1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Enzo1960

    Enzo1960 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buondì,

    sono proprietario e abito in un appartamento sito in condominio composto da 12 unità, dieci appartamenti e due unità commerciali, l’edificio è in Lombardia località Terno d’Isola.

    Ad aprile 2016, in una riunione straordinaria, abbiamo sottoscritto formalmente la volontà di dismettere l’impianto centralizzato per passare all’autonomo con votazione di 1000 millesimi.

    I motivi per giungere a questa decisione sono stati l’ennesima rottura della caldaia, i costi per la sua riparazione, il costo per installare le valvole sui caloriferi entro il 31/12/2016 e una rilevante morosità di alcuni proprietari.

    A giugno ci giunge comunicazione dall’amministratore che ci informa che la delibera viene sospesa perché alcuni proprietari (credo 3) hanno avuto formale ripensamento e vogliono continuare con il centralizzato, pertanto chi vuole distaccarsi lo dovrà fare come singola unità.

    I miei dubbi sono i seguenti:

    1) Per sospendere una delibera ottenuta con 1000/1000 è sufficiente il ripensamento di alcuni proprietari che peraltro l’avevano sottoscritta?

    2) È necessaria una nuova votazione per annullare la delibera o no ? e se è necessaria quanti millesimi occorrono?

    3) In questa situazione, chi effettua il distacco, è soggetto al normale iter e quindi anche al pagamento della manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto centralizzato ?

    Il mio “naturale” pensiero è che in questa situazione, ovvero che l’alienazione del centralizzato ha avuto i 1000/1000 di consenso non ci sono gli estremi per sospendere e tantomeno annullare la delibera per l'alienazione del centralizzato. Ovviamente credo che chi vuole continuare ad usufruire del centralizzato lo debba fare a sue spese.

    La parola agli esperti....
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    1) No. La delibera resta valida ed efficace.
    Nulla rileva che qualcuno ci abbia ripensato.

    2)Per annullare una delibera approvata con 1000/1000 serve nuova delibera con identica votazione unanime.

    3)Se viene annullata con 1000/1000 ...chi si distacca paga manutenzioni e combustibile per inefficenza, dispersioni e parti comuni...oltre ad eventuali aggravi.

    La dismissione (oltre che contraria a norme cogenti per i Condomini oltre le 4 unità) vi impedisce di usufruire dei bonus fiscali...e deve essere tecnicamente possibile dal lato "scarichi" a tetto per tutti.

    Se esistono problemi di morosità..."autonomo" tutta la vita.
     
    A Enzo1960 piace questo elemento.
  3. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Questo intervento risolleva un punto che mi è sempre rimasto oscuro: come si concilia il vecchio vincolo alla abolizione del centralizzato per condomini con più di 4 unità, con la recente liberalizzazione in merito ai distacchi da centralizzato?
    A me è sempre sembrato che la mano destra non sappia cosa avesse scritto la mano sinistra pochi anni prima.

    Non mi viene poi in mente nulla riguardo al commento sui benefici fiscali: quali interventi non sarebbero a quel punto detraibili?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina