1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ghia

    ghia Nuovo Iscritto

    ...quando non si arriva ad un'accordo nel vendere un'iimobile in compropietà in nessun modo, qualè la via più semplice e veloce per vendere ?
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    rivolgersi al giudice.
     
  3. AVV GIORDANO MONICA

    AVV GIORDANO MONICA Nuovo Iscritto

    in mancanza di accordo dei comproprietari, non esiste una via "più semplice" nè tantomeno "veloce"...bisognerà rivolgersi necessariamente ad un avvocato per intentare una causa di divisione giudiziale della comunione, dai costi elevatissimi ..le tempistiche variano a seconda del tribunale...
     
  4. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mettere in vendita la propia quota comunicando al o ai comproprietari la possibilita di avere la prelazione sull'acquisto,vedrai che si attiveranno .
     
  5. ghia

    ghia Nuovo Iscritto

    salve, certo si dovrebbe iniziare una procedura giudiziale per la suddivisione dei beni, questo nel caso dei terreni .
    Se parliamo di immobili, terreni edificabili sempre indivisi,si potrebbe iniziare una procedura legale per la vendita all'asta di tutto l'asse dei beni ? si potrebbe fare tutto includendo in una causa ?
    Ecco la situazione:
    siamo tre fratelli, nostra madre ancora in vita di cui abbiamo eredita da nostro padre questi beni cosi predisposti:
    due terreni edificabili di cui uno la mamma possiede i 12/18 noi figli 2/18 , l'altro lotto edificabili mia madre possiede i 3/9 e noi figli i 2/9 credo cmq la leggitima.
    poi ci sono gli immobili di cui entriamo tutti per la quota leggittima.
    Il punto è :mia madre onde evitare litigi, vorrebbe vendere tutto , si potrebbe mettere tutto in asta, con una sola causa ?
     
  6. AVV GIORDANO MONICA

    AVV GIORDANO MONICA Nuovo Iscritto

    Si, certo, lo scioglimento della comunione ereditaria include tutti i beni ereditati....il giudice valuta la possibilita' di dividere in natura gli immobili, nominando un perito che stimera' i beni e valutera' se i beni sono facilmente ripartibili (il costo della perizia sara' molto elevato visto che si tratta anche di diversi cespiti), altrimenti, se la divisione in natura risulta antieconomica, disporra' la vendita all'asta e il ricavato verra' ripartito tra gli eredi (inclusa la mamma, ovviamente)....
    Sarebbe preferibile trovare un accordo tra fratelli....;)
     
    A ghia piace questo elemento.
  7. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Questa è la strada da seguire nell'interesse di tutti i comproprietari, in quanto lo scioglimento della comunione può avvenire vendendo i beni immobili sul libero mercato con la conseguente distribuzione pro quota dell'importo ricavato che sarà senz'altro maggiore di quanto potrà essere ottenuto a mezzo asta giudiziaria, e non solo: non dovrete gravarvi di anticipazioni di spese legali, procedurali e di CTU.
     
    A ghia piace questo elemento.
  8. ghia

    ghia Nuovo Iscritto

    lo so,è sacrosanto quello che dici, purtroppo, come si dice...... quando cè una pecora nera nella famiglia è la fine. Figurati, nostra madre è pensionata, ha questi beni, lei vive solodi pensione che fra l'altro è stata pure ridotta, esenzione di tick non ci rientra paga tutto e purtroppo deve pagare pure le tasse elevate dei beni, ovviamente perla quota sua, purtroppo questi beni non fanno entrare soldi ma solo uscite, perciò ha deciso di venderle.
    In un lotto di terreno cè già un'acquirente, tutti siamo d'accordo ma uno dei fratelli vuole 1/3 della somma di cui 20mila € contanti in nero più la quota che le spetta,pur sapendo che nostra madre dev'essere operata spese per lasalute. A questo punto sarebbe meglio vendere all'asta tutto ilpatrimonio credo
     
  9. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Se pretende quiote che non gli spettano, cercate di portarlo alla riflessione facendogli presente cosa comporterebbe uno scioglimento della comunione in via giudiziale.
    Fagli leggere le risposte del forum, forse capirà.
     
  10. ghia

    ghia Nuovo Iscritto

    lo farei...! ma nessuno parla con lui neanche nostra madre, anzi l'ha pure minacciata , insomma questa persona è nata solo per dare probblemi , non fa altre attività, girare in moto, bar, bere etc...,pensa che ci ha pure denunciati a noi ed anche i suoi nipotini di 14 anni, esluso nostra madre , ti immagini che tipo !!!?
     
  11. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Lo invii per raccomandata!
     
  12. ghia

    ghia Nuovo Iscritto

    ok ci proverò, grazie mille per i consigli a risentirci
     
  13. gusman

    gusman Nuovo Iscritto

    Scusate se mi permetto di intervenire, ma mi trovo nella situazione di essere erede, insieme ai miei due fratelli,della casa dei miei genitori.
    Io vorrei vendere la casa poichè richiede un oneroso intervento di ristrutturazione ed io non ho i soldi necessari.
    Ho quindi proposto ai fratelli di venderla, avrei anche trovato l'acquirente, ma da parte di uno c'è la ferma volontà di non cederla. Ho anche offerto a questo la possibilità di comprare la mia quota, al prezzo indicato dall'acquirente.
    Ormai da più di un anno questo sta accampando scuse per non prendersi l'impegno o a ridiscutere continuamente del prezzo, sostenendo che l'abitazione necessita di ristrutturazione.
    Oramai mi sono stancato e ho pensato ad una soluzione poco ortodossa, ma che forse metterà il fratello con le spalle al muro:
    1) fare un mutuo di liquidità mettendo come ipoteca la mia parte di proprietà
    2) non pagare le rate e lasciare che la casa venga messa all'asta

    In questo modo avrei ottenuto i soldi che intendevo ricavare dalla vendita.

    Che ne pensate? Vi sembra una soluzione percorribile?
    Certamente io verrei segnalato nel libro dei cattivi pagatori, ma c'è un'altra soluzione che non mi costringa a rivolgermi ad un avvocato?

    Grazie
     
  14. Matteo Ven

    Matteo Ven Nuovo Iscritto

    "Io vorrei vendere la casa poichè richiede un oneroso intervento di ristrutturazione ed io non ho i soldi necessari.
    Ho quindi proposto ai fratelli di venderla, avrei anche trovato l'acquirente, ma da parte di uno c'è la ferma volontà di non cederla. Ho anche offerto a questo la possibilità di comprare la mia quota, al prezzo indicato dall'acquirente.
    Ormai da più di un anno questo sta accampando scuse per non prendersi l'impegno o a ridiscutere continuamente del prezzo, sostenendo che l'abitazione necessita di ristrutturazione.
    Oramai mi sono stancato e ho pensato ad una soluzione poco ortodossa, ma che forse metterà il fratello con le spalle al muro:
    1) fare un mutuo di liquidità mettendo come ipoteca la mia parte di proprietà
    2) non pagare le rate e lasciare che la casa venga messa all'asta

    In questo modo avrei ottenuto i soldi che intendevo ricavare dalla vendita."



    Mia madre si trova in una situazione simile.
    forse sarebbe meglio rivolgersi ad un avvocato
     
  15. gusman

    gusman Nuovo Iscritto

    d'accordo,ma una simile soluzione comporta dei tempi molto lunghi dall'ammontare non quantificabile.

    ho anche pensato di affittarla senza chiedere il parere dei fratelli. Sarebbe legale, visto che mio fratello ha qui la residenza senza abitarci veramente?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina