1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Wert

    Wert Membro Attivo

    Premesso che le proprietà sotto indicate sono pervenute a quattro germani (ad ognuno il 25%) per successione ed essendo addivenuti questi alla decisione di porre bonariamente fine alla comunione con un atto di divisione consensuale:

    • Un terreno con rendita catastale di € 28.000

    • Un’abitazione con rendita catastale di € 70.000

    • Un’abitazione con rendita catastale di € 70.000
    Due germani concordemente per un loro interesse personale intendono assegnarsi insieme solo il terreno e gli altri due un’abitazione ciascuna; è evidente che si viene a creare una disparità di valore delle quote, ma ciò viene accettato da tutti senza alcun conguaglio per la differenza.

    Può un atto di divisione fatto in tal modo essere valido ed efficace o è necessario che ci sia sempre una compensazione per la differenza?

    Chiedo ai fini fiscali come viene tassata la divisione, essendoci una eccedenza di valore in alcune quote ?

    Tale plusvalenza di quota viene tassata sempre all’1% come nelle divisioni con quote uguali oppure, come se fosse una compravendita, al 7% ? Il calcolo si fa sul valore della rendita catastale o su quello venale commerciale, che è molto di più di quello della rendita catastale?

    Ringrazio in anticipo a chi mi solleva da questi dubbi, saluti a chi mi legge.
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Se siete daccordo per come procedere alla divisione, il notaio che sceglierete vi indichera cosa fare per far si che le proprietà così concordate siano conformi alle reciproche quote.
     
    A quiproquo e rita dedè piace questo messaggio.
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certamente, il valore delle quote devono corrispondere, altrimenti ci sarebbe una integrazione in compravendita. Il valore catastale dovrebbe servire esclusivamente ai fini fiscali. Giustamente, chi mi ha preceduto ti ha consigliato di sentire il consiglio del notaio.
     
  4. Wert

    Wert Membro Attivo

    Ringrazio per le precedenti risposte, ma quello che a me preme sapere è se la differenza delle quote viene tassata in base alla rendita catastale o in base al valore commerciale?
     
  5. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Il notaio ti sapra dire su quale valore saranno applicate le tassazioni.
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La divisione, con la quale a un condividente sono assegnati beni per un valore complessivo eccedente quello a lui spettante sulla massa comune, è considerata vendita limitatamente alla parte eccedente.
    Se nell’atto di divisione con conguaglio sono assegnati beni immobili a uso abitativo a uno dei condividenti, per la determinazione della base imponibile si può applicare il criterio del prezzo-valore introdotto dall’art. 1, comma 497 della legge n. 266/2005 (e quindi basato sul valore catastale rivalutato).
     
  7. Wert

    Wert Membro Attivo

    Grazie Nemesis, sei stato molto chiaro; era quello che volevo sapere, saluti al forum.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina