1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Betty Boop

    Betty Boop Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno,
    Avendo raggiunto un accordo, (quasi amichevole), fra parenti, e coeredi recandoci dal notaio, sostanzialmente per una permuta. Di immobili dei quali siamo ,attualmente tutti cointestatari, e dunque senza far uscire denaro, si potrebbe evitare di fare sanatorie costose dato che sono un po' datati, o certificati tipo A P E ,quindi pagare sole le imposte al minimo e la parcella al Notaio..?
     
  2. massimo binotto

    massimo binotto Membro Attivo

    Professionista
    La domanda non è molto chiara, ma la risposta te la sei già data: si chiama divisione! O cessione di quote... o come meglio vuoi chiamarla è sempre un trasferimento di beni.
    Ovviamente dovrete avere un progetto divisionale con l'assegnazione dei beni secondo le quote di comproprietà di ciascun erede, e tali quote devono essere uguali, altrimenti si rischia di dover dare un conguaglio in denaro che viene tassato dallo Stato.

    Poi l'ape va comunque redatto,
    Solo per la donazione non serve.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se l'assegnazione del lotti divisionali è pari alla quota di diritto, la tassazione relativa all'imposta di registro va quantificata nella misura proporzionale dell'1%, senza che abbia rilievo l'evidenziazione di conguagli in denaro tra i condividenti.
    Quindi, ove i coeredi ricevano il valore delle rispettive quote, si applica l'aliquota degli atti di divisione e non l'aliquota degli atti traslativi, atteso che quest'ultima è applicabile, ex art. 34 del TUR (D.P.R. n. 131/1986), soltanto nel caso in cui a un condividente siano stati attribuiti beni per un valore eccedente quello a lui spettante e limitatamente alla parte in eccedenza, mentre non rileva che la somma corrisposta a titolo di conguaglio provenga o meno dalla massa ereditaria, in quanto la norma citata non si riferisce alla provenienza dei beni, ma unicamente al loro valore.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Le divisioni, con o senza conguaglio, sono escluse dalla definizione di "atti di trasferimento di immobili a titolo oneroso".
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  5. Betty Boop

    Betty Boop Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buonasera, grazie. E' gia stata eseguita una stima e conseguente accordo su cosa e come dividere. Ma chiedo di nuovo. Le sanatorie urbanistiche,, visto che non si tratta di vendita e siamo comunque gia' in parte proprietari, vanno fatte o non importa.?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina