• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

LaMi

Membro Junior
Professionista
Buongiorno,
sto vendendo un appartamento, in un condominio, acquistato da mio suocero dal costruttore nel 1970
Mi sono accorta che la planimetria depositata al catasto è difforme rispetto alla superficie del balcone.
Nella planimetria trovo un unico balcone che copre quasi l'intero perimetro dell'appartamento, mentre in realtà sono due separati e la superficie di totale è minore di almeno 10/15 mq circa.
Ho richiesto un accesso agli atti in comune da oramai tre mesi e mezzo (era il 1 aprile) ma ancora non ho avuto esito, nonostante gli innumerevoli solleciti.
Vorrei capire da qualche esperto nel settore se corro il rischio di non poter sanare questa difformità e/o se i tempi di una eventuale sanatoria sono altrettanto "biblici" come quelli dell'accesso agli atti ...
Grazie a chi avrà modo di rispondermi.
 

gattaccia

Membro Assiduo
Proprietario Casa
in effetti è necessario vedere com'è il progetto che il costruttore ha depositato in Comune
se il balcone è conforme all'esistente, bisogna correggere la scheda catastale
se invece il balcone è conforme alla scheda catastale, probabilmente il costruttore ha fatto una variante in corso d'opera e non l'ha depositata in Comune
in tal caso secondo me occorre presentare una scia in sanatoria, che non è una pratica complessa salvo però eventuali "nuovi" calcoli statici soprattutto se i balconi sono aggettanti...
 

LaMi

Membro Junior
Professionista
in tal caso secondo me occorre presentare una scia in sanatoria, che non è una pratica complessa salvo però eventuali "nuovi" calcoli statici soprattutto se i balconi sono aggettanti...
Si sono aggettanti ma non sarebbero più pesanti bensì più leggeri visto che mancherebbe circa metà superficie rispetto alla versione originale. Non credo ci possano essere problemi di staticità, ma posso sbagliarmi ...
 

gattaccia

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Si sono aggettanti ma non sarebbero più pesanti bensì più leggeri visto che mancherebbe circa metà superficie rispetto alla versione originale. Non credo ci possano essere problemi di staticità, ma posso sbagliarmi ...
non mi riferivo a problemi di staticità, ma solo al fatto che avendo variato il progetto originale, forse i calcoli saranno da rifare per renderli giusti rispetto all'esistente (sempre nell'ipotesi che facendo l'accesso agli atti trovi il progetto non conforme all'esistente)
 

LaMi

Membro Junior
Professionista
non mi riferivo a problemi di staticità, ma solo al fatto che avendo variato il progetto originale, forse i calcoli saranno da rifare per renderli giusti rispetto all'esistente (sempre nell'ipotesi che facendo l'accesso agli atti trovi il progetto non conforme all'esistente)
Spero di no ... So che c'è stata una variante al progetto e mi auguro che sia riferita al balcone, e che poi in catasto sia andata per errore quella originaria prima della variazione 🤞
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Spero di no ... So che c'è stata una variante al progetto e mi auguro che sia riferita al balcone, e che poi in catasto sia andata per errore quella originaria prima della variazione 🤞
Non è solitamente problema di errore.
Era consuetò in passato effettuare piccole varianti al progetto originario, in corso d’opera, e non ufficializzarle . Non ci badava nemmeno il comune. Oggi sono considerati abusi da regolarizzare.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ho richiesto un accesso agli atti in comune da oramai tre mesi e mezzo (era il 1 aprile) ma ancora non ho avuto esito, nonostante gli innumerevoli solleciti.
La Pubblica Amministrazione deve dare risposta entro 30 giorni a partire dalla richiesta del privato, tranne casi particolari.
 

LaMi

Membro Junior
Professionista
La Pubblica Amministrazione deve dare risposta entro 30 giorni a partire dalla richiesta del privato, tranne casi particolari.
Purtroppo è un disastro totale. Loro dicono che dipende dal fatto che hanno avuto molte più richieste a causa del bonus 110.
Devo tornare domani per parlare con la dirigente dell'ufficio ... Rischio di perdere la vendita e dover dare indietro il doppio della caparra (perderei 10.000€!!)
Abbiamo già prorogato la scadenza allungandola di due mesi ...
Ricordo bene (sono un agente immobiliare, anche se questa è una vendita privata perché la casa è nostra) che prima del Covid e del bonus 110, gli accessi agli atti si completavano nella stessa giornata della richiesta. Vivo in una piccola città, saremo circa 40.000 abitanti. E' inaccettabile che ci voglia così tanto tempo per avere una risposta!!
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Devo tornare domani per parlare con la dirigente dell'ufficio ... Rischio di perdere la vendita e dover dare indietro il doppio della caparra (perderei 10.000€!!)
Per coprirti le spalle, fatti rilasciare una dichiarazione che ti copra da quel rischio. Comunque già il protocollo della richiesta ti dovrebbe bastare che assieme alla risposta, entrambe datate, ti dovrebbero bastare.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Lorca ha scritto sul profilo di FioreAle.
Ciao,
ho letto della tua disavventura circa l'affitto. Spero di cuore che si sia risolto tutto.

Mi chiedevo come fosse andata con AffittoAccurato perche stavo prendendo anche io in considerazione di fare un contratto con loro.
Puoi condividere qualche suggerimento?
Buongiorno a tutti, sto ristrutturando una casa indipendente, per i pavimenti (legno) e le porte mi sono affidato ad un artigiano della zona, fatto il preventivo e firmato per accettazione ora mi chiede un'acconto del 60 % piu' IVA, considerando che i lavori cominceranno a ottobre è una procedura normale quella di richiedere acconti di questa entità?
Grazie
Alto