1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Avesani

    Avesani Membro Junior

    Sto' acquistando un immobile in centro storico.tale immobile appartiene a una divisione di un appartamento in due miniappartamenti avvenuta nel 2002.all'atto di acquisto ,che doveva svolgersi a fine febbraio tre giorni prima il venditore mi comunica che non si presentera' all'atto(per motivi non noti).comunico al notaio che sospeso veniva sospeso e chiedo di quantificare le spese. La parcella presentatami totale(come se avessi fatto l'atto) e' stata ,dopo difficile discussione, ridotta della meta'.
    Dopo qualche mese i venditori mi ricontattano e decidiamo di rivolgerci al notaio del venditore.
    Questo richiede per il proseguo del rogito notarile la dia che doveva essere depositata in comune nel 2012 ne momento della divisione dell'immobile in due subunita'.a questo punto anche questa volta l'atto non si e' potuto concludere perche' il secondo notaio afferma che mancando questa dia l'atto sarebbe nullo.
    Ora la mia domanda e' chi ha ragione il primo notaio o il secondo notaio?
    Nel caso il secondo cosa potrei fare verso il primo?
    Al di la' del torto o della ragione non riesco a capacitarmi di queste discordanze tra professionist su un banale atto di compravendita.
    Cosa ne pensate?
     
  2. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Da quanto spighi mi sembra di capire che la prima volta il notaio non ha riscontrato difformità urbanistiche nè mancanza di documentazione, ma il rogito è saltato perchè il venditore non sarebbe venuto.
    La seconda volta invece il rogito è saltato poichè il notaio ha ritenuto insufficiente la documentazione presentata (dia).
    Che dire.....
    da noi a Viareggio e Versilia è uso fornire al notaio una relazione tecnico che attesti la regolarità urbanistica e catastale del bene.
    Non so come è in uso a Desenzano.
    A mio modo di vedere, tale relazione è fondamentale prima di procedere ad un acquisto.

    Avesani, ti domando.....ti sei fatto assistere da un tecnico di tua fiducia (geom. arch. ing. ecc.) per verificare che lo stato di fatto dell'immobile corrisponda con quanto risulta in comune ed al catasto?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina