1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. kingpin

    kingpin Membro Junior

    tra le Condizioni per chiedere la detrazione descritte qui si dice

    gli interventi per la realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone portatrici di handicap gravi, ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 104/1992.

    Si ipotizzi l'acquisto e posa in opera di impianto domotico che, tramite la comunicazione via sms o telefono, permette di gestire alcuni apparati domestici come la caldaia, le tapparelle, le luci, ecc.

    Questo impianto di sicuro è "idoneo a favorire la mobilità", ma è necessario che nel nucleo familiare risieda una persona portatrice di handicap grave, ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 104/1992 ?
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ti sei risposto da solo......
     
  3. kingpin

    kingpin Membro Junior

    grazie essezeta67 ma in realtà NON mi sono risposto affatto.

    in altre leggi o circolari è espressamente indicato: "nel nucleo familiare residente nell'abitazione vi sia una perosna portatrice di handicap gravi ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 104/1992"

    Qui invece, la legge si limita a dire "idoneo a favorire la mobilità ... per le persone portatrici di handicap gravi"

    L'impianto di domotica SICURAMENTE favorisce la mobilità dei portatori di handicap, quindi gode delle detrazioni ANCHE se il disabile non vi risiede. Interpreto correttamente?
     
  4. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il legislatore avrà inteso che il portatore di handicap sarebbe stato facilitato nella vita di tutti i giorni, provvedendo all'installazione di detti dispositivi e agevolandoli fiscalmente, quindi il soggetto dovrebbe almeno vivere nell'abitazione dove vengono installati......se il soggetto con handicap vive da un'altra parte, l'installazione di questi dispositivi è un lusso che di sicuro non è giusto debba godere di agevolazioni fiscali.........
     
  5. kingpin

    kingpin Membro Junior

    il principio è sicuramente condivisibile, ma se il legislatore non ha specificato nulla circa la residenza (mentre per altre agevolazioni lo ha fatto) il dubbio interpretativo viene spontaneo....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina