1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Volevo aprire questa discussione dedicandola a qualcosa che appartiene un pò alla nostra cultura locale (di ogni Regione) ma che ultimamente almeno dalle mie parti si sta perdendo.
    Il Dialetto.
    Per cui mi piacerebbe sentire un pò i vostri dialetti delle vostre zone, per semplice curiosità

    Bun travai, buna furtuna, fe i brau.

    tradotto dal piemontese all'italiano:

    Buon lavoro, buona fortuna, fate i bravi
    :D

     
  2. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Incomincio io dalla...Sardegna:
    • Bonu traballu
    • Bona fortua
    • Fadei a bravusu
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  3. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Jerry,
    entra nel link e ascolta la pronuncia. Devi cliccare sull'altoparlante in basso a destra:
    http://www.bing.com/translator

    Traduci dall'italiano al portoghese.
    A sinistra scrivi
    Due mani, tre mani
    poi traduci e ascolta
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    duas mãos dues moes??? (giusto)
    tres moes???[DOUBLEPOST=1393616534,1393616391][/DOUBLEPOST]O non ci sento bene io!!!
     
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Duas maus, tres maus, con la a nasale

    esattamente simile alla pronuncia della tua zona
     
  6. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Questi portoghesi si impicciano anche del nostro dialetto...
    Però noi parliamo con la a aperta
     
  7. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Mi sun an piemunteis nen an purtugheis.
    Tradotto:
    Io sono piemontese non un portoghese. :p:^^:
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  8. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    C'è piemontese e piemontese. A Cuneo non usano il "nen" ma il " pà"
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  9. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Deu seu sadru nou portoghesu
    noi pronunciamo così
    Giusto poliglotta @alberto bianchi ???
    due in logudorese duos
    in casteddu duus
    alta dui
    [DOUBLEPOST=1393617554,1393617439][/DOUBLEPOST]
    Faglielo capire anche tu ad alberto:rabbia::rabbia:
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    È vero ma anche alcune parole indicanti lo stesso nome italiano in piemontese ci sono differenze locali. Ad esempio bambini.
    In alcune zone troverai termini come matùlin, in altri cìt.
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  11. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Giusto.
    alberto c'è Terralba, Arcidano, distano tra loro 6 Km eppure usano vocaboli addirittura differenti non solo la pronuncia.
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Anche da noi è così
     
  13. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A Torino si dice anche gagnu.[DOUBLEPOST=1393620064,1393619893][/DOUBLEPOST]Daniele, traduci in piemontese questa frase:
    "Ho rotto una sedia, devo portarla dal falegname per aggiustarla!
     
  14. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Qui lo sentito pochissimo il termine gagnu. A Torino si dice : "ma basta la nè". "Ma basta dai "la traduzione. Qui invece: " piantla li" smettila. Decisamente più duro.
     
  15. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non so se l'hai notato ma a differenza del sardo il numero "due" in italiano ha un solo genere, valido in tutti i casi come maschile, femminile e neutro, come il francese e lo spagnolo.
    In alcune lingue e dialetti esistono diversi generi: due per il latino, il sardo, il catalano, il rumeno, il portoghese e altri che non ricordo. Nel dialetto napoletano esistono i tre generi; maschile, femminile e neutro. Chiacchia ci potrà illustrare meglio con degli esempi.
    In albanese esistono 3 generi diversi per il numero "tre".

    Sarei curioso di sapere se esistono casi simili in altri dialetti.
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  16. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Sì, in effetti hai ragione.
    Però devi considerare che il sardo ha tante varianti a seconda della zona ed è probabile che magari nel nord sardegna o nel nuorese o a Lanusei questa tua affermazione non sia valida.
    Poi devi pensare, che ricordando vagamente il parlato di mio nonno era differente da quello nostro odierno, cioè ha avuto un certo cambiamento. Il suo dialetto era più marcato, con i termini giusti tramandati, anche perchè la scolarizzazione allora era molto assente, invece ora ci sono contaminazioni e storpiature specialmente nei giovani, i quali da bambini in famiglia parlano l'italiano e non il sardo.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 28 Febbraio 2014
  17. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    In "arsan" (reggiano): du om, do (o dou) doni (due uomini, due donne), tri om, trej doni (per la pronuncia, la o di "do" è stretta, la o di "doni" è larga, la j di "trej" è impercettibile. Solo fino al tre c'è differenza di genere.
    Vi racconto questa. Per parlare di un avvocato un po' scalcinato, lo si qualifica come "L'è 'n avochè desnov", sottintendendo "A'l n'ha mai vint" ("E' un avvocato diciannove, non ha mai vinto", giocando sul fatto che "vint" vuol dire vinto ma anche venti)
    Per il reggiano esiste una complicata teoria degli accenti per tentare di riprodurre la pronuncia.
     
    A JERRY48 e alberto bianchi piace questo messaggio.
  18. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Le parole sottolineate mi han fatto ricordare un fatto avvenuto una decina di anni fa, forse anche di più.
    A Parma c'era un tizio che per un mese aveva inondato la Gazzetta, con una lettera giornaliera al Direttore, dove illustrava la sua Teoria sull'origine del dialetto parmigiano dall'albanese. Faceva degli esempi, basandosi su delle similitudini ed assonanze di alcune parole. Immancabilmente saltava fuori, a ragione, chi lo contestava e così per un mese intero. Certe similitudini sono molto spesso delle coincidenze casuali dovute ad una evoluzione parallela delle lingue. E' il caso della Sardegna di @JERRY48 con la Romania, le cui lingue hanno moltissimi vocaboli in comune pur non avendo mai avuto dei contatti diretti ma esclusivamente una derivazione comune dal latino. Lo stesso tra Parma e l'Albania non mi risulta che siano mai esistiti dei rapporti tali da lasciar tracce.
     
    A Elisabetta48 e JERRY48 piace questo messaggio.
  19. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Beh!...almeno il rapporto del parmigiano "arsan"!!!:risata::risata:
     
  20. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Semmai mi pare che sia il dialetto parmigiano che quello reggiano (che peraltro non hanno niente in comune tra di loro) abbiano avuto influenze francesi. Ma, come già sottolineato da voi, ogni città e paese della provincia ha il dialetto suo e addirittura anche nei paesini c'erano sfumature diverse. Una vera Babele.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina