• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Lysianthus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti, spero di postare il mio quesito nella sezione giusta, in caso contrario chiedo scusa.

Questa è la mia vicenda:
mi viene notificata da parte del Comune (e in Cc ATS di competenza) una richiesta di verifica di stato di conservazione di un manufatto contenente amianto, presente su un rustico di mia proprietà.
Questa richiesta, precisa il Comune, viene fatta a seguito di una segnalazione che comunica la presunta presenza di amianto su questo manufatto.
Decido di effettuare le opportune verifiche interpellando un'impresa che si è occupata di prelevare un campione del materiale da analizzare. Le analisi hanno accertato che non si tratta di amianto, pertanto invio la documentazione al Comune e all'ATS, che in forma scritta confermano l'accettazione e la conclusione della pratica.

Ricevo a distanza di settimane, sempre da parte del Comune, comunicazione che chi ha fatto la segnalazione richiede l'accesso agli atti e la copia cartacea di tutta la documentazione. Il Comune allega la copia della richiesta, dove viene specificato che la pratica con me si ritiene conclusa.

Io vorrei rifiutare la richiesta, in quanto ho sostenuto delle spese a causa di una segnalazione calunniosa.
Il soggetto tra l'altro si identifica nella richiesta come "confinante": si tratta di un proprietario nelle immediate vicinanze, ma la sua proprietà non confina con la mia.
Vorrei esercitare un diritto alla mia riservatezza, gli basti sapere che la pratica è conclusa.

Chiedo a voi un parere, tale motivazione potrebbe essere valida per un diniego?
Grazie in anticipo.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Se lasci che acceda agli atti, dopo sarà costretto a lasciarti in pace, se verifica di persona che la pratica è chiusa, per non essere stato rilevato amianto.
 

Lysianthus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Se lasci che acceda agli atti, dopo sarà costretto a lasciarti in pace, se verifica di persona che la pratica è chiusa, per non essere stato rilevato amianto.
Grazie per la risposta. Conoscendo il soggetto non credo che si fermerà, cerca di vendicarsi perché non voglio vendergli la mia proprietà.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Ricevo a distanza di settimane, sempre da parte del Comune, comunicazione che chi ha fatto la segnalazione richiede l'accesso agli atti e la copia cartacea di tutta la documentazione.
tu sei nel diritto di negargli l'accesso agli atti; quindi dipende da te consentire che il carteggio vada nelle mani di chi sembra non voglia farti vivere tranquillo. Io gli negherei l'accesso agli atti; se ne dovrà fare una ragione.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
tu sei nel diritto di negargli l'accesso agli atti
Ma l'amministrazione destinataria della richiesta di accesso ha il potere di valutare la fondatezza della richiesta stessa, anche in contrasto con l'opposizione eventualmente manifestata dai controinteressati.
I controinteressati non sono arbitri assoluti delle richieste che li riguardino.
Il diritto di accesso prevale sulla riservatezza di terzi quando sia esercitato per consentire la cura o la difesa processuale di interessi giuridicamente protetti e riguardi un documento amministrativo indispensabile a tali fini.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
l diritto di accesso prevale sulla riservatezza di terzi quando sia esercitato per consentire la cura o la difesa processuale di interessi giuridicamente protetti e riguardi un documento amministrativo indispensabile a tali fini.
ma non mi sembra che il caso postato sia già a livello processuale.
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
Direi un "pochino" esagerato.

Quanto dare accesso agli atti non esistono motivi di concedere tanto che il Comune ti ha girato la domanda... ma le considerazioni di @Franci63 hanno una valenza.
Era la risposta all'eccessiva preoccupazione del OP che vede il vicino di casa ad ogni angolo di strada a chiedere l'autorizzazione all'accesso agli atti esistenti al Comune.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Nessuna autorizzazione, se ne avrà bisogno si rivolga al giudice che l'autorizzi ad imporre al comune il rilascio di quanto da lui richiesto e contrastato dal proprietario che ha svolto diligentemente tutto quello che era obbligato per dimostrare le sue ragioni.
 

Lysianthus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Nessuna autorizzazione, se ne avrà bisogno si rivolga al giudice che l'autorizzi ad imporre al comune il rilascio di quanto da lui richiesto e contrastato dal proprietario che ha svolto diligentemente tutto quello che era obbligato per dimostrare le sue ragioni.
Grazie per la risposta Gianco, la penso anch’io allo stesso modo.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ingegnere - Settore Edile
Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Alto