1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. datemiunamano

    datemiunamano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti,

    insieme con il mio ex compagno ho acquistato un immobile a Torino. La relazione è terminata e ora le ipotesi sono che io acquisisca la sua quota o che si metta in vendita l'immobile (lui si è trasferito in altra regione). Mi dite per favore che cosa posso legalmente fare? Considerando che io non voglio vendere la casa posso essere obbligata? In quale modo?

    Grazie a chi troverà il tempo per supportarmi
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 1111 c.c.
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  3. Marinarita

    Marinarita Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ciao Datemiunamano ( bellissimo nome!) Il mio modesto consiglio, dato che tu non vuoi vendere l'immobile, e che probabimente vorresti ancora abitarlo, è di farlo valutare da un'Agenzia Immobiliare. Una volta ottenuta la valutazione, potresti fare la proposta al tu ex compagno, di "comprare" o meglio acquisire la sua quota. Questa, potrebbe essere una soluzione: però se siete ai "ferri corti, solo per contrastarti potrebbe forse negarti tale possibilità:disappunto: Spero per te che troviate un:stretta_di_mano::stretta_di_mano::stretta_di_mano:Inoltre, Nemesis, ti ha suggerito l'Articolo 1111 del c.c. ma, io non lo conosco, per cui chiedo gentilmente di spiegare la sua applicazione:affermazione::ok: Grazie Nemesis:affermazione:
     
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Articolo 1111 Codice Civile
    Scioglimento della comunione
    Ciascuno dei partecipanti può sempre domandare lo scioglimento della comunione (1); l'autorità giudiziaria può stabilire una congrua dilazione, in ogni caso non superiore a cinque anni, se l'immediato scioglimento può pregiudicare gli interessi degli altri.
    Il patto di rimanere in comunione per un tempo non maggiore di dieci anni è valido e ha effetto anche per gli aventi causa dai partecipanti. Se è stato stipulato per un termine maggiore, questo si riduce a dieci anni.
    Se gravi circostanze lo richiedono, l'autorità giudiziaria può ordinare lo scioglimento della comunione prima del tempo convenuto [260 2 cod. nav.] (2).

    Ratio Legis
    Ogni comunista può chiedere la divisione; tale scioglimento non può intervenire, tuttavia, se non con l'accordo di tutti i partecipanti, ovvero ordinato da una sentenza. La divisione si fonda, dunque, su un patto fra comunisti: il contratto di divisione.
    Se la cosa comune è facilmente divisibile, il relativo contratto dà a ciascun comunista una porzione materiale del bene pari alla sua quota.
    Viceversa, è possibile addivenire allo scioglimento in modo differente e tale per cui ciascun partecipante può vedersi attribuito un valore corrispondente alla sua quota; in questa ipotesi il valore o il bene attribuito al singolo compartecipe non consiste in parti materiali della cosa comune.
    Senza un accordo fra i comunisti, lo scioglimento può essere raggiunto grazie ad un provvedimento del giudice.
    Anche in tale sede, qualora la cosa comune sia agevolmente divisibile, l'autorità giudiziaria ne prescrive l'attribuzione ai comunisti in parti materiali che corrispondono alle loro quote; viceversa, il giudice riserva ai singoli partecipanti un bene o un valore pari alla loro quota (v. art. 720 del c.c.).
    L'autorità giudiziaria deve, inoltre, tenere presenti gli interessi confliggenti con quelli del comunista che desideri lo scioglimento della comunione.
    Così, nel caso del primo comma, il giudice deve bilanciare l'interesse degli altri comunisti che vogliono impedire il tempestivo scioglimento della comunione, rinviando fino a cinque anni la divisione della cosa comune. Nel caso di cui all'art. 1112, l'autorità giudiziaria deve tenere in debito conto l'interesse (oggettivo) collegato al peculiare uso che della cosa comune viene fatto, imponendo in tal caso la disposizione stessa la non divisibilità.
    Va tenuto presente, da ultimo, l'interesse dei creditori e degli aventi causa di ciascun comunista, al fine di proteggere le proprie ragioni; essi possono, questo scopo, intervenire nel giudizio di divisione, o, in alternativa, impugnare la divisione già eseguita, sempre che, in questa ipotesi, essi abbiano provveduto a notificare un'opposizione precedentemente alla divisione stessa (art. 1113 del c.c.).
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  5. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    visto tutte le risposte che girano allo stesso modo, al tuo posto starei tranquilla, tanto la abiti, sarà lui a farti delle proposte che dovrài esaminarle e valutarle per benino, ed in seguito ne trarrai delle conclusioni
     
    A Marinarita e Luigi Criscuolo piace questo messaggio.
  6. Marinarita

    Marinarita Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ..... Sì però prima di arrivare allo scioglimento della comunione,sarebbe il caso che provassero una forma d'accordo comune fra di loro, così non ci sarebbe esborso di danaro:affermazione: Qualora non trovassero l'accordo in via bonaria, allora potranno dare il via allo scioglimento della comunione con l'Autorità Giudiziaria:affermazione::stretta_di_mano:
     
  7. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    così non ci sarebbe esborso di danaro ????????? E come si accordano?????
     
  8. datemiunamano

    datemiunamano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti per le risposte e la partecipazione 1giggi1 penso che Marinarita intendesse che il denaro non andrebbe sprecato in azioni legali, chiaramente qui si parla necessariamente di soldi. Grazie mille a Luigi Criscuolo per aver riportato l'articolo di legge di riferimento.
    Procederò nei prossimi giorni con l'agenzia immobiliare per avere una valutazione e di conseguenza formulerò la mia offerta.
    Aggiungo un'altra domanda, a vostro parere, senza accendere mutui o altre forme di debito, posso proporre di acquisire la sua quota con un canone annuo invece dell'intera cifra subito?
    Grazie ancora e buona giornata
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  9. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Come suggerito fai fare a lui una richiesta per chiudere la questione, non mettere in mezzi agenzie o agenti. Dichiarati disponibile a risolvere la faccenda, a venirgli incontro e comunica che aspetti una sua richiesta.
    Domandare è lecito e rispondere è cortesia.
    In fase di accordo puoi chiedere e sperare che sia d'accordo (certo che se gli servono i soldi subito la vedo difficile questa tua proposta).
    Magari dai un acconto congruo, delle quote annuali, lasci a lui la nuda proprietà fino al pagamento dell'ultima rata, ti impegni a pagare tasse e spese di condominio per intero.
    Forse così . . .
    In bocca al lupo.
    Luigi
     
    A Luigi Criscuolo e Marinarita piace questo messaggio.
  10. datemiunamano

    datemiunamano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Dici? Valutando le sue alternative non la vedo così rosea, dovrebbe andare da un avvocato e chiedere di forzare la vendita, all'asta detraggono il 20% del valore se non ho capito male, quindi per certi versi avrebbe solo da perdere (certo anch'io, me ne rendo conto). Ho interpretato correttamente la legge? Ancora grazie
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  11. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per mia esperienza personale il giudice fa fare una perizia al CTU e incarica un notaio per la vendita a quel prezzo. Indica anche quanto si deve abbassare il prezzo (a me ha abbassato il 20%) se nessuno si presenta alla prima asta e si va alla seconda
    Poi può succedere (come è successo a me) che nessuno si presenta e il giudice chiude la questione dicendo che non è possibile procedere. Ma se poi si presenta qualcuno e acquista ci perdi anche tu un 20%.

    Alla fine si sta al punto iniziale avendo ENTRAMBI (non solo lui) però pagato spese del tribunale, avvocato e CTU.

    Non conviene a nessuno, neanche a te. I tuo ex può chiedere, invece della vendita, che gli venga riconosciuto un congruo compenso per l'uso tuo esclusivo dell'appartamento, potrebbe anche chiedere/pretendere di poter affittare una stanza a terze persone . .

    Se trovi un punto nel mezzo hai possibilità di riuscita nel raggiungere l'obiettivo finale di avere l'appartamento, se il punto lo vuoi tutto da te la vedo difficile. Se i rapporti sono buoni io cercherei di non "incarognirli".
    Luigi
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  12. datemiunamano

    datemiunamano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Capisco quel che intendi, ci rifletterò su.
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  13. Marinarita

    Marinarita Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Confermo ciò che ho scritto prima, io intendevo dire, 1giggi1, di incaricare un'Agenzia per fare SOLAMENTE una valutazione dell'immobile. Una volta ottenuta la stima, Datemiunamano,fisserà un'incontro,( impegnandosi entrambi di assumere toni moderati) con lo scopo di proporgli di acquisire la sua quota per intero ,oppure mediante un canone da effettuarsi annualmente:affermazione::soldi:L'accettazione di una di queste due proposte, rappresenterebbe l'ideale, per poter evitare l'iter di una pratica legale, i cui costi sono alti e prolungati nel tempo! Inoltre, con questa decisione, si chiuderebbe una volta per tutte, ogni sorta di tensione:disappunto: Secondo me Datemiunamano, dovresti non accettare l'eventualità di dover affittare una stanza a una terza persona, come pure quella che, nel caso si dovesse aprire una causa, si dovesse giungere in casi estremi, ad affrontare, una vendita forzata all'asta:affermazione: Auguri Datemiunamano:affermazione::fiore::fiore::fiore:
     
  14. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    C'è sempre il rent-to-buy. Paghi una cifra mensile della quale parte è canone e parte va in acquisto della casa. E' una procedura ben codificata. Non mi lancio in riassunti: è meglio leggersi tutto. Ti allego due cose . In rete, o in precedenti discussioni su Propit, trovi anche di più
     

    Files Allegati:

    A Marinarita e Luigi Criscuolo piace questo messaggio.
  15. datemiunamano

    datemiunamano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Elisabetta48 grazie, vado subito a leggermi quel che mi hai inviato. Per gli altri premetto che la casa è di 45 metri quadri quindi indivisibile e senza ulteriori stanze da affittare a terzi. Grazie e buona giornata
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  16. Marinarita

    Marinarita Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Datemiunamano, aldilà che l'immobile è di soli 45 metri quadri, per cui non hai una camera da affittare, io non sono del parere perchè si viene a perdere la propria libertà e possono nascere motivi di contrasto:affermazione: Ora, come ora hai qualche novità:domanda:
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    la novità sarebbe sapere in quali rapporti sta con il suo ex per approcciare un pagamento dilazionato.
     
    A Marinarita piace questo elemento.
  18. Marinarita

    Marinarita Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Luigi, sei proprio curioso....vuoi sapere troppe cose di tutti :affermazione: :affermazione::affermazione::affermazione: Scherzi a parte, speriamo che Datemiunamano e il suo ex, non si siano lasciati lanciandosi i "piatti" perchè, se sono in buoni rapporti, c'è la possibilità concreta, di raggiungere un accordo positivo per entrambi:stretta_di_mano::affermazione:Ad ogni modo, se sei d'accordo facciamo i nostri più sentiti auguri a Datemiunabuonamano:fiore::fiore::fiore:
     
    A Luigi Criscuolo piace questo elemento.
  19. datemiunamano

    datemiunamano Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Eccomi qui, ho avuto la valutazione, più o meno quanto mi aspettavo quindi nessuna grande sorpresa e letto tutta la parte del rent to buy. Mi pare di aver capito che questa formula ha una durata massima di 10 anni ed è parecchio vincolante ma è una possibilità e ringrazio per avermela fatta conoscere. I rapporti sono piuttosto tesi da parte mia in effetti, non vi tedierò con il racconto ma quando c'è un pregresso ci sono anche rancori pregressi che vengono fuori tutti insieme. La vita ci insegna tutto, domani mi servirà di certo. L'idea è di pensare ancora un paio di giorni come ogni casa anche quella ha pro e contro, e non vorrei affrettare una decisione solo per non tornare da mamma o per dovermi sbattere a cercare altro, non so se capite. Se deciderò di provare a tenerla farò due proposte, una di un bel po' al di sotto del valore ma con chiusura rapida e l'altra a circa il valore prospettatomi con un pagamento dilazionato, che però voglio avere senza vincoli e fideiussioni, sono una persona estremamente onesta e l'altra parte lo sa. Se qualcuno ha altre idee o suggerimenti, elementi su cui riflettere sono sempre ben accetti. Ancora grazie a tutti
     
    A Elisabetta48 e Marinarita piace questo messaggio.
  20. Marinarita

    Marinarita Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Datemiunamano, un primo obbiettivo l'hai raggiunto perchè era fondamentale avere una stima attuale del valore reale dell'immobile, come del resto è da tener presente la formula del rent to buy, anche se ritieni sia parecchio vincolante. Una formula che ritengo sia giusto adottare, per concludere al più presto la trattativa, è quella di abbattere nei limiti del possibile, il prezzo del valore reale dell'immobile. A me, al momento, non vengono in mente altre alternative. E poi, come hai scritto prima tu, riflettici bene e, una volta fatta la tua scelta, potrai andare all 'appuntamento del tuo ex mostrandoti decisa e determinata (ma non arrabbiata) Auguri carissima:affermazione::affermazione:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina