1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. aloap

    aloap Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti,
    ringrazio coloro che mi potranno dare un consiglio in quanto ho una serie di domande:

    Può l'Ufficio Tecnico rendersi conto a distanza di anni di aver erroneamente permesso l'esecuzione di una DIA e pretenderne l'annullamento a seguito di una piccola variazione in CILA a vendita avvenuta?
    C'è un limite di tempo di tre anni oltre il quale l'Ufficio Tecnico non può più contestare una DIA?
    Può l'Ufficio Tecnico dichiarare difforme un immobile, revocare tale difformità ed ancora ritornare a dichiararlo difforme?
    E' possibile che il nuovo proprietario debba pagare per colpe del venditore e magari accollarsi una multa per difformità con conseguente ripristino, aggravio di spesa e deprezzamento dell'immobile?
    Chi ne risponde di questi errori, venditore, notaio, geometra, agenzia o acquirente?

    In pratica acquistato un appartamento a Roma 6 mesi fa ed un mese prima dell'atto il geometra della parte venditrice ha redatto una CILA per l'aggiornamento delle planimetrie riguardante il corretto posizionamento di due porte.
    Passati 30 gg e chiusa la CILA si fa l'atto ma dopo qualche giorno sia il geometra che la venditrice ricevono una lettera da parte dell'Ufficio Tecnico nella quale si inibisce questa CILA per difformità urbanistiche dipendenti da una DIA presentata nel 2007 (realizzazione di un volume tecnico verandato sul terrazzo per il supporto di pannelli solari con relativi impianti per la prod. di acqua calda e l'alloggiamento della caldaia e del lavabo; realizzazione di un bagno posto in un ripostiglio finestrato esterno all'appartamento ma sullo stesso pianerottolo).
    Alla lettera il geometra risponde che sono scaduti i 30 giorni per verificare la legittimità della CILA; che l'ante operam fa riferimento alla DIA approvata dallo stesso Ufficio Tecnico nel 2007 e che sono passati 3 anni; che l'immobile ha cambiato proprietario e quindi dovranno essere riconosciuti dei danni al venditore ed all'acquirente.

    L'Ufficio Tecnico revoca l'inibizione e dichiara che la CILA è conforme.

    Sembra tutto risolto ma i Geometri dell'Ufficio Tecnico effettuano un nuovo sopralluogo nel mio appartamento e rilevano nuovamente le stesse incongruenze urbanistiche contestate con la prima lettera. Fra qualche giorno riceverò una nuova lettera dell'Ufficio Tecnico con l'esito del sopralluogo, nella quale mi verrà comunicato se è tutto a posto o se devo "rimuovere" le incongruenze, sperando di non dover ripristinare il tutto addirittura allo stato precedente alla DIA del 2007!
    Non mi sembra giusto che si possano vendere immobili apparentemente in regola e scoprire dopo che l'ufficio tecnico si è sbagliato!
     
  2. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    questione pelosa:
    la DIA prevede che sia il tecnico ad asseverare la corrispondenza del progetto alle norme vigenti, il Comune fondamentalmente ha il dovere di controllare e nei 30 giorni può suggerire al tecnico, nel caso il progetto presenti delle difformità le eventuali modifiche per sistemare la cosa oppure può denunciare il tecnico per falsa aseverazione
    se e quando l'opera viene realizzata il solo responsabile delle difformità è il tecnico progfettista e/o direttore lavori

    a tuo vantaggio e sopratutto del tecnico c'è questo teatrino dei provvedimenti dell'UT comunale che si contraddicono

    comunque l'unico non responsabile sei tu e puoi denunciare tutti chiedendo tutti i risarcimenti che ritieni

    stavo modificando ma ho avuto un problema di connessione
    L'ufficio Tecnico non ha sbagliato, semplicemente ha verificato la DIA quando ha ritenuto, è in suo potere farlo
     
  3. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo


    :ok::ok::ok::ok:
     
  4. aloap

    aloap Nuovo Iscritto

    Grazie per la cortese risposta.
    Spero di non aver bisogno di citare nessuno per danni perchè se no ne verrebbe fuori un bel polverone per altre irregolarità che c'erano prima del mio acquisto.
     
  5. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    mah..

    se i tecnici comunali sono usciti e hanno rilevato le difformità, credo non avrai alternative, per loro tu sei correo del tecnico, è tua possibilità scaricare le responsabilità che ti vengono ascritte
    dovrà essere a cura degli altri soggetti chiarire col Comune ed eventualmente trovare una forma risolutiva
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina