1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Cia

    Cia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Io e mia moglie siamo proprietari in comunione di beni di due appartamenti, uno dei quali è la nostra abitazione. Abbiamo due figli, uno dei quali sposato.
    Se uno di noi due viene a mancare, il coniuge superstite potrà liberamente rimanere nella sua abitazione, visto che in quel momento si instaura la procedura di successione ovvero diventerà oggetto di discussione sul da farsi tra gli altri eredi? E l'appartamento non abitato da noi dovrà immediatamente diventare altrettanto oggetto della successione con corrispondente chiamata in causa dei figli?
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sì, ex art. 540, comma 2 c.c., che recita:
    Al coniuge, anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni.
    Si tratta di un (pre)legato ex lege che non va aggiunto alla quota di eredità ma va in essa ricompreso.
    In assenza di testamento, tutto il patrimonio del coniuge deceduto (compreso l'appartamento in cui il coniuge superstite avrà il diritto di abitazione) sarà diviso secondo quanto stabilisce l'art. 581 c.c.: al coniuge superstite andrà 1/3 (oltre ai diritti di abitazione e di uso di cui sopra) e ai due figli 1/3 ciascuno.
     
    A fiorello64 piace questo elemento.
  3. Cia

    Cia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Rispetto al primo quesito, ringrazio per l'esattezza e la tempestività.
    Sulla seconda questione, preciso che con testamento olografo abbiamo, io e mia moglie, già destinato la quota disponibile al coniuge superstite per la massima tranquillità economica........
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Credo che tu sappia, ma è meglio precisarlo, che ex art. 589 c.c. non si può fare testamento da due o più persone nel medesimo atto, né a vantaggio di un terzo, né con disposizione reciproca.
     
  5. Cia

    Cia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ne ero a conoscenza, grazie comunque.........
     
  6. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Quindi nel caso in ispecie l'abitazione sul quale il coniuge esercita il diritto di abitazione ha tre proprietari con tre quote uguali, giusto?
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No, dato che l'OP ha poi specificato che ciascun coniuge ha fatto testamento, destinando la propria quota disponibile all'altro coniuge. Conseguentemente, la quota che perverrà alla loro prole sarà ridotta.
     
  8. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Quindi a chi è andata l'abitazione in parola, visto che la ripartizione non è in tre parti uguali?
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Andrà al coniuge e ai due figli, come tutto il resto del patrimonio che cadrà in successione, con le seguenti quote:
    - coniuge: 1/2 (comprende la quota disponibile, pari a 1/4);
    - ciascuno dei due figli: 1/4.
    Al coniuge saranno riservati i diritti di abitazione su quella casa e di uso dei mobili che la corredano.
     
    Ultima modifica: 26 Gennaio 2015
    A Gianco piace questo elemento.
  10. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Grazie. Chiarissimo.
     
  11. Cia

    Cia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Tutto giusto, grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina