1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. verniani

    verniani Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve,vorrei sapere se le detrazioni al 50% per le ristrutturazioni di un immobile,a carattere straordinario sono prorogate a tutto il 2015.Grazie
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    A quanto pare sembra proprio di sì....
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    È presto per dirlo.
     
  4. cris64

    cris64 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    fino a dicembre 2015 scendono a 40%, poi da gennaio 2016 a 36%
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La normativa sarà modificata con la legge di stabilità 2015, all'esame del Parlamento.
     
  6. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    E teoricamente (stando alle intenzioni poi vedremo su carta) dovrebbe essere prorogato non solo per il 2015 e la detrazione dovrebbe rimanere sempre del 65% per gli interventi riguardanti il risparmio energetico ed 50% per la ristrutturazione.
    L'unica cosa che non ho capito è se i limiti incentivabili oltre cui non è possibile utilizzare le detrazioni fiscali (96.000€) permangono per il futuro...ne sa di più su questo elemento??
     
  7. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Chissà se ne sa qualcosa la Confedilizia.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Lo saprà, come tutti, quando vi sarà un provvedimento di legge pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
     
  9. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Oddio, forse qualche deputato o qualche senatore ha collegamenti con la Confedilizia, nel rispetto pieno della legalità.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nessun deputato, nessun senatore e quindi nemmeno Confedilizia può sapere con certezza che cosa prevederà una legge attualmente inesistente.
     
  11. jac1.0

    jac1.0 Ospite

  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Per restare a quanto si stava discutendo (detrazioni 2015), se volete divertirvi a commentare quello che attualmente è solo un disegno di legge:
    Art. 8
    (Ecobonus e ristrutturazione)
    1. Al decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) all’articolo 14:
    1) il comma 1 è sostituito dal seguente: “1. Le disposizioni di cui all'articolo 1, comma 48, della legge 13 dicembre 2010, n. 220, e successive modificazioni, si applicano nella misura del 65 per cento, anche alle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2015.”;
    2) il comma 2 è sostituito dal seguente: “2. La detrazione di cui al comma 1 si applica anche alle spese sostenute per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali di cui agli articoli 1117 e 1117-bis del codice civile o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio nella misura del 65 per cento, per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2015.”;
    b) nell’articolo 16:
    1) al comma 1, l’ultimo periodo è sostituito dal seguente: “La detrazione è pari al 50 per cento, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2015.”;
    2) al comma 2, secondo periodo, le parole “al 31 dicembre 2014” sono sostituite dalle seguenti: “al 31 dicembre 2015”; nello stesso comma 2 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Le spese di cui al presente comma sono computate, ai fini della fruizione della detrazione di imposta, indipendentemente dall'importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione che fruiscono delle detrazioni di cui al comma 1 del presente articolo.”
     
  13. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Per ora hanno perso la partita. Ma torneranno alla carica: c'è da giurarci. Nel testo uscito dal comitato ristretto della commissione Finanze della Camera la Confedilizia, la lobby che Corrado Sforza Fogliani guida ininterrottamente dal 1991, ha ottenuto di poter indicare degli esperti all'interno delle commissioni censuarie incaricate di approvare i nuovi meccanismi di calcolo delle rendite immobiliari, ma non è riuscita a far passare la possibilità di ricorso giurisdizionale verso le funzioni statistiche del catasto che verrà.

    I proprietari di appartamenti potranno dunque continuare a contestare gli errori formali del fisco davanti alle commissioni tributarie, ma non impugnare il sistema di calcolo delle rendite,

    Nella prima frase sottolineata, mi sembra anche giusto che nelle commissioni censuarie possa discutere anche Confedilizia sui parametri che portano al calcolo delle rendite proprio per non arrivare a degli aumenti spropositati e non motivati che poi vanno a riflettersi sulle imposte degli immobili e come conseguenza pure sul valore di mercato degli stessi.

    Nella seconda frase mi sembra ovvio e banale per un semplice motivo: il sistema di calcolo delle rendite deriva da ciò che viene validato dalle commissioni e che (come conseguenza) viene inserito come parametro all'interno del programma DOCFA. Ora ai più potrà fregarne poco, ma cambiare il DOCFA (programma gestito direttamente dalla Sogei per conto dell'Ade) implica il cambiamento delle rendite degli immobili e di conseguenza delle imposte a cui devono essere assoggettati. Contestare il metodo di calcolo delle rendite porterebbe in primo ogni volta l'Ade a dover rettificare (e quindi spendere altri soldi per il programma) ed in secondo luogo a creare un bel putiferio sull'accatastamento degli immobili.

    Immaginate di poter impugnare il catasto di un'abitazione ristrutturata, nel momento in cui il Tecnico professionista dovesse richiedere l'agibilità dell'immobile ne rimarrebbe sospesa dato che uno dei requisiti fondanti della medesima è avere non solo il catasto, ma avere un catasto corrispondente alla reale situazione.

    Insomma lascio immaginare le conseguenze a voi delle impugnative.

    Io credo che PRIMA di cambiare impostazione (onde evitare un peggioramento della situazione attuale) sia quello di entrare proprio nel merito dell'accatastamento attuale e iniziando a comprendere che moltissimi immobili sono stati accatastati all'alba dei tempi quando le regole ma soprattuto il metodo di calcolo era molto diverso.

    Tant'è vero che l'immobile anni 70 mai ristrutturato (e quindi accatastato negli anni 70) non avrà mai la stessa rendita e classe dello stesso identico immobile gemello anni 70 (o prima) variato in seguito ad una ristrutturazione con conseguente cambio di censimento catastale ad esempio nei primi anni 2000.

    E' importante da ribadire il concetto (io per altro più volte ed in più post l'ho fatto proprio perchè lo conosco il problema lavorandoci con il catasto).
    L'immobile anni 70 mai ristrutturato quasi sicuramente ve lo troverete in A/4 o A/3 (se va bene) ma mi è capitato anche di trovarne in A/5 (con rendite molto molto inferiori)
    L'immobile anni 70 ristrutturato nel 2000 finisce in A/2 con tutte altre rendite (ben superiori alle precedenti)

    Altra cosa: Per il calcolo delle rendite le tariffe (che derivano poi dalle commissioni censuarie) sono Provinciali e differiscono anche molto le une dalle altre.
    I motivi sono differenze socio-economiche tra i territori in quanto ogni territorio ha la sua storia il suo sviluppo e la sua economia.

    Legate a queste differenze abbiamo poi sia il valore del terreno (edificabile o agricolo): esempio il valore dei terreni a Milano differirà da Roma e da ogni altro territorio.
    L'edificio ,proprio perchè sorge su terreni con valori completamente differenti ma anche costi di realizzazione differenti ed il materiale il cui costo non è neppure uguale all'interno dello stesso territorio, avrà dei costi di realizzazione e di conseguenza di vendita molto differenti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina