• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

aleug

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera
Sono coerede di un appartamento locato.
Volendo noi vendere l'appartamento mi sembra di aver capito che il diritto di prelazione spetti appunto a noi coeredi o in subordine ai nostri parenti entro un certo grado. Ma nel caso nessuno di noi volesse esercitare tale diritto questo passa automaticamente all'inquilino? o decade ogni diritto di prelazione anche da parte sua?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Il coerede, che vuol alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Non esistono altri soggetti "in subordine".
Il conduttore ha il diritto di prelazione solamente quando il locatore intenda negare il rinnovo del contratto di locazione alla sua prima scadenza perché intende vendere l'immobile a terzi e non abbia la proprietà di altri immobili a uso abitativo oltre a quello
eventualmente adibito a propria abitazione. Il diritto di prelazione non è normativamente previsto in favore del conduttore in assoluto, in quanto conduttore, ma solo nella limitata ipotesi in cui il locatore gli abbia intimato disdetta per la prima scadenza, comunicandogli di voler cedere la proprietà a terzi.
E ciò, come misura atta a compensare in qualche modo il sacrificio del mancato godimento dell’immobile tolto in locazione, per l’ulteriore quadriennio (o biennio, a seconda del tipo di contratto) normativamente previsto, a fronte dell'utilità, per il locatore, purché sprovvisto di altri immobili ad uso abitativo, oltre a quello eventualmente adibito a propria abitazione, di poter vendere a terzi il bene, a un prezzo maggiore, corrispondente a quello di mercato per gli immobili liberi.
 
Ultima modifica:

aleug

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie per la sollecita e chiara risposta.
Quindi, se nessuno di noi coeredi (notificati in forma ufficiale a termine di legge) volesse acquistare l'appartamento, potremo venderlo ad un estraneo?
Questo perché il conduttore ci sta "minacciando" anche tramite avvocati di avere il diritto di prelazione.
Mi dispiace non aver indicato prima che il contratto è di 4 anni, è passato un anno dalla stipula, non abbiamo notificato al conduttore di non voler rinnovare il contratto, anche perché sarebbe nostra intenzione venderlo occupato.

Di nuovo grazie e buonasera
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Vendendo in costanza di contratto di locazione, l'inquilino non ha diritto di prelazione.
Non è chiaro se vuoi vendere solo la tua quota, o se tutti gli eredi vogliono vendere a terzi.
Nel primo caso, una volta trovato l'acquirente, dovrai notificare il prezzo a cui concretamente venderai, a meno che sia più basso di quello indicato nella notifica che hai detto di aver gia inviato.
Nel contratto con l'aspirante acquirente della quota, è bene inserire condizione sospensiva, facendo presente che i coeredi hanno diritto di prelazione, pur avendo informalmente espresso di non essere interessati.

Ovvero,se hai comunicato di voler vendere a 100, e hanno detto "non interessa", e poi vendi a 90, hanno diritto di comprare a 90, se interessati.
 

aleug

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Mi sono accorta di essere stata un po' lacunosa.
In effetti siamo tutti d'accordo di vendere e nessuno di noi ha intenzione, almeno al momento, intenzione di acquistare. Faremo comunque le notifiche di legge.
Vorremmo semplicemente vendere tramite Agenzia ad un estraneo per ricavarne un pochino di più od avere più margine di trattativa.
Se poi il conduttore vuole acquistare (sempre tramite Agenzia Immobiliare che comunque dovremo pagare) trattando il prezzo, ma sempre sullo stesso livello degli altri possibili acquirenti. è il benvenuto
E' giusto il nostro pensiero?
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
E' giusto il nostro pensiero?
E' giusto.
Se vendete tutti insieme a estranei, naturalmente non c'è diritto di prelazione. Quindi non servono notifiche.
Quando darete incarico all'agenzia scelta, deve essere sottoscritto da tutti gli eredi ( a meno che uno degli eredi abbia procura per operare per gli altri).
Quando riceverete una proposta di acquisto, dovrete firmarla tutti per accettazione, al fine di evitare problemi successivi, o ripensamenti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso.
rpi
Buonasera, un fondo parte magazzino e parte garage è stato adibito ad abitazione, tramite CILA, avendo denunciato l'abuso al comune, questo ci ha dato ragione mantenendo le originarie categorie C/6 e C/2. Nonostante ciò il proprietario lo ha affittato ad una famiglia. A chi dobbiamo rivolgerci, Vigili urbani o denunciare il proprietario alla Magistratura?. Grazie, cordiali saluti.
Alto