1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Buon giorno, sto cercando di inserire una nuova discussione ma vedo che non ci riesco, vediamo se oggi sono più fortunato.

    Mio figlio ha 37 anni, non è con me convivente (residenza per conto suo) e nel 2013 non ha avuto reddito, ho provveduto io al mantenimento suo e della sua famiglia.
    Posso usufruire della detrazione per figli a carico?
     
    A pic65 piace questo elemento.
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Possono essere considerati a carico, anche se non conviventi con il contribuente o residenti all'estero il coniuge e i figli, indipendentemente dal superamento di determinati limiti di età e dal fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito.
    Nel tuo caso, il figlio disoccupato è un tuo familiare a carico e puoi usufruire di detrazione. Saluti.[DOUBLEPOST=1402730114,1402730103][/DOUBLEPOST]
     
  3. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Grazie essezeta67 allora avevo interpretato giusto. Secondo te posso usufruire della detrazione al 100% oppure devo fare al 50% con l'ex coniuge anche se non ha contribuito?
     
  4. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    In casi normali (coniugi non ex) in presenza di redditi di entrambi i coniugi, le detrazioni spettano o al 100% di chi ha il reddito più alto o al 50% di entrambi.
    Nel tuo caso, vista l'età del figlio non più soggetto ad affidamento ad un genitore da parte del tribunale, le detrazioni le farei sfruttare a chi realmente si è occupato del figlio a carico...saluti.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  5. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Grazie essezeta67 giustamente come ricordavi tu in presenza di un figlio ed ex coniugi la detrazione spetta al 100% al genitore affidatario se percettore di reddito assoggettabile ad IRPEF (anche se non capisco perchè) come anche confermato da una nota dell'ADE, e questo già succede con l'altro mio figlio di 26 anni affidato, in sede di divorzio, alla madre.
    Per il grande lo metterò al 100% visto che ho mantenuto lui, i miei nipotini e la sua compagna. Avrei potuto mettere anche i miei nipoti come altro famigliare a carico ma, purtroppo, non posso dimostrare di averlo fatto con le classiche "pezze d'appoggio".
     
  6. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusami, perché non puoi dimostrarlo? Ed allora chi li ha mantenuti? Se nessuno della tua famiglia ha redditi, qualcuno li ha mantenuti. Se nessuno se li detrae, non resti che tu a detrarli. Dando soldi a tuo figlio la somma varia se a questi ci aggiungi altri parenti. Sono poi proprio in linea retta. Chi puo' contestare? Aggiungo ad onor di cronaca che si può detrarre anche la consuocera, quindi anche la nuora. La legge e' chiara su questo: impone di provvedere al mantenimento anche dei suoceri e delle nuore.
     
  7. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta ARCIERA, ma per gli altri famigliari a carico bisogna che questi convivano con il dichiarante o quest'ultimo versi un assegno alimentare non disposto dall'autorità giudiziaria, quindi su base volontaria e che comunque questo versamento sia tracciabile.

    Assegno di mantenimento è una cosa, l'alimentare è un'altra.

    L'ADE.
     
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non capisco. Se la legge impone il mantenimento, perchè non lo si può detrarre? Non credo che si possa distinguere un assegno di mantenimento con quello alimentare. A parer mio l'ade non può contestare. La legge parla chiaro: le detrazioni spettano anche quando non si è fiscalmente a carico e anche quando non si convive.

    La disposizione dell’art. 148 c.c., nel testo modificato dalla riforma del diritto di famiglia (L. 151/1975), sancisce l’obbligo primario di mantenimento dei figli minori da parte di entrambi i genitori e quello sussidiario degli ascendenti “quando i genitori non hanno mezzi sufficienti”.
    il bene oggetto di tutela immediata è il minore, sicchè l’obbligazione ex art. 148 c.c.scatta in presenza di oggettiva inadeguatezza dell’apporto da parte dei genitori (quando non possano o non vogliano) indipendentemente in questa fase dalla accertamento di eventuali responsabilità degli stessi lasciato a diverso ambito di indagine, essendo in questa sede primario assicurare al minore il suo diritto al mantenimento, in modo celere, concreto e fattivo (per spunti in merito, anche Tribunale Taranto, 04/02/2005 in Foro It. 2005, I, 1599).
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La detrazione prevista per familiari a carico (con il vincolo del limite di reddito complessivo di 2.840,51 euro), è una cosa. Gli assegni alimentari corrisposti ai familiari indicati nell’art. 433 del c.c., che sono deducibili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell'autorità giudiziaria, è altra cosa.
     
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si, certamente hai ragione, mi sono spiegata male, mia colpa, intendevo dire che se la legge impone il mantenimento, poco importa se è il giudice o la circostanza, (importa nella deduzione o detrazione) in questo caso di casanostra, lui potrà a parer mio sicuramente detrarre tutti i componenti della sua famiglia. Ovvero quelli che la legge gli costringe a mantenere. Giudice o non giudice. Detrarre, come scrivevo, e non dedurre.
     
  11. pic65

    pic65 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buon giorno, nuova entrata, quindi non so ancora come agire e mi scuso se commetto errori.
    Volevo solo chiedere info sulle detrazioni per figlio a carico, io e aimè...ho un figlio che da luglio 2014 è in carcere, volevo solo info se posso chiedere le detrazioni, preciso che nell'anno 14 ha lavorato solo 1 mese.
    Grazie a tutti.
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Puoi considerarlo a carico per l'intero anno se tuo figlio nel 2014 non ha superato il limite di reddito di Euro 2.840,51. Se nel mese in cui ha lavorato era lavoratore dipendente, il reddito imponibile lo puoi ricavare dalla Dichiarazione Unica ( ex CUD) al Punto 1. Ammesso però che non abbia altri redditi di altra natura.
    Se non sei separato o divorziato e tua moglie è a tuo carico, oppure sei vedovo, la detrazione spetterà a te per il 100 %, altrimenti andrà divisa per 2, 50% a testa.
     
    A pic65 piace questo elemento.
  13. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Una nota dell'agenzia delle entrate ha chiarito che in caso di separazione e divorzio, la detrazione spetta per intero al coniuge affidatario.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se i genitori non sono legalmente ed effettivamente separati la detrazione per figli a carico deve essere ripartita nella misura del 50% ciascuno.
    Tuttavia i genitori possono decidere di comune accordo di attribuire l’intera detrazione al genitore con reddito complessivo più elevato per evitare che la detrazione non possa essere fruita in tutto o in parte dal genitore con il reddito inferiore.
    In caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio la detrazione spetta, in mancanza di accordo tra le parti, nella misura del 100% al genitore affidatario oppure in caso di affidamento congiunto nella misura del 50% ciascuno.
    Anche in questo caso i genitori possono decidere, di comune accordo, di attribuire l’intera detrazione al genitore con reddito complessivo più elevato; tale possibilità permette di fruire per intero della detrazione nel caso in cui uno dei genitori abbia un reddito basso e quindi un’imposta che non gli consente di fruire in tutto o in parte della detrazione.
    La detrazione spetta per intero a uno solo dei genitori quando l’altro genitore è fiscalmente a carico del primo e nei seguenti altri casi:
    - figli del contribuente rimasto vedovo/a che, risposatosi, non si sia poi legalmente ed effettivamente separato;
    - figli adottivi, affidati o affiliati del solo contribuente, se questi è coniugato e non è legalmente ed effettivamente separato.
     
    A Elisabetta48 e alberto bianchi piace questo messaggio.
  15. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Scusa il sarcasmo ma se il figlio è in carcere per sei mesi a rigor di logica è a carico del genitore per i soli mesi in cui non è in carcere....per il resto mangia, beve, alloggia e consuma acqua ed energia elettrica a carico di tutti i contribuenti e quindi anche a carico mio......come tutti gli altri che sono in carcere....
     
    A pic65 piace questo elemento.
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @essezeta67 , in base alla logica hai ragione tu ma ho dei seri dubbi dal punto di vista pratico fiscale.
    Chiediamo l'intervento ed il parere di altri forumisti. Invece che in carcere potrebbe anche vivere a casa della fidanzata, senza aver alcun reddito. E trattandosi di figlio, non è richiesta nemmeno la residenza con il genitore per essere considerato a carico.
     
    A pic65 piace questo elemento.
  17. pic65

    pic65 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Questo è un bell'enigma, a interpretazione tutti hanno ragione, ma la legge cosa dice ?
    Pensate che neppure il mio avvocato non sa darmi una risposta, forse che si forse che no....
    chiedo aiuto,
    ancora GRAZIE.
     
  18. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Vedrai che presto arriveranno altri interventi autorevoli. Del resto una legge non può elencare tutte le possibili situazioni. In casi del genere la questione si risolve con un Interpello o una Circolare dell'Ade. Può anche darsi che il tuo caso sia già stato affrontato e risolto.
    @Nemesis , è gradito il tuo intervento.
     
    A pic65 piace questo elemento.
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 2 della legge n. 354/1975:
    "Le spese per l'esecuzione delle pene e delle misure di sicurezza detentive sono a carico dello Stato.
    Il rimborso delle spese di mantenimento da parte dei condannati si effettua ai termini degli articoli 145, 188, 189 e 191 del codice penale e 274 del codice di procedura penale.
    Il rimborso delle spese di mantenimento da parte degli internati si effettua mediante prelievo di una quota della remunerazione a norma del penultimo capoverso dell'articolo 213 del codice penale, ovvero per effetto della disposizione sul rimborso delle spese di spedalità, richiamata nell'ultima parte dell'articolo 213 del codice penale.
    Sono spese di mantenimento quelle concernenti gli alimenti ed il corredo.
    Il rimborso delle spese di mantenimento ha luogo per una quota non superiore ai due terzi del costo reale. Il Ministro per la grazia e giustizia, al principio di ogni esercizio finanziario, determina, sentito il Ministro per il tesoro, la quota media di mantenimento dei detenuti in tutti gli stabilimenti della Repubblica.
    "
    Art. 188 c.p.:
    "Il condannato è obbligato a rimborsare all'erario dello Stato le spese per il suo mantenimento negli stabilimenti di pena, e risponde di tale obbligazione con tutti i suoi beni mobili e immobili, presenti e futuri, a norma delle leggi civili.
    L'obbligazione non si estende alla persona civilemente responsabile , e non si trasmette agli eredi del condannato
    ".
     
    A pic65 e essezeta67 piace questo messaggio.
  20. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Eh già, se uno non ha niente rimane comunque a carico di tutti i contribuenti...come immaginavo...
     
    A pic65 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina