1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Disco

    Disco Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti,

    sono l'ultimo di quattro fratelli e i miei genitori mi hanno chiesto di interessarmi alla divisione dell'immobile, l'unico di cui è proprietario mio padre, tra i quattro futuri eredi. Non ne so quasi niente. Quali figure di professionisti devo contattare per fare questa operazione? Devo fare dei passaggi anche al comune? Quali sono i documenti che devo procurarmi per procedere?
    sarei molto grato a chi mi potesse aiutare
    grazie
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Amesso che l'immobile sia divisibile e non occorre procedere a quanto stabilisce l'art. 720 del Cod.Civ. la persona giusta a poter fare ciò è un tecnico (ingegnere, architetto, geometra, perito edile, perito agrario) che abbia dimestichezza nel campo valutativo, catastale e urbanistico, in quanto se divisibile occorre assegnare alle quote che abbiano pari valore, autorizzazioni urbanistiche per divisione e relativi atti di aggiornamento catastale.

    I documenti da procurare sono:

    Rogito di acquisto dell'immobile;

    Se trattasi di terreno su cui si è edificato con regolare concessione, copia di questa;

    Copia del progetto dell'immobile;

    Planimetria/e catastali da richiedere all'Ag del terr. se non già in possesso;

    Eventuali idee e quote da assegnare agli eredi.

    Ciao salves
     
    A Disco piace questo elemento.
  3. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Proprio perchè occorre tener presente l'art. 720 del c.c. e non solo per evitare contestazioni tra fratelli del tutto ricorrenti in questi casi insieme ai tecnici dovrai far esaminare la questione ad un collega partenopeo.;)
     
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    non è chiaro:
    la domanda è come fare una divisione dopo che saranno mancati i genitori oppure come attribuire già oggi il patrimonio ai quattro figli?

    per chiarirti le idee e quindi procedere consiglio di consultare un notaio
     
  5. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Gli eredi non sono solo 4, infatti se viene a mancare prima tuo padre anche tua madre avrà diritto alla sua quota oltre al diritto di abitazione sulla casa coniugale (è questa che si vuole dividere o un'altra magari quella delle vacanze?).

    Non sono un tecnico ma intanto occorrerebbe sapere cosa dice il comune sugli appartamenti intendendo sapere quale è la superficie minima, se il comune dice 30 e l'appartamento è di 100 non si può fare quello che ti hanno chiesto i tuoi genitori.

    L'appartamento potrebbe però essere diviso in 2 o 3 unità, nel qual caso se 2 o 3 sono interessati potrebbero acquistare e saldare al fratello che rinuncia la sua quota.

    Per le cose giuste ed eque la migliore soluzione è la vendita e divisione del ricavato tra gli eredi, questa potrebbe avvenire sia subito che successivamente alla morte di entrambi i genitori, garantirà così al superstite l'abitazione e ai figli al loro quota senza lamentele giustificate da parte di nessuno.

    Luigi
     
  6. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    scusami se ti ripondo con una domanda
    casa significa 4 futuri eredi
    la normativa italiana in materia di successione si apre alla dipartita di una persona titolare di un patrimonio immobiliare con contestuale individuazione dei soggetti legittimari o altri con testamento olografo
    quindi secondo il mio modesto parere prima cosa è la successione da presentare all'agenzia delle entrate o se già fatto si parte da lì
     
  7. erwan

    erwan Membro Attivo

    significa i 4 soggetti che al momento dell'apertura della successione saranno chiamati all'eredità, salvo complicazioni.
    tra l'altro nel nostro ordinamento le donazioni ai parenti sono considerate proprio come anticipi sulla futura eredità, per cui mi pare che il desidererio espresso sia del tutto logico.
    ha scritto "i miei genitori mi hanno chiesto di interessarmi alla divisione dell'immobile" : a me paiono quindi vivi e vegeti...


    :D
     
  8. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    allora a maggior ragione è evidente che ci si occupa della divisione solo all'apertura della successione...
    questo è quello che prevede la normativa italiana
    cioè il cd 'divieto di patti successori' fatto salvo il famoso trust ma qui mi pare non non si si sta parlando di aziende
    per cui per ora è tempo perso
     
  9. erwan

    erwan Membro Attivo

    dipende da quello che hanno in mente...

    avevo già scritto:

    PS
    che relazione ci sarebbe tra aziende e trust ? :domanda:
     
  10. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    intendevo il Trust come strumento di pianificaziobne e gestione della successione di un azienda
    per quello ch io so si fa quando i genitori sono ancora in vita
     
  11. erwan

    erwan Membro Attivo

    forse ho capito: ti riferisci al patto di famiglia?

    il trust è un'altra cosa....
     
  12. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    tutto era per dire che si parla di beni privati e non d'azienda
    comunque,
    non sono un commercialista ma mi risulta che il patto di famiglia sia realizzabile anche via trust che ne è lo strumento (usufrutto dell'azienda e via dicendo)
    cose complesse appunto da commercialista !
    ma come fai a dire che non c'entra nulla...?

    comunque se ce lo vuoi spiegare...
     
  13. joenocera

    joenocera Membro Junior

    Io non farei nessun documento ,metterei in vendita e dividerei i soldi,come si usa in America.qui in Italia c'e' l'abitudine di dividere anche un garage di 40mq
     
  14. erwan

    erwan Membro Attivo

    il trust (nient'altro che un negozio fiduciario mutuato dal diritto anglosassone) è uno strumento con cui puoi realizzare un milione di finalità diverse: non esiste quindi alcun nesso privilegiato con ciò che concerne l'azienda;

    viceversa il patto di famiglia si può benissimo concludere senza ricorrere al trust (anzi: dopo la novella del codice il ricorso a questo schema è diventato assai più raro nei casi in esame)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina