1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Stratoboom

    Stratoboom Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    fresco fresco di denunciad dei redditi il commercialista mi fa una doccia fredda!

    vi spiego...

    possiedo già un box messo a pertinenza della mia abitazione

    ne ho acquistato un secondo in costruzione e ho intenzione di metterlo sempre a pertinenza della casa.
    quindi voglio portare in detrazione il 50% del costo dichiarato dal costruttore.

    il commercialista sostiene che non posso avere più di un box a pertinenza e quindi non posso porcedere con le detrazione.

    io sapevo che posso avere infinite pertinenze sulla casa;
    chiaramente pagerò le relative tasse non come "prima casa"..
    rimane poi chiaramente il vincolo di non poterlo rivendere credo prima di 5 anni

    mi date conferma?

    grazie
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Ti confermo che la detrazione del 50% spetta anche sul secondo box di pertinenza.
    Pagherai quindi il box con il bonifico specifico e ti farai rilasciare dal costruttore l’attestazione dei costi sostenuti per la realizzazione del box.
     
    A possessore piace questo elemento.
  3. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ha ragione il Commercialista. L'agevolazione spetta per una pertinenza della stessa categoria
    ...................
    Le Istruzioni Ministeriali non pongono alcun limite al numero degli immobili che possono essere utilizzati come pertinenze, tuttavia, come riportato dalla previsione normativa, possono essere considerate tali esclusivamente le unità immobiliari, iscritte in catasto con autonoma rendita, classificate o classificabili nelle categorie diverse da quelle ad uso abitativo, destinate ed effettivamente utilizzate in modo durevole al servizio dell'abitazione principale, anche se non appartengono allo stesso fabbricato. Diversamente, si specifica per quanto riguarda l'acquisto degli immobili, che si può fruire dell'agevolazione prima casa (anche se l'acquisto avviene con atto separato) per le pertinenze, con il limite di una sola pertinenza per ciascuna delle seguenti categorie catastali: - cantina o soffitta (categoria catastale C/2); - garage o box auto (categoria catastale C/6); - tettoia o posto auto (categoria catastale C/7).
    -------------------------

    Mica vero !
    In teoria lo puoi vendere anche mezz'ora dopo averlo acquistato.
    Se lo rivendi ad un prezzo superiore a quello di acquisto, sulla differenza ( Plusvalenza=guadagno) pagherai l'apposita imposta sulle plusvalenze. In caso contrario non pagherai niente e avrai perso solo tempo.[DOUBLEPOST=1400704490,1400704237][/DOUBLEPOST]
    Hai ragione. Mi ha tratto in inganno l'agevolazione sulle imposte sull'acquisto della prima casa, cosa diversa dalla detrazione del 50%.

    :fiore:
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    :confuso: e allora? METTETIVI D'ACCORDO CHE stratoboom è in attesa di sapere se può o meno recepire queste agevolazioni o meno
     
  5. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Infatti.:)

    La risposta è sì (v. post n. 2).
     
  6. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Confermo al 100% ogni parola.
     
  7. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Mi viene a questo punto voglia di porre un quesito: in che cosa una cantina (cat. C2) differisce da un box (cat. C6)?
     
  8. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si può rendere pertinenziale anche una cantina, però la normativa sulla ristrutturazione edilizia comprende - negli interventi per i quali si può beneficiare del recupero IRPEF al 50% decennale - solamente l'acquisto (dal COSTRUTTORE) di box e posti auto pertinenziali, senza fare cenno alle cantine, che quindi restano escluse.
     
  9. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    La domanda è generica: come si distingue una cantina da un box?
     
  10. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Con un buon dizionario dovresti farcela.
     
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un Matematico come te non può fare queste domande.
    Il 2 è un numero diverso dal 6, e rappresenta solo 1/3 del secondo numero.
    In comune hanno solo il numero delle lettere: 3 , d u e , s e i,
     
  12. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Tu ci scherzi, ma sai quante volte metto in difficoltà gli esperti sull'elemento dirimente?
     
  13. Stratoboom

    Stratoboom Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    grazie a tutti

    ora sto cercando di dirimere col commercialista che il beneficio di detrazione del 50% per ristrutturazione è cosa diversa dall'agevolazione sull'acquisto.

    il bello è pagare i professionisti per poi dimostrargli che sono convinti di cose errate....
     
  14. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Nulla ti vieta di cambiare professionista. Sono pagati per spiegare le cose a noi, e non il contrario. Io, al posto tuo, un dubbio me lo sarei fatto venire!
     
  15. Stratoboom

    Stratoboom Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ultima domanda

    se l'anno prossimo prendessi un terzo box , è sempre ammissibile in detrazione?
     
    A possessore piace questo elemento.
  16. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Assolutamente sì, tu puoi collegare tutte le pertinenze che vuoi alla tua abitazione principale. Il patto è, appunto, che tu colleghi questi box DICHIARANDO, NEL ROGITO NOTARILE DI COMPRAVENDITA, che intendi acquistarli come pertinenza dell'abitazione principale.

    Unica cosa, attenzione al principio di incapienza IRPEF. Il recupero IRPEF ti permette di recuperare al massimo l'IRPEF che paghi, se ogni anno hai 6000 euro d'IRPEF, e hai recuperi per ristrutturazione edilizia di 60.000 euro, l'eccedenza di 54.000 euro la perdi e recuperi solo i 6000 euro della tua IRPEF.[DOUBLEPOST=1401871085,1401870883][/DOUBLEPOST]Uno degli articoli del tuo rogito notarile dovrà contenere una dicitura simile alla seguente:

    Articolo 2: La parte acquirente, ai sensi della Legge 122/89 (e successive modifiche e integrazioni) dichiara di voler destinare il box acquistato a pertinenza dell'alloggio di sua proprietà sito in ROMA, Via della Villa di Lucina N. 1, posto al piano decimo, distinto con il numero interno 37, acquistato con atto a rogito del Notaio Giannino Stoppani di Roma in data 10 Agosto 1989, Repertorio n. 123456, registrato a Roma - Atti Pubblici il 10 Settembre 1989 al n. 67890 serie III.

    Senza una tale dicitura, NON POTRAI BENEFICIARE DEL RECUPERO IRPEF 50% DECENNALE.
     
  17. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    (nota personale: io per esempio ho due box pertinenziali a Roma, sui quali recupero per il primo 1728 euro l'anno, per il secondo 900 euro l'anno. Sia il primo che il secondo hanno beneficiato dell'allora recupero IRPEF 36% decennale, perché il 50% non era ancora entrato in vigore).

    NOTA BENE: Il recupero IRPEF del 50% si può attuare solo sul COSTO DI COSTRUZIONE, ossia sul COSTO PER LA REALIZZAZIONE DEL BOX, senza più l'obbligo di indicare a parte il costo della manodopera. Ad esempio, il primo box di cui parlo nel mio caso mi costò 70.000 + IVA 10%, ma il massimale era 48.000 Euro con recupero del 36% decennale. Le spese di costruzione erano 51.000 Euro e così ho spalmato i 48.000 euro "massimali" col 36% in 10 anni, e viene appunto 1728 euro l'anno. Per il secondo, pagato 45.000 + IVA 10%, il massimale era sempre 48.000 Euro ma i costi di costruzione erano 25.000 Euro, sicché ho potuto recuperare solo il 36% di 25.000 euro, in 10 anni (e vengono 900 euro l'anno tondi tondi). Nel tuo caso, oggi è cambiata sia la soglia (che quella volta era 48.000 euro e oggi è aumentata), sia la percentuale (era 36% e ora è 50%). Ricordati di farti rilasciare dal costruttore una DICHIARAZIONE, firmata e timbrata, dove sia indicata l'ENTITA' del COSTO DI COSTRUZIONE omnicomprensivo (non c'è l'obbligo di scrivere a parte quant'è costata la manodopera).
     
  18. Stratoboom

    Stratoboom Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Siete meglio dell'ade!
    Più veloci e efficaci.
    W il forum!

    Ok, so che al massimo detraggo l'IRPEF che pago.
    Il limite dei 96000 si applicherebbe solo ai box o include anche la ristrutturazione sull'abitazione?per me sarebbe tutto in pertinenza sullo stesso alloggio.

    Da quello che scrivi tu sembra che hai il limite di 48000 per ogni box.
     
    Ultima modifica: 4 Giugno 2014
    A possessore piace questo elemento.
  19. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anche le ristrutturazioni edilizie sulla tua abitazione rientrano nel limite dei 96000 euro di spesa sostenuta nell'anno 2014.

    C'è un lungo elenco di ristrutturazioni edilizie che ci rientrano perfettamente, per esempio la sostituzione di una porta tradizionale con una porta blindata è un intervento di ristrutturazione edilizia a tutti gli effetti.

    Per l'elenco completo, ti rimando all'EDIZIONE MAGGIO 2014 dell'elenco ufficiale messo a disposizione dall'Agenzia delle Entrate:

    http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia comunica/Prodotti editoriali/Guide Fiscali/Ristrutturazioni edilizie le agevolazioni fiscali/Guida_ristrutturazioni_maggio.2014.pdf

    Ho pensato bene di allegare il file, prima che sparisca dal sito ;)

    Ricordate però che il documento è in continuo aggiornamento, e la fonte ufficiale e' solo ed esclusivamente il sito www.agenziaentrate.it

    DA PAGINA 26 A PAGINA 32 del suindicato documento, troverai l'elenco completo degli interventi suscettibili di recupero IRPEF 50% poiché afferenti alla ristrutturazione edilizia.[DOUBLEPOST=1401875646,1401875436][/DOUBLEPOST]Ricorda anche che I PAGAMENTI, AL FINE DI POTER FRUIRE DEL RECUPERO IRPEF 50% SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE, vanno fatti con un BONIFICO speciale che E' BUONA NORMA DISPORRE A SPORTELLO e non da casa. Infatti, con l'Home Banking molti operatori finanziari (tra cui Poste Italiane) *NON* danno la possibilità di disporre il bonifico per ristrutturazione edilizia, e bisogna andare alle poste, fare la coda, compilare il modulo all'uopo predisposto, farsi fare una stampa di verifica dall'operatore per poter controllare l'esattezza dei dati prima di pagare, strisciare la carta postamat maestro, digitare il pin, ed è fatta.

    La differenza della disposizione data a sportello è che l'operatore di sportello riconosce il bonifico "speciale" (perché è finalizzato alla ristrutturazione edilizia), ed usando l'apposito menù fa sì che il QUATTRO PER CENTO della somma che voi pagate finisca nelle CASSE DELLO STATO a titolo di RITENUTA DI ACCONTO.
    Se non c'è questa TRATTENUTA, che per voi che pagate è TRASPARENTE ma fa venire mal di testa solo al VOSTRO FORNITORE, non potrete fruire del recupero IRPEF, quindi massima attenzione.
     

    Files Allegati:

  20. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il limite oggi non è più 48000 ma 96000 ed è riferito alla singola unità immobiliare. Nella causale del bonifico infatti è buona norma, oltre ai riferimenti legislativi, introdurre anche l'identificazione dell'immobile con via, civico e interno che lo contraddistingue.[DOUBLEPOST=1401876170,1401876078][/DOUBLEPOST]A PAGINA 2 DEL PDF SOPRA INDICATO, c'è infatti scritto:

    Le novità più recenti sono state introdotte:
    - dal decreto legge n. 83/2012, che ha elevato, per le spese effettuate dal 26
    giugno 2012 al 30 giugno 2013, la misura della detrazione (50%, invece di
    quella ordinaria del 36%) e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio
    (96.000 euro per unità immobiliare, invece che 48.000 euro)[DOUBLEPOST=1401876204][/DOUBLEPOST]Sono fresco di CAUSALE del bonifico, se aspetti un attimo ti dico la mia, con POSTE ITALIANE posso mettere massimo 78 CARATTERI nella causale.

    Un secondo che la prendo.[DOUBLEPOST=1401876352][/DOUBLEPOST]Io per il pagamento di acconto di una nuova porta blindata ho usato questa causale:

    FATT30 ACCONTO PORTA BLINDATA V PAPPAGNAPPA 99 INT99 AN ART16BIS DPR 917 1986

    Si nota tra l'altro:

    FATT30 ===> Fattura numero trenta
    ACCONTO PORTA BLINDATA ===> Attività eseguita, pagamento in acconto su una nuova porta blindata
    V PAPPAGNAPPA 99 INT99 AN ==> Via Pappagnappa 99, interno 99, Ancona
    ART16BIS DPR 917 1986 ==> Riferimento normativo, INDISPENSABILE, articolo 16 bis del decreto Presidente della Repubblica numero 917 del 1986.[DOUBLEPOST=1401876437][/DOUBLEPOST]Nel caso di acquisto di un box pertinenziale ad esempio la causale sarebbe:

    FATT99 ACQUISTO BOX V DEL CORSO 10 INT3 RM ART16BIS DPR 917 1986

    Fattura 99, Acquisto box in Via Del Corso 10, Interno 3, Roma, Articolo 16bis DPR 917/1986.

    Abbastanza facile predisporre la causale, l'importante è non dimenticare nessuno degli elementi che ho indicato, anche il riferimento al numero della fattura è importante.
     
    A Stratoboom piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina