1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Carlo55

    Carlo55 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, è la prima volta che scrivo, spero di aver postato nella sezione corretta.

    Ho alcuni dubbi su come dimostrare la proprietà esclusiva di 2 pertinenze della mia abitazione, le elenco separatamente per non far confusione:

    1) Abito in una palazzina di 2 piani; al piano terra c'è una casa che ha accesso indipendente, poi c'è il cancello del palazzo, si entra e c'è una casa al piano terra, poi si sale e c'è la prima casa al primo piano (soprastante a quella del piano terra) e poi c'è un cancello da cui si accede al balcone che dà a sua volta accesso alla mia casa (sopra a quella con ingresso autonomo). Io ho sempre dato per scontato che dopo le scale del palazzo, il balcone fosse di mia proprietà perchè vi affacciano solo le mie finestre e la porta d'ingresso, e non c'è altro oltre, però leggendo il rogito la cosa appare poco chiara, in quanto non c'è scritto chiaramente che è mio ma nell'allegato catastale c'è segnato che ho 9 mq di pertinenza esclusiva di terrazze e balconi (è quello il mio unico balcone, appunto di 9 mq), senza una planimetria chiara. Così come stanno le cose posso dimostrare eventualmente che il balcone è solo mio?

    2) Nel mio rogito di vendita è scritta una clausola che dice: Si cede l'appartamento con tutte le sue pertinenze tra cui il diritto di sopraelevazione sul proprio lastrico solare. Questa citazione vuol dire che il lastrico solare sopra alla mia casa mi appartiene? Al catasto questo non risulta perchè il palazzo è molto vecchio e in ogni caso il lastrico non è praticabile nelle condizioni attuali, mancando ringhiere, pavimenti e persino una scala decente.

    Grazie mille dell'aiuto che mi vorrete dare.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Quanto al balcone presumerei la sua proprietà:
    - per la descrizione del manufatto
    soprattutto ove le chiavi del cancello d'accesso fossero solo nel suo possesso
    - per il richiamo a catasto, che se non fa prova certa, quantomeno ha una sua valenza (smentibile con prova contraria che altri dovranno dare)
    Quanto al lastrico solare:
    - le viene riconosciuto (dalla legge ex art.1127 Cc e dal suo titolo) il diritto di sopralzo
    - ciò non significa che lei sia il proprietario del lastrico (che si deve invece presumere comune); il suo titolo non supera la presunzione legale di comunione.
    - la non praticabilità nulla significa: il lastrico funge da tetto e come tale è comune
    - solo con la sopraelevazione lo acquisirà, con obbligo però di erigere nuovo lastrico e/o tetto e pagando al Condominio l'indennità di sopraelevazione

    Quanto al poggiolo, vi fossero incertezze sulla sua proprietà, dopo 20 anni di possesso, pubblico, incontrastato, continuativo lei ne diverrà titolare per usucapione (dovrà però estromettere chiunque dall'accesso, ad es. mettendo un lucchetto al cancello)
    Saluti.
     
    A Carlo55 piace questo elemento.
  3. Carlo55

    Carlo55 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta.

    Riguardo al balcone solo io ho la chiave del cancello (sono più di 20 anni che è stato fatto) ma dagli incartamenti che ho, si capisce che è mio, a prescindere dall'usucapione?

    Riguardo il lastrico solare, il fatto che è scritto sul proprio lastrico solare non implica la proprietà del bene?
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Mi scuso per la svista: il suo titolo dice proprio
    Salvo non esista altro titolo contrario con conseguente conflitto da dirimere, può dirsi che il bene sia effettivamente suo (non comune)
    Quanto al balcone, quanto descritto a Catasto ha valore sino a prova contraria; chi intendesse contestare il suo "diritto" avrà l'onere di dimostrare il contrario e l'errore indicato catastalmente; non mi allarmerei per la mancata descrizione a rogito.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina