1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. campanellina

    campanellina Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti,
    stiamo facendo dei lavori di manutenzione su parti comuni rientranti tra la tipologia di lavori detraibili; il punto è che il ns condominio non ha un amministratore nè un codice fiscale; secondo voi è possibile detrarre tali spese, ovviamente facendoci fare la fattura per ciascun condomino e pagando con bonifico? Grazie a chi ha piacere di darmi dei chiarimenti.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Può non esserci l'amministratore, ma il condominio deve avere un'identità. Era bene parlarne quando avete approvato l'esecuzione dei lavori. Non so se sia corretta la soluzione da te proposta.
     
  4. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sì, si può fare la pratica in questo modo. Serve comunque una copia della delibera dell'assemblea condominiale con l'approvazione dei lavori. Saluti.
     
  5. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Essezeta67, se io chiamo una impresa per ristrutturare un muro di cinta e pago tramite bonifico, con autorizzazione a posto, cosa mi potrebbe obiettare l'agenzia delle entrate quando mi detraggo dalle tasse queste spese? Io credo nulla. È parte della mia proprietà anche se in comunione. Se l'altro condomino, putacaso, non vuole i lavori, io non potrei detrarmeli?
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    :risata::applauso:Udite udite, il 18 giugno e nata la riforma del condominio, con l'obbligo di accendere un c.c. intestato al condominio, ora vogliono tassarlo con 100,00, qualcuno ne sa qualcosa di più????
     
  7. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    sono lavori comuni in un edificio quelli contemplati dall art 1117c.c.
    La circolare AdE 2011/149646 attuativa del DL 70/2011,NON contempla Il caso,molto comune di lavori su parti comuni di un edificio,per Il quale non vi e'obbligo di legge di istituire un condominio e relativo riparto millesimale.
    Inoltre per lavori su parti comuni di somma uregenza Il comproprietario puo eseguirli a proprie spese,fatto salvo Il diritto di rimborso contro gli altri comproprietari.
    Il punto e'che in sede di accertamento,gli accertatori dell AdE sono abituati a vedere il solito attestato dellAmm.re.
    In caso non esista Amm.re,perche non necessario,e'probabile che il comproprietario esecutore dei lavori su parti comuni debba autocertificare la tipologia dei lavori eseguiti o farseli certificare da un tecnico.
    Pero la certezza della procedura penso la possachiarire solol AdE.
    A meno che fra di noi c e'qualcuno che ha gia subito l accertamento e sappia descriverci le pretese dell AdE.....
    Magari ci fosse....
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Se esistono parti comuni esiste un condominio, con o senza amministratore, però rimane l'obbligo del c.c. che ora viene tassato con 100,00 Euro
     
  9. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma non deve esserci nessun attestato di nessun amministratore. l'ade si troverà la richiesta di un rimborso, o spese effettuate tramite bonifico, di un rifacimento scale, di un solaio, di un muretto, di quel che vuoi, e un codice fiscale che ha effettuato il bonifico. Non facciamo troppe cose difficili. Qui non si va contro la legge, la si semplifica. Il muretto è del condomino? sì o no? un altro pezzo di muretto è di un altro condomino? Ognuno si ripara il muretto suo, fa il suo bravo bonifico, che vuoi che l'ade si adiri?
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sei uno specialista di interpretazioni "creative" delle norme del codice civile. L'art. 1129, comma 7 impone tale obbligo al solo amministratore. Se l'amministratore non esiste, non esiste obbligo del conto corrente intestato al condominio.
     
    A arciera piace questo elemento.
  11. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
  12. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Si tratta dell'imposta di bollo da applicare sui c/c bancari condominiali, in quanto gli intestatari (i condomini) non vengono qualificati come "persona fisica". I condomini, dunque, vengono equiparati a persone giuridiche, nonostante la giurisprudenza di legittimità si sia espressa in senso contrario (Cfr. Cassazione 9148/2008 e 16920/2009)". Pertanto, l'AdE , come già enunciato nella Circolare 15/E del 10 maggio 2013, ritiene che il trattamento di favore è riservato solo alle persone fisiche e quindi esclude il condominio.
    Il pagamento dell'imposta di bollo sul conto corrente pari a euro 34,20 è riservato alle persone fisiche, e quindi il condominio, soggetto diverso da persona fisica, dovrà pagare un'imposta di bollo pari a 100 euro.:occhi_al_cielo:
     
  13. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non c'è più niente da fare. È stato bello sognare. Come suggerirebbe JacO. Le case esulano sempre.
     
  14. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    L impresass fattura i lavori,pagati con bonifico avente ritenuta del 4%.
    Mette nella fattura:Lavori di manutenziine ordinaria/straordinaria immobile sito in.....
    Stop
    Non deve specificare nella fattura che tipo di lavori ha eseguito.
    Ti chiede ,come committente,una autocertificazione nella quale Il committente dichiara che i lavori eseguiti godono di IVA agevolata.
    Stop
    Al massimo conservi Il bollettino pagato fella Dia,se necessaria.
    Stop
    Essendo lavori su parti comuni,non devi dichiarare gli identificativi catastali dell immobile nel modello unico.
    Rimane in sede di accertamento,se richiesta AdE,una sorta di dichiarazione che attesti lavorazioni effettuate su parti comuni,in urgenza.
    Poi possono chiederti una perizia di un tecnico sui lavori,ma in genere l accertamento avviene come minimo dopo 2/3anni dalla presentazione delle detrazioni sul modello unico.
    Che va a periziare un tecnico lavori comuni dopo due/tre anni.....
    Comunque a scanso di equivoci andrebbe interpellata l AdE-sede centrale
    Ma pensate che ci possa dare una risposta?
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E' buona norma evitare il cosiddetto "null quoting". In modo da capire "a chi" e "a che cosa" si sta rispondendo.
     
    A dolly piace questo elemento.
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per quanto riguarda questo tipo di agevolazione l'importante è che sia tutto iun regola. Di una cosa si è certi: il bonifico è stato fatto. I lavori edili sono stati fatturati. Lavori che rientrano nell'agevolazione fiscale. A tutte le parti interessa questo.
     
    A essezeta67 piace questo elemento.
  17. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Negli ultimi anni sono in voga le bifamiliari: anche queste sono condomini, pensi che abbiano un c/c in comune, oppure per i lavori comuni si dividono la spesa in proporzione alla proprietà??? Penso che questa ultima soluzione sia la più utilizzata....
     
  18. Nautilus

    Nautilus Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per richiedere il codice fiscale del condominio basta che uno dei proprietari vada all'Agenzia delle Entrate, anche se non c'è l'amministratore. Se il lavoro è fatto sulle parti comuni sul bonifico va indicato il CF del condominio ed il CF di chi effettua il versamento (non è necessario che sia l'amministratore).
     
  19. campanellina

    campanellina Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Sono sempre più confusa..uffff il ns condominio è composto da 12 condomini e nn abbiamo nè amministratore, nè c/c, nè codice fiscale, i lavori sono iniziati, è quasi il momento di pagare, che dice faccio il bonifico? gli altri temono che non sia corretto procedere con la detrazione ed io ho paura che facendolo da sola e non essendone sicura non vorrei poi creare problemi agli altri in caso di controlli futuri. AUTATEMIIII
     
  20. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Siete 12 condòmini, non avete amministratore, ne' CF?????????????????????
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina