• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

mandarino

Membro Ordinario
#1
Buongiorno.
Tizio muore senza testamento.Lascia moglie senza figli.Ora la sua eredità si divide tra la moglie e i fratelli.I fratelli nessuna intenzione di fare la successione.pertanto ha proceduto la moglie a fare la successione.Ora immobile ereditato è possibile dividerlo.la moglie vorrebbe la sua parte venderla.geometra dice che possibile dividerla.il punto è:non vi è accordo con gli altri fratelli.pertanto la moglie non può dividere il suo pezzo di abitazione.unica via è la divisione giudiziale?
pareri ben accetti-----grazie
 
#2
Prima si passa dall'istituto della Mediazione, se i cognati non si presentano o non accettano la divisione suggerita dal CTM si va in giudizio. In questa situazione suggerisci alla tua cliente di farsi assistere da un CTP in entrambi i giudizi, oltre che da te.
 

Gianco

Membro Storico
#3
Se fosse interessata a vendere la sua quota, 2/3 deve interpellare i cognati nel rispetto del loro diritto di prelazione. Credo che una quota di tale dimensioni potrebbe interessare un acquirente, ben sapendo che potrebbe facilmente ottenere la divisione con gli altri comproprietari minori. Evidentemente è una questione di prezzo. Comunque i cognati dovrebbero cominciare a preoccuparsi.
 
#6
La moglie non ha la possibilità di comprare le quote dei cognati? che tra l'altro ha il diritto di abitazione pertanto i cognati non vedrebbero niente fino alla fine della moglie al massimo un mensile? irrisorio visto le quote.
Se quantifichi il valore dell'immobile forse facendo i conti la faccenda prende un'altro aspetto.
 

mandarino

Membro Ordinario
#8
la moglie non ha nessun interesse ad acquistare le altre quote.immobile che non utilizza.vuole vendere la sua quota.ma cognati non danno alcuna risposta.consideriamo che non hanno voluto fare neppure successione.geometra sostiene che è possibile dividere e su questo ok...ma se i cognati come poi di fatto è non vogliono che venga venduta la parte della moglie non vedo altra soluzione che mediazione e giudizio.
 

mandarino

Membro Ordinario
#10
…..esatto...ma quindi cosa potrebbe fare la vedova?
dividere immobile….chiedere ai cognati con scritto se vogliono acquistare la parte.In caso contrario(sappiamo già che non vogliono acquistarla)vende la sua quota.senza giudice senza mediazione.
 

Gianco

Membro Storico
#11
Può vendere la sua quota rispettando il diritto di prelazione dei cognati, altrimenti chiede al giudice la divisione giudiziale. In questo caso, visto che un tecnico sostiene che l'immobile sia divisibile, si dovrebbe giungere a questa conclusione. Ovviamente lo stesso scopo si raggiungerà sostenendo un maggior costo e certamente con tempi connessi alla lentezza dei nostri apparati giudiziari.
 

mandarino

Membro Ordinario
#12
quindi tu dici che una volta che immobile diviso ,la vedova ha individuato la sua quota,invia comunicazione ai cognati chiedendo se hanno intenzione in base al diritto di prelazione di acquistare.come sicuramente avverrà non vi sarà risposta,la vedova ha già un acquirente e vende.
 

Gianco

Membro Storico
#13
Nel momento in cui con la divisione la vedova diventa proprietaria della sua parte, i cognati non hanno più diritto di prelazione non avendo più il requisito di comproprietari, coeredi della stessa eredità. Pertanto senza altre storie lei può vendere tranquillamente.
 
#14
@mandarino ti fai bagnare il naso da @Gianco.
La vedova deve andare in mediazione per ottenere lo scioglimento della comunione, portando la relazione del geometra che sostiene la divisibilità secondo il c.c.. Il mediatore nomina un CTM il quale appurerà se, secondo il suo punto di vista, l'immobile può essere suddiviso.
Io avanzo qualche dubbio perché non credo possa lasciare la parte di 1/3, che spetta cognati, indivisa fra loro: se si fa lo scioglimento della comunione si fa per tutti non solo per chi la chiede.
Supponiamo un appartamento da 180 mq con doppi ingressi, composto da un salone doppio, 4 camere da letto, 1 cucina abitabile, 3 bagni ed un ripostiglio da dividere tra vedova e due cognati. A ciascuno deve garantire un ingresso nella sua proprietà non dipendente da altre proprietà, 1 bagno, 1 cucina abitabile ed almeno una stanza. Se per la vedova, a cui spettano 2/3 del valore dell'appartamento non ci sono problemi, la vedo un pò dura per i due cognati che si troverebbe con un ingresso da dividere tra loro con 1/6 di appartamento ciascuno (diciamo 30 mq). Se poi i cognati fossero 3 oppure la casa fosse più piccola con soli 2 bagni la vedo impossibile anche senza vedere la planimetria dell'appartamento, perché i costi delle modifiche per dare a ciascuno la propria parte sarebbero proibitivi.
Quindi in alternativa alla divisione immobiliare il CTM proporrà la vendita di tutto l'appartamento in modo che, con lo scioglimento della comunione, alla vedova possa arrivare i 2/3 del ricavato.
Ugualmente, se i cognati non si presentassero in Mediazione o rifiutassero quanto stabilito dal Mediatore, succederà presso un Giudice e questa volta i cognati o accetteranno o ricorreranno in appello ma si sveneranno.
 
Ultima modifica:

Gianco

Membro Storico
#15
Se la divisione è richiesta dai fratelli è probabile che, se fosse vero che sia possibile staccare la parte per la sorella e lasciare unite le quote dei fratelli, si possa risolvere in tal senso. Non insisto, ma credo che un buon legale possa raggiungere lo scopo.
 
#16
Situazione attuale che sto vivendo: due appartamenti uno sopra al'altro pertanto già ben divisi, ricorso in tribunale per un mancato accordo tra 4 fratelli di cui 3 in accordo e il quarto che ha avuto di più di quello che gli spettava, ma pur concedendogli il di più sono 10 anni che non si arriva alla conclusione costo previsto della operazione tra 8000 e 15000 €uro valore dell'immobile iniziale € 900.000 valore attuale per mancata manutenzione crollo del mercato ecc. € 400.000 e il risultato è ancora in alto mare perché gli avvocati che curano il quarto fratello stanno creando tanti di quei problemi che il giudice se avesse la possibilità di picchiarli lo avrebbe fatto in prima persona, una ultima giusto per dare l'idea, il giudice ha nominato un CTU ebbene il quarto fratello non lo vuole pagare anche se il giudice ha stabilito lui il compenso, pertanto il CTU ha aperto un'altra causa per essere pagato.
Fatti un poco i conti e vedi se ti conviene che la vedova faccia un'azione in tribunale.
 

mandarino

Membro Ordinario
#18
….resta inteso e ovvio che i cognati non intendono che la vedova venda la sua parte e non intendono neppure acquistarla...pertanto prima di adire la mediazione la vedova non può vendere la sua parte...ho capito bene=
 
#19
mandarino, mandarino sei una disperazione!!!
se la vedova trova un acquirente della sua parte di proprietà indivisa, e ci siamo con il prezzo, la signora ha fatto bingo. Non deve far altro che scrivere ai cognati che ha trovato di vendere la sua parte, ed a quale prezzo, se entro 30 giorni dal ricevimento non avanzano il diritto di prelazione lei venderà. I cognati non si possono opporre.
Se la vedova non trova da vendere la sua parte o non trova una offerta congrua deve intraprendere la strada dello scioglimento della comunione. Anche a questa mossa i cognati non possono opporsi in quanto la comunione ereditaria cessa quando uno dei comunisti ne chiede lo scioglimento.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

moralista ha scritto sul profilo di robertomarte.
Auguri per il compleanno, conserva la delibera dell'assemblea, e in caso di infrazione potresti incolpare i dissenzienti
Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
Alto