1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve, ecco il mio quesito:
    ho deciso di vendere un immobile accatastato A/3 che però da "secoli" è stato ed è affittato come ufficio( 6+6 ).
    Esiste, in questo caso, il diritto di prelazione?
    Vi ringrazio
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Art. 38 della legge n. 392/1978.
     
    A sasisilu piace questo elemento.
  3. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Che velocità!!!! Grazie !:applauso:
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Premesso, che non sarei stato in grado di darti consigli, colgo l'occasione per lamentare ancora una volta che per attraversare il Tirreno "Le novità di oggi" di Proprit, per me sono di ieri. Mi sono pervenute oggi 25 alle 5,07. E non è un'eccezione.
    Chissà se chi di dovere possa rimediare.
     
  5. il tetto

    il tetto Membro Attivo

    Professionista
    Sasisilu, buongiorno, leggo solo ora il tuo post, premesso che essendo un contratto vecchio dove risulta che hai affittato ad uso ufficio un immobile accatastato cat.A/3 (oggi non più possibile se non dopo cambio d'uso) devi semplicemente vedere, se nel contratto essendo ad uso diverso dall'abitazione, avete inserito una clausola dove il conduttore ha diritto di prelazione in caso di vendita, ti regoli di conseguenza.
     
  6. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta, ma nel contratto non c'è alcuna clausola del genere! Penso, comunque, che la legge citata da Nemesis riguardi il mio caso....se la ho bene interpretata ( hanno , cioè, il diritto di prelazione ognuno dei quattro professionisti a cui è intestato il contratto ).. Giusto, Nemesis?
     
  7. il tetto

    il tetto Membro Attivo

    Professionista
    Caro Sasilu se nel contratto non risulta nulla i tuoi inquilini non hanno nessun diritto di prelazione, quindi se lo vendi a terzi non lo devi notificare, se hai buoni rapporti avvisali della tua volontà di volerlo alienare... non si sa mai. Hai inteprerato male la legge, la prelazione esiste solo se il conduttore fa la vendita diretta al pubblico e/o altre categorie specifiche, con immobili accatastati C (negozi o similari) oppure come ti ho già detto se indicato e specificato con clausola nel contratto. Quanto da te riportato non rientra in nessuno di questi casi (A/3 ad uso ufficio).
     
    A sasisilu piace questo elemento.
  8. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ops! Grazie per la correzione! Comunque li ho avvisati, dato che sono in ottimi rapporti. Come giustamente dici, non si sa mai......
     
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'hanno, se l’immobile sia utilizzato per lo svolgimento di un’attività che comporti contatti diretti con il pubblico degli utenti e dei consumatori.
     
  10. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    :domanda::affermazione: sono due commercialisti e un avvocato.....A parte il fatto che li ho già avvisati, vorrei avere conferma per mia curiosità! Grazie
     
  11. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Hanno il diritto di prelazione ex art. 38, il diritto di riscatto ex art. 39 e il diritto di prelazione in caso di nuova locazione ex art. 40 della legge n. 392/1978.
     
  12. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    tre grossi grazie...allora avevo interpretato bene! ;)
     
  13. il tetto

    il tetto Membro Attivo

    Professionista
    Non voglio fare polemiche ma ribadisco quanto già postato ovvero i commercialisti e gli avvocati essendo professionisti non rientrano nelle categorie che hanno il diritto di prelazione , infatti analogamente a quanto previsto dagli artt. 38 e 39 L. 392/78 in materia di locazioni abitative, l'art. 40 della medesima legge riconosce ai conduttori di immobili adibiti ad attività comportanti contatti diretti con il pubblico degli utenti e dei consumatori ( per esempio il negoziante che vende i suoi prodotti) il diritto di prelazione in caso di vendita, è escluso, oltre che nelle locazioni relative a immobili utilizzati per lo svolgimento di attività che non comportino contatti diretti con il pubblico, anche quando il conduttore svolge ATTIVITA' PROFESSIONALI o di carattere transitorio, nonchè quando si tratti di immobili complementari o interni a stazioni ferroviarie, porti, aeroporti, aree di servizio, alberghi e villaggi turistici. Mi sembra proprio il tuo caso Sasisilu.
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  14. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Anche se avete interpretazioni contrastanti ringrazio ambedue per l'interessamento!:fiore:
     
  15. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    --Secondo la Suprema Corte, la prelazione spetta al conduttore solo a condizione che la sua attività all’interno del locale sia stata a diretto contatto con i consumatori. Diversamente, il locatore è libero di vendere a terzi senza doverlo comunicare al conduttore.
    Nel caso in cui il locale venga concesso per “uso ufficio”, non spetta la prelazione salvo che sia stata svolta attività commerciale. Nel caso di commercialisti e avvocati direi che non spetta
    SE invece nell'ufficio., per esempio- si progettavano e si vendevano software, potrebbe spettare nel qual caso se sorge contenzioso la parola spetta alla conciliazione-mediazione e poi in caso alla AG
     
    A Gianco piace questo elemento.
  16. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    A questo punto due interpretazioni contro una........Grazie ancora!
     
  17. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    In materia locativa di immobili urbani, i diritti di prelazione e di riscatto (di cui agli artt. 38 e 39 l. n. 392/1978) spettano solamente se l'attività commerciale svolta avviene a stretto contratto con il pubblico e i consumatori. Tale circostanza costituisce imprescindibile presupposto processuale per l'ammissibilità delle corrispondenti azioni.
    (Corte di Cassazione, sez. VI-2 Civile, sentenza n. 9583/12; depositata il 12 giugno)
     
    A sasisilu piace questo elemento.
  18. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie ancora!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina