1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gianci

    gianci Nuovo Iscritto

    Vorrei cortesemente sapere quali sono i giustificativi da allegare al mod. 730 (va bene il vaglia postale ?) per comprovare il sostentamento di mio nipote di 6 anni che vive con sua mamma presso una parente. Mia figlia è disoccupata e lavora in nero saltuariamente mentre, il papà del bimbo, ex compagno di mia figlia, da sempre disoccupato, è come se non esistesse. Recentemente il CAF mi ha informato che posso usufruire della detrazione d'imposta per altri familiari a carico, ammontante a circa 600 euro annui, ma non mi ha saputo specificare quale cifra annua devo versare per il piccolo per poter usufruire di tale detrazione, Vi ringrazio.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il nipote (ma solo il figlio del figlio/a, non il figlio del fratello/sorella) può essere considerato a carico se convive con il contribuente o riceve dallo stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell'Autorità giudiziaria.
    Ciò premesso, il contribuente per poter fruire della detrazione per altro familiare fiscalmente a carico, nell'ipotesi di corresponsione di assegno alimentare non risultante da un provvedimento dell'Autorità giudiziaria, deve produrre idonea autocertificazione. In caso di richiesta degli Uffici il contribuente può avvalersi di qualsiasi idoneo mezzo di prova, come per esempio l'intestazione delle utenze, o del contratto di affitto dell'immobile, la documentazione bancaria, o altro mezzo.
    Naturalmente, perché il familiare possa essere considerato a carico, occorre che il familiare possieda un reddito, riferito all'intero anno, non superiore a 2.840,51 euro. In quel limite vanno pertanto conteggiati anche gli assegni alimentari che ha ricevuto.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  3. gianci

    gianci Nuovo Iscritto

    Considerando che mia figlia, disoccupata, e il bimbo vivono con una parente e quindi non è intestataria nè di utenze, nè di contratto di affitto e neanche di conti correnti bancari o postali, devo ritenere che come mezzo idoneo di prova va bene anche il vaglia postale ?
     
  4. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    E' così confermo.
     
  5. gianci

    gianci Nuovo Iscritto

    Stando a quel che dice l'addetto al CAF, la somma annua che dovrei versare al piccolo per spese alimentari deve essere sensibilmente superiore ai circa 600 euro previsti quale detrazione d'imposta nel mod. 730, nel senso che non deve trattarsi di una cifra irrisoria. Altro non è stato in grado di dire in quanto trattasi di un caso mai capitatogli prima. Cosa significa, che esiste una cifra minima oltre la quale scatta il diritto alla percezione della suddetta detrazione ?
     
  6. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se versi al piccolo 300 euro al mese, si superano i 2840 euro l'anno di reddito, a nome del bimbo, che danno diritto alla detrazione per il nipote a carico: ti consiglio di non dare più di 235 euro al mese con vaglia postale altrimenti superi il limite e perdi i 600 euro di detrazione. Saluti.
     
  7. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se hai la possibilità di dare qualcosa in più, intesta un altro vaglia alla figlia, e così puoi dimostrare di avere anche lei a carico (sempre nel limite di 2840 euro l'anno), oltre al nipotino....le detrazioni per i figli a carico non decadono quando sono adulti ma possono rimanere anche per tutta la vita (di chi li mantiene)....
     
  8. manuela311980

    manuela311980 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    La via più breve in realtà è quella di trasferire la residenza del nipote a quella del nonno e poi comunicare all'inps di avere diritto alle detrazioni per familiare a carico.
    In più potrebbe pure presentare domanda, sempre all'inps, per richiedere eventualmente pure gli assegni familiari per il piccolo.
    ;)
     
  9. gianci

    gianci Nuovo Iscritto

    Trasferendo la residenza del nipote a quella del nonno il piccolo non potrebbe più usufruire dell'esenzione ticket per esami di labiratorio o strumentali perchè a quel punto farebbe testo il reddito del nonno. O sbaglio ?
     
  10. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se il nipote risulta a carico del nonno, il reddito del nonno è da indicare in ogni caso anche se vivono separati...non penso che un bambino abbia continuamente bisogno di esami e radiografie.....a meno che abbia dei problemi di salute già accertati..
    Dopo i 6 anni, essendo a carico del nonno, non ha più diritto ad esenzioni....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina