1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ciriaco

    ciriaco Nuovo Iscritto

    Salve sono Ciriaco
    scrivo per proporre il seguente quesito:
    mio padre con atto notarile in vita ha donato la propria casa ai suoi tre figli riservandosi l'usofrutto. Dopo la sua morte è stato richiesto il "consolidamento dell'usofrutto" senza altri provvedimenti di successione in quanto non vi erano altri beni da dividere ed attualmente la casa risulta intestata ai tre figli.
    Mia madre (coniuge siperstite che esercita il diritto di abitazione nella casa coniugale) continua ad abitare nella suddetta casa coniugale e, qundi, anche se non risulta intestataria di nulla è considerata soggetto passivo ai fini IRPEF ed ICI sull'immobile come se fosse titolare di "usofrutto".
    Considerato che non è stato redatto alcun atto formale di successione, cosa bisogna fare per far conoscere all'Agenzia delle Entrate che i figli sono titolari della nuda proprietà e quindi sono esonerati dal pagamento delle imposte riferite alla casa (ICI e IRPEF)?
    Bisogna redigere un atto notarile?
     
  2. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa la crudezza della domanda: Ma voi tre figli avete proprio la necessità di NON pagare quelle imposte che divise in tre non dovrebbero essere poi così "oberanti"???
    Un vecchio adagio dice che una mamma è buona per cento figli; cento figli non sono buoni per una mamma......
     
  3. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dunque, richiedere di usufruire di una agevolazione di legge, è un sacrosanto diritto. L'esenzione ICI spetta a tutti i familiari sino al II° grado, la Mamma, basta che risulti residente, deve essere segnalata al Comune e l'ICI e rispettiva agevolazione, viene applicata.
     
    A MilenaT e ciriaco piace questo messaggio.
  4. ciriaco

    ciriaco Nuovo Iscritto

    Ho inserito il mio quesito sperando che mi rispondesse qualche esperto del ramo per sapere come bisognava agire per far sapere al "fisco" che il "coniuge supertite" esercita il ditto di abitazione previsto dal Codice Civile (art. 540) e pagare le imnposte (soprattutto IRPEF) nel modo giusto, senza incorrere in sanzioni.
    Purtroppo, devo registrare che, anche in questo forum, come per strada, c'è chi apre bocca solo per il gusto di darle fiato e non si rende conto di offendere l'inerlocutore e che era meglio stare zitto!
    In questo caso si è citato un "vecchio adagio" a sproposito dimostrando di non aver capito nulla della discussione. Infatti i figli non vogliono affatto sottrarsi alle tasse per farle pagare alla madre (anche perchè si tratterebbe di "prima casa" e quindi, di fatto, non soggetta a tasse) ma cercano solo di conoscere meglio la normativa in materia, per questo mi aspettavo l'intervento di qualcuno che ne sapesse più di me! :basito:

    Aggiunto dopo 14 minuti :

    Grazie per il parere.

    Per quanto riguarda l'ICI il comune ha preso atto che la madre esercita il diritto di abitazione sancito dall'Art. 540 del Codice Civile e trattandosi di prima casa ha riconosciuto l'esenzione.
    Per quanto rigurarda l'IRPEF, invece, non mi è chiaro come bisogna operare.
     
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    non sono un fiscalista, ma non vi è nessun impatto IRPEF per l'uso abitativo della I° casa, comunque in fase di presentazione dell'Unico, chi ti assiste alla compilazione ti sarà utile.
     
    A ciriaco piace questo elemento.
  6. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Visto il tono della risposta, per di più da parte dell'ultimo arrivato nel forum, credo di avere colto nel segno se la reazione è stata così veemente. Al di là di tutte le giustificazioni addotte o le pretese di far credere una cosa e pensarne un'altra.
     
  7. Betty Boop

    Betty Boop Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    PER ADRIANO GIACOMELLI
    Intanto complimenti, per La Fotino che e' proprio simpatica ed invita, alla convivialita ed al gusto del buon Vino
    Poi per La Gentilezza e L'educazione delle Sue risposte che mirano sempre e solo a cercare di Soddisfare chi chiede senza entrare nel personale o nel privato.
    PER LUIGI BARBERO
    non le posso dare tutti i Torti .. non c'e' che dire. Resta il Fatto che quando i genitori hanno una certa eta' purtroppo, per tutti e mi ci metto anche Io. Quasi sempre le proprieta' e le spese, in Comune sono sempre fonti discussione perche' ognuno vorrebbe agire con La propria Testa e NON sempre con I Fratelli ( e con i Rispettivi Coniugi):rabbia: e' facile trovare accordo ed armonia
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  8. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Concordo pienamente con BettyBop. Infatti, il mio primo intervento non voleva essere assolutamente invasivo nella sfera del tutto privata della situazione prospettata. Tant'è che non ho nemmeno dato un mio parere sul tema squisitamente giuridico. Ho solo voluto fare una semplice constatazione suggerendo "subliminalmente" una soluzione. Visto che già ci sono passato per quel "valico". Evidentemente, il lettore ha interpretato molto male il mio pensiero ed ha risposto secondo il detto:-"chi male intende peggio risponde". Il che, ribadisco, mi ha confortato nella mia idea, o sensazione, di avere toccato un nervo scoperto. Però, dato che il mio mestiere non è quello del confessore, non mi sento nè di colpevolizzare chicchessia, nè, tantomeno, di assolvere chicchessia, lascio all'intervenuto ogni sua più ampia facoltà di censurare il mio pensiero. Da parte mia eviterò di rispondergli.
     
  9. ciriaco

    ciriaco Nuovo Iscritto

    Grazie per il consiglio.

    Rispondere agli interventi di qualche altro intervenuto sarebbe solo tempo sprecato!
     
  10. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ringrazio Betty per le sue parole, ha avuto la pazienza e la disposizione d'animo di fare una considerazione che mi è giunta gradita.
     
  11. Franca68

    Franca68 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Io mi inserisco anche se i toni sono un pò accesi.
    Adriano Giacomelli ha ragione :ok:, l'ICI non si paga se l'abitazione è residenza principale di un familiare del o dei proprietari, come in questo caso, che invece dovranno inserire l'unità immobiliare nella dichiarazione dei redditi ed eventualmente pagarci l'IRPEF ognuno per la sua quota.
    Cordiali saluti :fiore:

    Aggiunto dopo 3 minuti :

    Volevo chiedere come mai è considerata come se fosse titolare di usufrutto? chi lo dice?
     
  12. ciriaco

    ciriaco Nuovo Iscritto

    GRAZIE per l'intervento. Come vedi si può discutere senza essere sgarbati.
    La mia richiesta di aiuto, comunque, non era per cercare di non pagare le tasse e tantomeno per farle pagare a mia madre (come qualcuno ha voluto capire credendo di inretpretare il mio pensiero senza cercare di capire ciò che, magari esprimendomi male, avevo scritto).
    A scanso di equivoci preciso che il fabbricato attualmente viene dichiarato dai figli e che questo non comporta un aumento dell'IRPEF.
    La casa in questione, infatti, ha una rendita modesta ed essendo l'unica casa anche per i figli che vivono in altre abitazioni, in fitto, non è dovuta neanche l'IRPEF (Vedasi istruzioni Md. 730/2011, pag. 16 "Si considera abitazione principale quella in cui il contribuente o i suoi familiari - coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo - dimorano abitualmente. Per l'abitazione principale spetta la deduzione dal reddito ......"
    Mi interessava sapere se il comiuge supertite che esercita il diritto di abitazione nella casa coniugale (anche se la casa risultava intestata ai figli) era tenuto a comunicare la cosa al catasto e quale era la modalità per farlo (Istruzioni Mod. 730/2011 -Pag. 15 - "Devono utilizzare questo quadro: ...... i titolari di usufrutto o altro diritto reale sui fabbricati ... il titolare della sola nuda proprietà non deve dihiarare il fabbricato. Si ricorda che il diritto di abitazione .... spetta, ad esempio, al coniuge superstite - art. 540 CC.")
    Chiedevo, però, pareri dettati da precise normative e non da liberi pensieri che ognuno di noi può avere, ma restano sempre idee personali che spesso non trovano riscontro in alcuna norma.
    Spero che questa volta sono riuscito a farmi comprendere.
    Grazie ancora per il modo garbato del tuo intervento.
     
  13. Franca68

    Franca68 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    questo "consolidamento di usufrutto" lo ha richiesto l'Agenzia delle Entrate?
    se tuo padre era l'unico titolare di usufrutto, credo che la cosa sia andata via con lui, nel senso che l'usufrutto è cessato con la sua morte. a meno che non fosse cointestato ad entrambi i coniugi.
    Nel caso sia cessato con la sua morte, voi figli dovete solo dichiararla in sede di dichiarazione dei redditi e Vs. madre può abitarci con la vostra autorizzazione. non so se il diritto di abitazione della casa coniugale sia valido se la casa è intestata ad altri :domanda:
    Comunque nel caso ve lo abbia richiesto l'Agenzia delle Entrate, in che modo lo ha fatto? per iscritto?
     
  14. ciriaco

    ciriaco Nuovo Iscritto

    Per Franca68
    Il "consolidamento di usofrutto" (non so se è questa la dizione giusta) è stato chiesto dai figli per far annotare al catato che, essendo deceduto l'usufruttuario, la piena proprietà passava a loro.
    Succesivamente, leggendo, nelle istruzioni per la compilazione del mod. 730, del "diritto di abitazione" che spetta al ciniuge superstite, mi era venuto il dubbio se bisognava fare qualche altro atto per far registrare l'esistenza di questo diritto oppure la cosa era automatica (e quibdi il soggetto passivo ai fini ICI ed IRPEF doveva essere considerato autmaticamente il coniuge superstite).
    Qualche giorno fa mi sono incontrato casualmente con un notaio che ha chiarito i miei dubbi.
    Mi ha fatto notare che l'art. 540 del C.C. parla del diritto di abitazione del coniuge superstite nella casa di propietà del defunto mentre alla sua morte mio padre non era più proprietario ma solo usufruttuario e quindi (come tu avevi intuito) per mia madre non si configura il più volte citato "dirtto di abitazione".
    Diversa è la situazione del comiunge che morendo lascia la casa di prioprietà. In questo caso bisogna fare la denuncia di successione ed in quella occasione viene riconosciuto il "diritto di abitazione" al coniuge superstite anche se quest'ultimo rinuncia alla propria quota di eredità in favore dei figli.
    In effetti io l'art. 540 del C.C. l'avevo letto più volte e la parola "proprietà" mi sembrava adeguata a descrivere la situazione (infatti, la casa era di mio padre), non avevo tenuto presente la precedente donazione. E' prprio vero: ognuno deve fare il proprio mestiere!
    Qunidi, nel mio caso, i figli dobbono continuare a dichiarare l'immobile ai fini ICI ed IRPEF e, fin quando l'abitazione vieve concessa in uso gratuito alla madre e loro risultano proprietari di quell'unico fabbricato, possomo beneficiare delle agevolazioni previste per la prima casa (regolamento comunale + normativa nazionale).
    Spero di essermi spiegato bene e che la presente discussione possa servire a qualche altro che si trova nelle mi stesse condizioni.
    Cordiali saluti.
     
  15. cigno nero

    cigno nero Nuovo Iscritto

    Spero di ricevere una risposta al + presto.
    Il mio compagno ha perso la moglie + di 2 anni fa e, non essendoci figli, parte della casa di loro proprietà (in comunione dei beni) è diventata dei genitori di lei.
    La mia domanda è: possono pretendere da lui le kiavi e l'affitto? Quali sono i loro diritti e quali i loro doveri?
    Preciso ke lui ha ancora la residenza in quella casa ed io risiedo nella mia.
    Se è possibile potreste fornirmi anke gli articoli del codice ke attestino le vostre risposte?
    Grazie
     
  16. Franca68

    Franca68 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Riferimento normativo: legge 151 del 1975 sul diritto di famiglia.
    Al tuo compagno non possono chiedere l'affitto vita natural durante perchè ha il diritto di abitazione e di uso dei mobili.
    Il problema si può creare solo se vuole vendere perchè i suoceri anche se hanno ereditato solo 1/4 della proprietà devono firmare il rogito.
    Se la moglie avesse lasciato testamento per la sua quota disponibile il problema della successione dei genitori non si sarebbe posto. :daccordo:

    i genitori hanno ereditato 1/3 del 50% della moglie. io ho detto 3/4 ma sono le 22:30 e forse il calcolo è sbagliato, credo sia un poco di più...:domanda:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina