1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ogpls

    ogpls Membro Attivo

    un mio inquilino mi ha inviato la disdetta del contratto di locazione 4+4 stipulato a dicembre del 2009 con solo tre mesi di anticipo mentre sul contratto vi era scritto che doveva essere inviata con 6 mesi di anticipo, quindi avendo inviato la disdetta a ottobre sarebbe dovuto andare via a fine marzo ,poichè ha detto che andrà via ai primi di dicembre posso trattenere i 3 mesi di cauzione da lui versati alla stipula del contratto per coprire i mesi che lui non verserà, considerando comunque che il mese di marzo è perso?
    In ogni caso i mesi di ottobre e novembre in cui lui rimane ancora nell'alloggio sono dovuti, come posso rivalermi su di lui nel caso non volesse pagare i 2 mesi?
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In teoria l'inquilino che ha dato la disdetta a ottobre dovrebbe corrisponderti i canoni di novembre, dicembre, gennaio, febbraio, marzo e aprile.
    Pertanto potresti, a norme contrattuali, trattenere la cauzione a copertura del mancato preavviso.
    Ovviamente se riaffitterai i locali subito dopo la sua dipartita (es. gennaio) non sarebbe corretto trattenerti una somma superiore a quella sufficiente per coprire il periodo di mancato incasso del canone.
     
  3. ogpls

    ogpls Membro Attivo

    purtroppo l'inquilino non lo ancora trovato e credo che in questo periodo stenterò parecchio, il problema e che rimane ancora i mesi ottobre e novembre e se per caso si rifiutasse di pagarli cosa posso fare visto che con la cauzione copro appena tre mesi dei sei di preavviso
     
  4. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Purtroppo questa è una brutta abitudine che però è diventata una prassi comune. Non pagare gli ultimi mesi di affitto scontandoli dalla cauzione.
    Molti inquilini lo fanno confidando che il locatore non intenterà loro mai una causa civile per recuperare il mancato preavviso e/o i danni all'appartamento, confidando nei costi, nella farraginosità, nell'incertezza e nella lentezza dei processi civili in Italia.
    E quella della causa civile è purtroppo l'unica strada percorribile per recuperare il dovuto, anticipando ovviamente le spese legali.
    C'è da augurarsi che non vi siano danni nell'appartamento poiché ovviamente, avendo "bruciato" la cauzione, sarebbe difficile farsi risarcire anche quelli senza avviare una pratica legale.
    Unica speranza è che l'inquilino abbia beni e/o redditi da lavoro dipendente su cui eventualmente rivalersi una volta ottenuta soddisfazione in giudizio, altrimenti non conviene nemmeno pensarci.
     
  5. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Come ha motivato la disdetta?
     
  6. ogpls

    ogpls Membro Attivo

    i danni nell'alloggio ci sono stati avendo un cane mi ha rovinato la porta di ingresso che ha cercato di aggiustare facendo un rattoppo ed è impossibile entrare dentro per la puzza ela sporcizia che vi regna. la motivazione e che si trasferisce in un altro alloggio. echiaro che fare la causa civile non mi conviene ma potrei chiedergli i danni per come mi ha ridotto l'alloggio
     
  7. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il fatto che si trasferisce è ovvio (che significa: "Lascio perché vado altrove"???? Il trasferimento è l'effetto e non la causa dell'andar via), deve dire perché deve trasferirsi!
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sono fatti suoi.
     
  9. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La facoltà dell'inquilino di recedere dal contratto di locazione ad uso abitativo è contenuta nell'articolo 3, comma 6 della Legge n. 431/98 che recita: "Il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto, dando comunicazione al locatore con preavviso di sei mesi".
    I gravi motivi sono fatti suoi, ma li deve indicare al locatore!
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Peccato che la fattispecie in discussione non riguardi un recesso per gravi motivi, ma una facoltà pattuita nel contratto: "mentre sul contratto vi era scritto che doveva essere inviata con 6 mesi di anticipo". E l'oggetto stesso di questa discussione dice già tutto: "Disdetta contrattualmente di sei mesi".
    Quindi perché il conduttore se ne vuole andare restano fatti suoi.
     
    Ultima modifica: 11 Novembre 2013
  11. ogpls

    ogpls Membro Attivo

    purtroppo i proprietari non sono tutelati e gli inquilini fanno ciò che vogliono
     
  12. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    La mia situazione è simile, con alcune varianti:
    1 - Nel contratto è scritto chiaramente che il tempo di permanenza minimo è di tre anni e che, qualora, per gravi motivi, l'inquilino decidesse di andar via prima, dovrebbe avvisare 6 mesi prima e sarebbe mia facoltà trattenere tutto o in parte il deposito cauzionale.
    2 - Dopo 16 mesi l'inqulino mi ha telefonato dicendo che lascerà l'immobile fra tre mesi per motivi certo non gravi: la difficoltà di parcheggio e il costo del gas.
    3 - Occorre tener presente che io ho pagato un importo pari ad una mensilità di affitto all'Agenzia immobiliare e che ho concesso all'inquilino un bonus iniziale di 1.000,00 euro per la ripittura interna dell'immobile.
    Non voglio certo infierire sull'inquilino, ma ritengo che almeno il "bonus" mi vada restituito e, qualora non lo faccia, sono ben deciso a ricorrere all'avvocato per inadempienza contrattuale: cosa ne pensate?
     
  13. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Evitate sempre i contratti con clausole troppo 'personali'. Potreste ricadere nelle 'vessazioni' - come se l'inquilino, principino di un Paese che ha abolito i titoli nobiliari, avesse firmato a occhi chiusi!
     
  14. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    I danni puoi anche chiederglieli, ma se non te li paga e tu non hai più cauzione devi comunque fargli una causa civile per farti risarcire, siamo sempre lì.

    Il bonus sarà difficile che ti venga riconosciuto da un giudice, in quanto potrebbe essere considerato una compensazione per il fatto che non hai provveduto tu ad eseguire la pittura interna dell'immobile. Dovere del proprietario è infatti quello d consegnare un immobile in buone condizioni, a meno che nel contratto non sia specificato altrimenti e che il canone ne tenga debito conto.
    Per il mancato preavviso invece ci sono più speranze, ma considera i costi che dovrai anticipare per intentare una causa civile al fine di richiedere tale risarcimento.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 11 Novembre 2013

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina