1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. CristianDeboy

    CristianDeboy Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Innanzitutto un saluto.
    Pongo questo quesito
    Un parente ha lasciato in eredita un immobile a 2 persone. questo immobile è divisibile abbastanza facilmente diciamo in 2 parti abbastanza omogenee. Ora il problema è questo: 1 dei due eredi ha una casa confinante con immobile oggetto dell' eredità e quindi vorrebbe che gli venisse assegnata questa parte in modo da allargare la sua proprietà...ha qualche appiglio per richiederla legalmente in un eventuale divisione giudiziale?
    Da qualche parte avevo letto un caso simile e mi pare che il giudice avesse assegnato la parte al coerede confinante in base al principio di salvaguardare nel modo migliore possibile il valore dei beni..in pratica la somma del terreno ereditato più il terreno già di proprietà del coerede danno luogo a un incremento di valore, cioè il terreno unito vale più delle due parti divise e ci sarebbe un principio generale per cui è meglio unire che dividere le proprietà.
     
  2. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io so che se non c'è accordo sulla divisione, si va ad estrazione.
    Ragionando sul resto. se venisse assegnata la porzione nel modo che hai indicato, allora il valore dell'eredità per la parte con l'immobile confinante sarebbe maggiore e forse sarebbe opportuno tenerne conto in sede di divisione. E questa è una mia considerazione personale.
    Peraltro, mi sembra di ricordare che, se i due immobili sono parti di diversi edifici, questi non possano essere uniti.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Nell'assegnazione delle quote di una divisione, se il confinante è un coerede, gli va assegnato il lotto adiacente, al fine di accrescere il suo immobile. E' una norma che da CTU conosco da sempre che nel mio studio abbiamo applicato svariate volte, ma, sebbene abbia fatto una ricerca, non ho trovato gli estremi di legge. Un dei legali, che certamente frequentano questo sito, potranno essere più precisi in merito.
     
  4. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Così dovrebbe essere e così probabilmente sarà...ma poi mi giunge inaspettato ospite l'amico FradJACOno che mi ispira qualcosa alla sua maniera ludica-sensuale.. ed è questa: se l'altro per dispetto o per mero calcolo...omissis... pretendesse la porzione confinante si troverebbe in mezzo col rischio di prendersela in quel posto anzi nei quattro posti..e cioè davanti e indietro...Fiancata sinistra e fiancata destra...Cappitto mi hai... Gianco???qpq
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il fatto è che se una quota deve venire assegnata, agli occhi degli altri comproprietari, diventa automaticamente, maggiore, migliore, di valore superiore, rispetto al diritto dell'assegnatario.
     
    A rita dedè e quiproquo piace questo messaggio.
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sono le piccinerie della mente umana...Poi non è detto che l'oro sempre luccica...Sulla carta si determina una maggiore cubatura tale da poter dare la possibilità fino anche al cambio di destinazione...e con
    ciò...??? Quale certezza possiamo attribuire ad un ipotetico maggiore valore che nella realtà sarebbe tutto da dimostrare??? E se fosse il contrario??? Io credo che l'unico vantaggio per l'erede-proprietario
    unificante sia quello di un controllo più comodo e quindi meno dispendioso...Tutto qua...e tutto quiproquo. Salutoni.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Parlo per esperienza. Nelle divisioni pretendo che gli aventi diritto prima accettino la formazione delle quote con la sottoscrizione del piano di divisione per accettazione e soltanto dopo ciascuno avanza le richieste personali. Evidentemente se la richiesta non è accettata, si procede al sorteggio in una riunione appositamente convocata con la redazione di un verbale. E' consigliabile che ciò avvenga alla presenza del notaio.
     
    A rita dedè e quiproquo piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina