenti per vacanze devono rispondere ai requisiti igienico-edilizi previsti dalla

    normativa vigente e di regolamenti comunali.

    L'esercizio dell'attività ricettiva di case ed appartamenti per vacanze è soggetta ad autorizzazione

    rilasciata dal Comune, previa istruttoria espletata dall'Azienda di Promozione Turistica che

    a) domanda contenente, fra l'altro, la denominazione dell'esercizio e la sua ubicazione;

    b) planimetria dell'immobile con l'indicazione dell'uso cui sono destinati i vari locali, in

    originale o in copia autenticata a norma di legge, vistata dal Comune e accompagnata da

    copia conforme della concessione edilizia;

    c) relazione tecnica descrittiva a cura del responsabile del progetto;

    d) certificato d'iscrizione del titolare o gestore o del preposto, al REC Imprese turistiche di

    data non antecedente a tre mesi rispetto a quella della domanda; in caso di società,

    certificato d'iscrizione del legale rappresentante o di un institore dallo stesso preposto;

    e) certificato di agibilità rilasciato dal sindaco di data non antecedente a tre mesi, con

    indicazione per ciascuna camera dei posti letto autorizzati;

    f) certificato nulla osta provvisorio di prevenzione incendi, ai sensi della legge 7 dicembre

    1984, n. 818 e successive modificazioni;

    g) dichiarazione dell'attrezzatura e delle tariffe da praticare.

    4. L'Azienda di Promozione Turistica accerta la regolarità e la completezza della documentazione e

    verifica, sentito l'Assessorato regionale al turismo, che nel territorio regionale la denominazione

    dell'esercizio sia tale da non ingenerare confusione anche con altri esercizi ricettivi o contraddistinti

    da marchi che prevedono, per l'utilizzo di tale denominazione, particolari requisiti. Inoltre, accerta

    che la denominazione non sia stata attribuita ad altro esercizio ricettivo in attività o ad altro

    esercizio cessato. In quest'ultimo caso, l'uso della denominazione deve essere autorizzato

    formalmente dal titolare dell'azienda cessata.

    5. L'istruttoria per la classificazione, a seguito di sopralluogo effettuato da personale dipendente

    dell'Agenzia, si conclude con la proposta tecnica di classificazione alla Giunta regionale.

    sottoscritta dal dirigente dell'Azienda stessa.

    6. La Giunta regionale attribuisce, con propria deliberazione, la classifica sulla base della proposta

    trasmessa dall'Azienda di promozione turistica. L'Assessorato regionale al turismo cura la notifica

    del provvedimento al Comune e all'Azienda competenti per territorio.

    7. Le case e appartamenti per vacanze sono classificate in unica categoria tenuto conto dei requisiti

    minimi obbligatori di cui alla tabella allegato B.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il tuo immobile residenziale è costituito da almeno tre unità abitative?
    La gestione sarà imprenditoriale, in forma professionale organizzata e continuativa?
     
  3. AZALEA

    AZALEA Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Che tentazione di.. passare al NERO.. !!! ( Come non detto, però !)
     
  4. ncolitti

    ncolitti Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ma queste sono regole per chi svolge un'attività IMPRENDITORIALE. Tu che c'entri?!

    Io affitto una casetta al mare da qualche anno. Si fa un contrattino semplice che non si registra (sino a 30 gg.). Ad abundantiam, puoi scrivere che aderisci alla cedolare secca. A mio giudizio (ma non è pacifico!), non devi neanche fare l'a.p.e.!!
    L'anno successivo metti la cifra sulla dichiarazione dei redditi e stai in regola!

    Io faccio così. Chiedo al forum se ometto o sbaglio qualcosa?:)
     
  5. Fab2015

    Fab2015 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    E' quello che penso anche io, ma se poi tutti dicono che bisogna basarsi sulle disposizioni regionali ( anche per BnB e altro) salta fuori quell'inghippo che ho postato.

    Per l'attestato energetico, ho trovato un sito di un avvocato che invece dice che bisogna inserirlo nel contrattino, o quanto meno scrivere che il locatario ha ricevuto le informazioni necessarie.

    Nemensis, per quanto riguarda le unità abitative, intendi locali? Qui si parla di una appartamento di 55 mt., con 2 stanze, cucina e bagno. Roba che una famiglia media di 5 persone dorme per il corridoio da tanto è piccola.
    E' chiaro che non lo faccio in maniera imprenditoriale, ma vorrei comunque tutelarmi per esempio stipulando una assicurazione RC in caso di danni e in ogni caso vorrei escludere qualsiasi contestazione fiscale. Quindi non essendo casa vacanza ai sensi di quel regolamento regionale e non potendo nemmeno essere un contratto transitorio che parte da 1 mese, che contratto sto facendo? A che titolo? Ci sto diventando matto.

    Grazie per il vostro tempo.
     
  6. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    io seguirei il consiglio di ncolitti.
    è comunque un'attività stagionale non imprenditoriale.
    l'eccesso di regole serve a bloccare ogni inziativa e sottometterci al potentucolo locale di turno.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina