1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. feder71

    feder71 Membro Attivo

    Buongiorno. Vi chiedo un aiuto.
    Sono divorziata e assegnataria della casa coniugale di proprietà del mio ex-marito.
    Nella sentenza di divorzio è indicato che le spese straordinarie per la casa coniugale sono a carico mio al 50%.
    Posso deliberare per i lavori straordinari ? Cioè...posso ritenere che il 50% dei millesimi spetta a me nella decisione dei lavori straordinari?
    Inoltre dovendo pagare il 50% per la sentenza ho diritto ad avere io la ricevuta per questa quota (per detrazioni fiscali)?
    Grazie
     
  2. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E' la PROPRIETA' che delibera. La proprietà si evince da www.agenziaentrate.it, dove non credo risulti il tuo nome e il tuo codice fiscale legati a quell'appartamento. Pertanto tu, in qualità di ASSEGNATARIA (e non proprietaria), sei tenuta a concorrere alle spese al 50%, ma non sei titolata a partecipare alla deliberazione delle stesse.[DOUBLEPOST=1401361519,1401361318][/DOUBLEPOST]Essendo tu tenuta alla corresponsione del 50% delle spese, è naturalmente tuo diritto farti rilasciare una dichiarazione dall'Amministratore di Condominio, sulla quale verrà riportato il tuo Nome, il tuo Cognome, il tuo Codice Fiscale, e verrà scritta a chiare lettere la quota di tua spettenza che hai corrisposto. Su tale quota, potrai recuperare il 50% in 10 anni. In pratica recuperi la metà della metà della spesa, in quote annuali decennali.

    A questa fonte:
    http://www.agenziaentrate.gov.it/wp...cali/Guida_ristrutturazioni_febbraio.2014.pdf
    a pagina 21 c'è scritto chiaramente che gli ASSEGNATARI di immobili possono recuperare l'IRPEF afferentemente alle ristrutturazioni edilizie.
     
  3. feder71

    feder71 Membro Attivo

    Ti ringrazio. La sentenza e relativa assegnazione della casa è registrata all' Ufficio del Registro, tanto è che il mio ex marito non è riuscito a vendere la casa. Cambia qualcosa?
    Grazie ancora[DOUBLEPOST=1401363341,1401363320][/DOUBLEPOST]Ti ringrazio. La sentenza e relativa assegnazione della casa è registrata all' Ufficio del Registro, tanto è che il mio ex marito non è riuscito a vendere la casa. Cambia qualcosa?
    Grazie ancora
     
  4. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Secondo me, il fatto che la ASSEGNAZIONE dell'appartamento (perché di ASSEGNAZIONE stiamo parlando, e non di PROPRIETA') sia stata registrata e trascritta, nulla cambia, nel senso che:

    a) Tuo marito non può vendere, perché solo un pazzo comprerebbe una casa gravata dal vincolo per cui c'è una persona assegnataria che può entrare e uscire a qualunque ora del giorno e della notte, e peggio ancora fare entrare e fare uscire persone di sua fiducia senza limitazione alcuna;

    b) Tu non puoi deliberare alle spese in Assemblea perché non hai la PROPRIETA' ma solo l'ASSEGNAZIONE. Il titolo di proprietà lo detiene tuo marito, solo che la casa gravata da questo vincolo non gli vale più niente e se la deve tenere sul groppone, pagarci le tasse e metà spese condominiali.
     
  5. feder71

    feder71 Membro Attivo

    Grazie dell' aiuto, anche se non mi sembra giusto dover pagare dei lavori senza poter dare il consenso/dissenso ad essi.
    La palazzina è di pochi condomini , potrebbero decidere qualunque spesa....
     
  6. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non pensare solo a te stessa. Al tuo ex marito non sembra giusto non poter vendere l'appartamento perché ci stai tu dentro. Chiaro che approverà ogni spesa possibile, io farei altrettanto se mi avessero cacciato di casa, mi dispiace dirtelo.
     
  7. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Credo che possessore mabbia ragione. A torto o a ragion vivi gratis in una casa altrui privandone del godimento il proprietario che si sobbarca per essa tasse cone SECONDA casa e 50% di spese straordinarie un vero salasso, penso che pagare il 50 % vedendosi pure restituire una parte non sia poi così ingiusto.
     
    A possessore piace questo elemento.
  8. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    "Amarsi sempre, sposarsi mai!". Gran bel proverbio.
     
  9. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se @feder71 ha, per sentenza e iscritta addirittura all'ufficio del registro, a suo carico le spese di riparazione o manutenzione straordinaria, c'è da chiedersi se abbia diritto a dire la sua sulla loro approvazione nell'assemblea condominiale. Buona regola vorrebbe che tale eventualità sia espressamente prevista, non so se questa "svista" non sia invece stata già recepita dalla legge. Di primo acchito mi verrebbe da dire che una spesa che coinvolge una persona debba essere da questa deliberata. Poco importa se la nostra amica vive gratis o no. Vi è una sentenza iscritta alla conservatoria. Questi doveri si devono anche tramutare in diritti. Federica ha tutto il diritto di andare a fondo alla faccenda.
     
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    io credo che la nostra amica @feder71 possa essere assimilata ad una usufruttuaria, con tanto di iscrizione alla conservatoria, il nuovo regolamento di condominio a tale proposito afferma: "Nei casi di usufrutto, l’usufruttuario ha diritto di voto per le questioni di ordinaria amministrazione e godimento delle cose/servizi comuni, mentre per tutte le altre decisioni interviene il proprietario, a meno che questi abbia negato riparazioni, lavori e opere. In tal caso la convocazione dell’assemblea condominiale deve essere comunicata ad entrambe la parti, che rispondono solidamente del pagamento del compenso per l’amministratore."
    Ordinaria amministrazione perchè le spese ordinarie e straordinarie sono bell'e divise. Qui la nostra amica ha l'incombenza delle straordinarie, a parer mio ha diritto di voto anche su queste. Se porta in giudizio il condominio questo perde la causa.
     
  11. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Coinvolgere un legale perché? Per tramutarsi in una coppia il cui voto vale come una astensione? Uno vota sì, l'altra vota no. Uno vota no, l'altra vota sì. E poi il legale costa, e portare in giudizio il condominio non è cosa da poco. E in giurisprudenza non si va per assonanze, l'usufrutto vitalizio è una cosa, l'assegnazione è un'altra, io non farei confusione, poi ovviamente chiunque è libero di citare in giudizio chiunque, mal che vada il pugno di mosche c'è per tutti...!
     
  12. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sono d'accordo con te. però un modo si deve trovare. Io trovo profondamente ingiusto il fatto che altri votano affinchè io paghi. Neanche fossi la loro schiava. Mi sembra che vi siano articoli di legge che salvaguardino il fatto di non pagare cose per le quali non si hanno diritti di sorta.
     
  13. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma lei ha il diritto di abitazione. Per sentenza.
     
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Appunto! Avendo il diritto di abitazione dovrebbe avere anche il diritto di potere influire sulle spese che cadono sulle sue spalle. E non si tratta di spese ordinarie per le quali ogni usufruttuario o inquilino o condomino e' chiamato a pagare e sulle quali non vi sono manovre da poter fare. Sono spese straordinarie che da sempre cadono sui proprietari, nudi che siano, i quali hanno possibilità di influire sulle decisioni.
     
  15. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E' qui che vi volevo!

    A questo link:

    http://www.condominioweb.com/il-diritto-di-abitazione-e-la-gestione-condominiale.1750

    spiega chiaramente che:

    il diritto di voto per deliberare l'esecuzione di riparazioni straordinarie spetta al proprietario anche qualora esse si rendano necessarie in seguito all'inadempimento da parte dell'habitator degli obblighi di ordinaria manutenzione (Cass., 11.1.1968, n. 62).

    Fonte http://www.condominioweb.com/il-diritto-di-abitazione-e-la-gestione-condominiale.1750#ixzz33aerU06e
    www.condominioweb.com[DOUBLEPOST=1401809316,1401809212][/DOUBLEPOST]L'autrice del thread non è PROPRIETARIA ma ha solo il DIRITTO DI ABITAZIONE (in realtà afferma di avere l'ASSEGNAZIONE DELLA CASA, e non so se giuridicamente i due concetti sono sinonimi perché non sono un legale!!). Di conseguenza, sulle spese *****STRAORDINARIE***** l'autrice del thread, NON ESSENDO PROPRIETARIA, nulla può deliberare.
     
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma non dovrebbe neanche pagare. Ti sembra giusto che un altro delibera e tu dovresti pagare e tacere?
     
  17. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non conta ciò che sembra giusto, conta solo ciò che ha già stabilito la Cassazione nella sentenza sopra citata. Solo il proprietario può deliberare sulle spese STRAordinarie, quindi chi detiene il diritto di abitazione o ha ricevuto l'assegnazione della casa che dir si voglia, per quanto riguarda le spese STRAordinarie può solo pagare e basta.[DOUBLEPOST=1401817715,1401817629][/DOUBLEPOST]Nella sentenza di divorzio è indicato, dice l'autrice, che le spese straordinarie per la casa coniugale sono a suo carico al 50%. NULLA SI DICE relativamente al diritto di voto in Assemblea relativamente a tali spese straordinarie, quindi conta il codice civile e/o le sentenze della Cassazione in casi analoghi. Non specificare la questione del diritto di voto, è costato caro all'autrice, perché per default le spese straordinarie sono deliberate SOLO DALLA PROPRIETA', e mai da assegnatari o detentori del diritto di abitazione. Solo una sentenza di divorzio che ESPRESSAMENTE prevedeva un DIVERSO ACCORDO tra le parti, in merito al diritto di voto in Assemblea, avrebbe potuto ribaltare la questione. Da qui, il paradosso che l'autrice paga per le spese STRAordinarie deliberate ESCLUSIVAMENTE dal proprietario, che è il suo ex marito. STRANO MA VERO.[DOUBLEPOST=1401817759][/DOUBLEPOST]L'errore è stato NON SCRIVERE NELLA SENTENZA DI DIVORZIO che l'ex marito concedeva il diritto di voto in assemblea all'autrice, per il 50% delle spese STRAordinarie di sua competenza. Non scrivendolo, si fa riferimento al codice civile o ad analoghe sentenze della Cassazione. E sarebbe stato opportuno scrivere nella sentenza di divorzio una frase tipo, "In deroga a quanto normalmente previsto per il diritto di voto in assemblea afferentemente alle spese STRAORDINARIE, le parti stabiliscono di comune accordo, e senza alcuna riserva, quanto segue: il Signor Mario Rossi concede alla Signora Maria Bianchi il diritto di voto in assemblea per il 50% delle spese straordinarie che sono di sua spettanza, da parte sua la Signora Maria Bianchi si impegna a corrispondere, pronta cassa, il 50% di ogni spesa straordinaria, afferente all'immobile sito in Roma, Via di Valleranello 42, Piano 12 Interno 84, che sia stata e che sarà deliberata in Assemblea con le maggioranze previste dal Codice Civile".
     
    Ultima modifica: 3 Giugno 2014
  18. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    da subito ho riconosciuto questa ragione che porti nella discussione. Mi pare impossibile però costringere al pagamento delle spese straordinarie una persona che non ha voce in capitolo e che non dovrebbe neanche pagarle perchè non le competono. Si dovrebbe andare in appello e ribaltare la sentenza di divorzio pensata con i piedi.
     
  19. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Su questo mi trovi d'accordo. Ma l'autrice del thread è caduta in uno dei paradossi del Diritto. Ciò che non è espressamente specificato e condiviso tra le parti, con espressa deroga e con rinunzia da ambo le parti ad ogni azione ed eccezione, viene regolato in base a quanto previsto dal Codice Civile o da sentenze della Corte di Cassazione su tematiche similari.

    L'autrice si è ricordata di farsi assegnare la casa, ma non si è ricordata di far derogare il suo ex marito sulla regola per cui solo la proprietà decide sul fare o non fare le spese straordinarie. E adesso, l'autrice è rimasta incastrata in questo ingranaggio. Se nel condominio a cui afferisce quell'abitazione abitano un sacco di persone altolocate, che amano spendere e spandere senza tanto pensare, e se l'ex marito ha i soldi da buttare via, possono divertirsi ad approvare ogni anno 30mila euro di spese straordinarie per ogni condomino, a costo di metterci la fontana d'oro in giardino dalla quale sgorga mercurio, e l'autrice non può farci nulla.

    Salvo, naturalmente, andare in appello per mettere in discussione la sentenza di divorzio su questo spinoso particolare. Non dimentichiamoci che le spese straordinarie, o meglio larga parte di esse, fruiscono del recupero IRPEF del 50% decennale, il che spinge ancor di più le persone altolocate a spendere e spandere senza pensare più di tanto. A titolo esemplificativo di spese inutili sostenute tanto per sostenerle, considera che nel mio condominio hanno approvato circa 2000 euro di spesa per l'interramento del tappetino del portone condominiale (cosiddetta installazione di tappetino mediante incavo di alloggiamento), spesa assolutamente voluttuaria per i tempi difficili che corrono, e considera che nella medesima Assemblea di approvazione un condomino ha già sollevato l'eccezione che tale installazione non debba contrastare con l'abbattimento delle barriere architettoniche, dichiarando che qualora ciò dovesse verificarsi, farà valere le proprie ragioni anche in sede giudiziaria...
     
  20. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Bravissimo! Infatti mi era sembrato di capire che il marito avrebbe interesse a spendere e così raggiungere un risultato . Rendere difficile la vita
     
    A possessore piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina