1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Buongiorno volevo avere un opinione sulla tipologia di bonifico.
    Sto cominciando la ristrutturazione del tetto, eseguita dalla stessa ditta con miglioria della riqualificazione energetica e conseguenti opere finalizzate alla messa in sicurezza prevista dall'attuale normativa antisismica (cordolo in cemento armato-campate nuove ecc).
    Il pagamento verrà effettuato in tre riprese inizio lavoro, avanzamento e saldo.
    Tutto rientra nel 65% quindi a rigore di logica tre fatture tre bonifici per relativa detrazione... ma ahimè essendo in Italia e le cose semplici spesso si complicano mi sorge questo il dubbio :
    Soluzione a ) come detto tre fatture pago con tre bonifici detrazione 65%riqualificazione energetica.
    Soluzione b) pagare la parte relativa alla messa in opera della riqualificazione energetica con bonifico al 65% e la parte relativa all'antisismica con il bonifico di ristrutturazione al 50% ovviamente facendo presente precisando nella causale che trattasi di lavori finalizzati alla messa in sicurezza specificando la detrazione al 65%..
    Secondo voi?Le guide fiscali dell'agenzia dell'entrate sono due detrazione 65% riqualificazione e 50% ristrutturazione: quella del 65% tratta di risparmio energetico ; quella del 50% tratta le messe in sicurezza antisismicche detraibili al 65% ma sembrerebbe che il pagamento debba essere effettuato con il bonifico per ristrutturazione.
    Grazi
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Dipende.
    Per beneficiare della detrazione 65% sull’adeguamento antisismico degli edifici è indispensabile che:
    1.
    lo stabile sia effettivamente adibito ad abitazione principale (o ad attività produttiva)
    2. lo stabile si trovi nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) individuate dall’'Ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3274/2003.
     
  3. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Grazie Dolly... infatti sono nella zona tre...quindi sono obbligato alle opere antisismiche antisismica senza beneficiare della detrazione al 65% :triste:..

    Gentilissima come sempre!!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina