1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. keyer

    keyer Membro Attivo

    Buongiorno a tutti, volevo porvi questo quisito e magari un consiglio per una soluzione.
    Siamo 3 fratelli e la mamma, abbiamo eriditato dalla scomparsa di mio padre un immobile costituito da 3 appartamenti, 2 di questi con mq (60 mq) uguali e il 3° più grande (100mq), oltre a questi anche una locale commerciale ( solo muri).
    é stata fatta la successione in 33% madre 22% figli (quote) ( preciso che mia madre era in comunione dei beni ed ha chiesto agevolazione prima casa )
    Ora abbiamo deciso di dividere immobile ma non in parti uguali e senza la compensazione in denaro e tutti siamo d'accordo, in poche parole 2 filgli con un app. a testa e il terzo quello più grande (app) ma con la comproprietà e uso insieme a mia madre con tutti gli oneri a suo carico.
    Per il locale commerciale abbiamo deciso la non divisione ( tutti proprietari con le proprie quote ).
    La mia domanda è, questo è possibile legalmente anche se le parti non sono equamente divise per valore delle quote? Anche se tutte le parti sono d'accordo.
    Grazie.
    (p.s.) forse ho sbagliato anche il titolo scusate)
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Tipi di divisione
    La divisione può essere fatta dal testatore (divisione del testatore) oppure può essere fatta dalle parti di comune accordo (divisione contrattuale), in mancanza può essere disposta dal giudice (divisione giudiziale).
    La divisione contrattuale
    Per quanto riguarda la divisione contrattuale essa soggiace a forma scritta qualora abbia ad oggetto beni immobili ed è soggetta a trascrizione se riguarda beni immobili o mobili registrati (autovetture, natanti).
    La divisione convenzionale o contrattuale muove dal consenso raggiunto tra i contitolari del diritto circa le cose da assegnare in diritto pieno a ciascuno in proporzione alla quota vantata sul comune bene.

    Aggiunto dopo 5 minuti :
    in parole povere :
    divisione amichevole o contrattuale, ha luogo, nell’esercizio del potere di autonomia privata, con le modalità stabilite dagli stessi coeredi, sulla base dell’unanimità dei consensi.
     
  3. keyer

    keyer Membro Attivo

    ..infatti ho sbagliato il titolo, intendevo divisione contrattuale, quindi le modalità come sopra descritte, divisione fatta in comune accordo tra le parti è legalmente possibile " divisione contrattuale ", volevo conferma di questo....
     
  4. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    certo .............a parte che siano tutti d'accordo.
     
    A keyer piace questo elemento.
  5. keyer

    keyer Membro Attivo

    ...ti ringrazio per la risposta.. Ciao..
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina