1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. stecca

    stecca Membro Attivo

    Scusate, non so se sono nel forum giusto. Mi sto accingendo a costruire un'autorimessa interrata nel giardino della mia abitazione. Ho fatto tutte le pratiche, l'architetto ha presentato la relazione paesaggistica e la scia in comune, ho la relazione geologica ed il piano strutturale per l'antisismica redatto dall'ingegnere. L'ingegnere seguirà anche i lavori strutturali ed un altro ingegnere farà il collaudo. Vi chiedo oltre a tutte queste figure è sempre necessario nominare un responsabile per la sicurezza ed un direttore lavori? Io vorrei fare a meno almeno del direttore lavori od è obbligatorio? Capite che solo per prestazioni professionali ho avuto un esborso enorme! Grazie
     
  2. pecorarofabio

    pecorarofabio Membro Junior

    Professionista
    Il Direttore dei Lavori non è obbligatorio ma è sempre fortemente consigliato soprattutto in lavori non banali come il tuo caso (opere in cemento armato e scavo superiore a 2 metri) perchè scarica molte responsabilità che altrimenti rimangono totalmente sul Committente.
    Quello che però mi sembra tu non abbia considerato è l'incarico di Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione al quale potresti in questo caso, con una modesta aggiunta alla parcella, chiedere che faccia anche il Direttore dei Lavori.
    A titolo di chiarimento metto di seguito i casi per quanto riguarda la Sicurezza in Cantiere.
    tabella_sicurezza_2008.jpg

    Spero di essere stato chiaro. :daccordo:
     
    A stecca piace questo elemento.
  3. mata

    mata Nuovo Iscritto

    La figura del Direttore dei Lavori è sempre OBBLIGATORIA per un'opera edilizia di questo genere: l'unica cosa che puoi fare è riunirla in un unico soggetto (intendo sia quella del D.LL. architettonico che strutturale). Se i professionisti che dici hanno presentato le pratiche, mi pare strano che non abbiano dovuto indicare anche il soggetto che farà la direzione dei lavori.Poi, se ci sarà più di una ditta, C'è ANCHE L'OBBLIGO DEL COORDINATORE DELLA SICUREZZA.
     
  4. Bonats

    Bonats Nuovo Iscritto

    mettetevi d'accordo...

    Il DL è obbligatorio.... anche per una tramezzatura
     
  5. leontino

    leontino Nuovo Iscritto

    Professionista
    la D.L. è sempre obbligatoria ed inoltre qualora intervenissero più di una impresa nella costruzione è indispensabile anche il coordinatore della sicurezza
     
  6. pecorarofabio

    pecorarofabio Membro Junior

    Professionista
    Scusate, forse ho scritto il post troppo tardi ed sarebbe stato meglio andare a dormire... :^^:
    Il mio riferimento era per il Responsabile dei Lavori.
    Confermo tutto quello che poi avete scritto per quanto riguarda il Direttore dei Lavori. :ok:
     
  7. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Il Direttore dei Lavori è quella figura professionale incaricata dalla committenza, che avendo titolo e competenza specifica, si accerta della corrispondenza fra progetto ed esecuzione, espletando nel contempo una serie di adempimenti burocratici. Quindi la sua presenza è necessaria non solo per il rispetto della regolamentazione vigente (al termine dei lavori sara lui a produrre un documento che lo certifichi), ma per la verifica della corretta esecuzione delle opere.
    Su questo argomento mi permetto di dissentire. A quanto mi risulta il committente è sempre corresponsabile per tutto ciò che avviene durante l'esecuzione dei lavori, compresi eventuali incidenti.
    Il vantaggio in questo caso è che il DL è persona competente in merito, e si suppone conosca bene la normativa di legge.
    Saluti
     
  8. palinotto

    palinotto Nuovo Iscritto

    Il responsabile dei lavori in genere è chi effettua i pagamenti (chi ha il cosidetto portafoglio) per cui coincide quasi sempre con il committente ma se delegato da questi può essere anche il DL che se ne assume le relative responsabilità.
    Per quanto riguarda la sicurezza, se a fare i lavori è una sola impresa non necessita incaricare un coordinatore per la sicurezza ed il DL non ha responsabilità in merito perchè è l'impresa è l'unica responsabile in materia, avendo adempiuto agli obblighi che ne derivano.
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    il responsabile dei lavori è una figura introdotta dalla 494/96 e rimane in tutte le s.m.i. è la figura che sostituisce il Committente nella gestione degli adempimenti sulla sicurezza, compreso la nomina del ccordinatore

    non è necessaria ma se il committente preferisce servirsi di un sostituto, lo può fare
     
  10. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Giustamente "sostituisce nella gestione" ma non nelle responsabilità. L'argomento è contemplato nell'art 90 del Dlgs 81/2008 che indica le varie funzioni fra i soggetti coinvolti.
    In ogni caso chi si dovesse sostituire al DL deve avere titolo e competenza necessaria, e deve ottemperare agli obblighi di legge anche in relazione alla produzione e notificazione di documenti essenziali.
    Suggerirei al gentile utente stecca di nominare come DL uno dei soggetti che già hanno un ruolo in cantiere.
    Saluti
     
  11. palinotto

    palinotto Nuovo Iscritto

    Inoltre, il committente scegliendo un professionista, affidandogli gli incarichi previsti dalla legge, non ha responsabilità in quanto non essendo preparato sulla materia, ha affidato tali compiti ad esperti (tecnici professionisti) ha adempiuto a ciò che la legge gli ha imposto.
    Come riporta la stessa normativa, il committente ha responsabilità "in eligendo et giudicando" quindi nella scelta dei tecnici, giudicandoli in grado di assolvere i compiti ad essi affidati dalla legge.
     
  12. griz

    griz Membro Senior

    Professionista

    scusate, mi sembrava implicito che il Direttore dei lavori non è sostituibile, serve nominarlo e basta
     
  13. palinotto

    palinotto Nuovo Iscritto

    mi riferivo alle responsabilità che il committente potrebbe avere in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro (cantieri temporanei o mobili).
     
  14. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Intendevo dire che il Committente avente titolo e competenza specifica può sostituirsi al DL in quanto le due figure non sono incompatibili fra loro.

    Il committente è sempre e comunque responsabile per tutto ciò che avviene in cantiere.
    La nomina di un incaricato o facente funzioni, non lo libera dalle sue responsabilità, soprattutto in materia di sicurezza del lavoro. Il principio è quello della corresponsabilità.
    "Se in un cantiere dove ci sono quattro soggetti responsabili in materia di sicurezza, ad esempio Committente, DL, CSE e RSPP, avviene un infortunio che prevede la condanna penale a 10 anni, la pena non diventerà 10 diviso quattro, ma 10 per quattro. Cioè ciascuno sarà condannato a 10 anni in quanto corresponsabile".
    Queste parole non sono le mie ma del Dott. Donato Ceglie (Sost. Proc. Gen. di S.M. Capua Vetere), che è stato relatore in un corso sulla sicurezza che ho frequentato anni fa. Chi non fosse d'accordo si rivolga direttamente a lui per eventuali confronti o per manifestare la propria opinione.
    Saluti
     
  15. stecca

    stecca Membro Attivo

    Sono consapevole che il committente è sempre responsabile, ma se per un eventuale infortunio le pene sono moltiplicate e non ripartite fra i vari soggetti, a che serve il responsabile della sicurezza se non può tutelare in parte il committente? solo a moltiplicare gli eventuali risarcimenti?
     
  16. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Per quanto possa sembrare strano ed astruso il concetto della corresponsabilità, questo ha una sua logica molto importante nell'argomento sicurezza sul lavoro.
    Molto semplicemente induce tutti quanti e nessuno escluso a partecipare attivamente alla riduzione del rischio infortunistico, evitando il comportamento molto molto frequente dello scaricabarile, dove qualcuno ritiene che la responsabilità non lo riguardi, ma sia solo ed esclusivamente di qualcun altro.
    Recentemente, con l'introduzione del DLgs 231/2001 esiste la responsabilità penale non solo per le persone fisiche, ma anche per quelle giuridiche (le aziende), che in passato non pagavano mai per dei comportamenti lesivi della sicurezza, ma dai quali traevano enormi risparmi.
    Nonstante l'impianto molto serio dell'attuale legge in vigore, esistono numerosi casi di violazione della stessa, anche da parte dei Committenti.
    Recentemente ho denunciato alla Procura competente, una Azienda Pubblica che in qualità di Committente ha intenzionalmente omesso di informare l'Appaltatore, sull'esistenza di specifiche situazioni di rischio e pericolo per i lavoratori. Il risultato è stato per loro quello atteso, ovvero che l'Impresa, non avendo valutato le corrette condizioni di lavoro in quanto ignara dello stato di fatto, ha formulato un prezzo più basso.
    Poi si sono verificati alcuni incidenti in cantiere anche gravi, compreso un crollo in corso d'opera, e questi signori non sapendo come comportarsi, hanno anche omesso di informare l'Autorità Giudiziaria sugli incidenti.
    Ritengo che questo sia un esempio molto chiaro del perchè il Committente debba essere Corresponsabile.
    Saluti
     
  17. stecca

    stecca Membro Attivo

    Grazie, ma io non contestavo la corresponsabilità del committente, che ho capito esistere sempre anche in presenza di un responsabile della sicurezza, mi chiedevo solo perchè la nomina di questa figura non possa sollevare almeno in parte le responsabilità penale/civile di un privato cittadino che si voglia cautelare. Vede, non tutti i committenti sono "esperti" o superficiali, molti di loro, soprattutto privati cittadini, possono in buona fede ignorare l'esistenza di situazioni di rischio e proprio per questo demandare ad un responsabile della sicurezza questa analisi. Se la responsabilità del privato cittadino fosse sempre e comunque al 100% , egli potrebbe essere portato a "risparmiare" su questa figura che per me in un cantiere è la più importante. Infatti io chiedevo all'inizio se fosse possibile rinunciare alla direzione lavori non al responsabile sicurezza. Grazie ancora
     
  18. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Scusa, non vorrei averti spaventato, ma considera che l'incidente in cantiere è molto più raro di quello che ci fanno credere radio e tv. Solo per riferimento considera che i decessi nei cantieri edili in tutt'Italia nel 2011 sono stati 235, mentre le persone vittima di incidenti domestici mortali sono state circa 8.800 (37 volte tanto), oltre ad altri 6.000 circa vittime del gas Radon.
    La legge è stata fatta per i furbi come Thyssenkrupp, Eternit ecc.
    Ho voluto chiarire l'argomento affinchè si conoscesse la realtà delle cose, ma nel tuo caso puoi stare assolutamente tranquillo.
    Saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina