1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Cari amici del forum, premesso che non sono certo di stare nella sezione giusta, vi pongo una domanda sugli acconti versati l'anno scorso per la cedolare secca. Io e mia moglie facciamo il 730 congiunto in quanto lei ha un datore di lavoro che presta assitenza fiscale, per cui non occorre andare al CAF. Nel prospetto di liquidazione del 730/2012, ai righi 100 e 101 per mia moglie dichiarante e 120 e 121 per me coniuge dichiarante, risultano gli acconti (1^ e 2^ rata) dovuti per la cedolare secca relativa ad un appartamento cointestato al 50% dato in affitto. Fin qui tutto regolare; il dubbio per cui chiedo aiuto sta nei CUD fornitici dai rispettivi datori di lavoro. Nel mio, nelle caselle 26 e 27 (prima e seconda rata di acconto cedolare secca) non c'è riportato nulla, mentre in quello di mia moglie ci sono i valori sommati miei e suoi degli acconti che il suo datore di lavoro ha trattenuto a giugno e novembre 2012 (e non poteva che essere così visto che ha ricevuto la nostra dichiarazione congiunta). Ma ora che sono alle prese con il 730/2013 come mi debbo comportare nella compilazione del quadro F sezione I dove al rigo F1 colonne 5 e 6 vanno riportati gli importi versati lo scorso anno per la cedolare secca? Io non scrivo niente mentre mia moglie si intesta gli acconti versati anche per me oppure attribuisco ad entrambi la metà di quanto riportato nel CUD di mia moglie? Concludo dicendo che nelle istruzioni del 730/2013 alla pagina 51 c'è una nota, che riporto fedelmente, la quale mi ha creato più confusione che chiarezza:
    "Dichiarazione congiunta: i contribuenti che presentano la dichiarazione congiunta devono compilare ciascuno nel proprio modello il rigo F1, indicando l’importo degli acconti versati con riferimento alla propria IRPEF e alla propria addizionale comunale all’IRPEF e alla propria cedolare secca.
    Se anche la precedente dichiarazione è stata presentata in forma congiunta è necessario ripartire tra il dichiarante e il coniuge, in relazione alla quota dovuta da ciascuno, gli acconti relativi all’IRPEF, all’addizionale comunale all’IRPEF e alla cedolare secca certificati nei punti 21, 22, 24, 26 e 27 del CUD 2013. Gli importi degli acconti relativi al dichiarante e al coniuge sono indicati nelle annotazioni al CUD".
    Ringrazio chi mi saprà rispondere.
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Controlla che il datore di lavoro abbia compilato correttamente il Cud di tua moglie.
    Esiste il foglio ANNOTAZIONI dove devono venire spiegati chiaramente questi casi.
    Se nella tua dichiarazione non riporti i tuoi "veri dati" l'ADE non potrà fare altro che inviarti un avviso di rettifica con relative sanzioni.
    Ricorda: il controllo lo effettua una macchina ( calcolatore) e non una persona.
    Tua moglie dovrebbe chiedere un'integrazione al CUD ( se è valida la mia ipotesi).
    Suerte.
     
  3. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Caro Alberto, ti ringrazio della risposta. Voglio comunque informarti che nelle annotazioni del CUD di mia moglie non si fa alcun accenno agli acconti della cedolare secca, per cui da quello che è riportato risulta che a versarli è stata soltanto lei (anche se nulla è stato sottratto al fisco in quanto le sue quote contemplano anche le mie).
    Sei in grado di capire quella nota che sta nelle istruzioni che in qualche modo è relativa alle suddivisioni tra coniugi dei vari acconti versati? Un'ultima domanda: se dovessi esporre nel 730 i dati così come riportati sui due CUD e visto che rifacciamo una dichiarazione congiunta alla fine andremmo a pagare la stessa somma di saldo in quanto il di più di mia moglie si compenserebbe con quanto denunciato in meno da me. Lo so, la questione è un po' impasticciata ma non so come muovermi.
    Saluti
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A questo punto io consiglierei di insistere con il datore di lavoro che presta l'assistenza fiscale affinchè specifichi nel Mod. 730-2 (Elenco dei documenti esibiti), che permette una descrizione libera, che l' gli importi relativi agli acconti per la cedolare libera presenti nei punti 26 e 27 del Cud/2013 del Dichiarante includono anche gli importi, allo stesso titolo, di competenza del Coniuge Dichiarante e rispettivamente per €....... ed €..........
    Trattandosi dello stesso soggetto che emette il Cud ed elabora il 730 non avranno difficoltà a notare che esiste una incongruenza.
    Chiedi a tua moglie di parlare con l'Ufficio del Personale.
    Saluti.
     
  5. soldatino

    soldatino Membro Junior

    Grazie Alberto, ho fatto come dicevi e ho risolto il problema. Il datore di lavoro di mia moglie ha corretto il CUD nel campo annotazioni, dove con il codice BA ha riportato gli acconti suddivisi tra dichiarante e coniuge dichiarante. Grazie ancora e saluti.
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Bene, sono felice per te. Buona Pasqua.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina