1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. feltrin sandra

    feltrin sandra Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    cosa devo fare per dividere in due unità il mio appartamento sito in un condominio di 10 unità.
    A quali oneri vado incontro anche nei confronti dei condomini. Abbiamo un parcheggio comune indiviso e l'impianto di riscaldamento è centralizzato.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Ove la separazione mantenga invariate le volumetrie (quello che prima era 100 diventa ad es. 60+40), in teoria non dovrebbe mutare nulla in termini di oneri condominiali; le spese sostenute prima da un solo proprietario, dovranno essere corrisposte in proporzione ai nuovi immobili; ci sarà da rettificare la tabella millesimale, con attribuzione a ciascun immobile della propria quota parte.
    Questo in teoria; essendoci però un riscaldamento centralizzato, sarebbe utile sapere con quali criteri sia, attualmente, svolto il riparto spese, in modo da indicare con precisione cosa potrebbe accadere post divisione.
    Quanto al parcheggio indiviso, idem come per il riscaldamento.
    Se mai vi fosse necessità di un tecnico per la redazione della nuova tabella millesimale (a mio avviso non ce ne dovrebbe essere ragione) dovrebbe farsi carico della relativa spesa.
     
  3. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    si potrebbe avere la disponibilità a mesi alterni

    c'é anche la spesa della modifica del citofono da affrontare.
     
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    questo era il mio stesso pensiero in un'altra discussione ma @Dimaraz non era d'accordo.
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certamente l'intervento di un tecnico sarà necessaria per espletare la pratica amministrativa da inoltrare all'ufficio tecnico e la variazione per divisione con la presentazione delle due DOCFA all'AdE.
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Ci sarà tutto da rivedere; ogni spesa comune, in funzione anche della nuova tabella millesimale.
     
  7. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Non so quale fosse la discussione, non l'ho trovata; ma se si trattasse di una divisione senza variazione alcuna, senza aumento delle volumetrie, non vedo cosa potrebbe essere d'intralcio ad un frazionamento come quello su esemplificato. Unica cosa che varierebbe, potrebbe essere il numero dei condòmini, ma ciò è altro rispetto alla tabella millesimale.
    Considerazioni "generiche", che andranno testate e mirate in loco.
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Mai espresso contrarietà ad una suddivisione...ma contestato come non basti solo una semplice divisione "proporzionale" (riferita a superficie o volume) per far si che il "frazionamento" di una unità non si trasformi in un aumento di spese per gli altri comunisti.

    Tutto è funzione di come viene "redatta/calcolata/modificata" la tabella millesimale.

    Ci sono spese che variano in funzione di quante "unità " (e non persone) costituiscono il Condominio.
     
  9. anma

    anma Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E' successo anche nel mio palazzo. Credo che per i nuovi millesimi il direttore dei lavori abbia presentato la relativa documentazione all'amministratore, e comunque come condominio non c'è stata nessuna variazione. Però in mancanza di altre soluzioni abbiamo dovuto cambiare la pulsantiera dei campanelli esterna, per la quale il proprietario del nuovo appartamento si è offerto di pagare circa il 70% della spesa (costata comunque circa 90E per appartamento), e rifare le cassette della posta - che erano comunque un pò usurate - ridimensionandole per farne entrare una in più. Anma
     
  10. anma

    anma Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E, aggiungo, quanto al parcheggio indiviso che nel nostro caso è a rotazione, ora abbiamo un condomino in più che partecipa alla rotazione...
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ritengo che sulla rotazione del parcheggio i proprietari degli alloggi in oggetto si dovranno alternare quando spetterà il loro turno.
     
  12. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Tutte spese che si sarebbe dovuto porre a carico di chi determinò la divisione.
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    se la tabella millesimale viene redatta tenendo conto dei parametri tipo affaccio delle camere, orientamento dei muri esterni, destinazione d'uso ecc... ecc... anche non variando la volumetria delle camere il suddividere i millesimi originari proporzionalmente alle superfici/volumi non è corretto.
     
  14. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    A parametri fissi, una unità aumenterà e l'altra diminuirà proprio in funzione di quegli stessi criteri correttivi originariamente utilizzati.
    La tabella non potrà mutare per il solo frazionamento privo di variazioni delle volumetrie. Affermare il conttario significherà ammettere l'erroneità dei calcoli iniziali nella definizionetdella tabella originaria e se non lo si dimostra, ciò non potrà avverire
     
    A feltrin sandra piace questo elemento.
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Con il mio intervento precedente volevo solo evidenziare l'erroneità di dividere i millesimini di una unità immobiliare, che viene frazionata, sulla base della metratura. Se dividendo un appartamento risulta che una delle due unità ha due balconi ed una finestra dalle quali si vede il Colosseo mentre l'altra unità frazionata ha quattro finestre che affacciano di fronte ad una scuola, se permetti le due nuove unità immobiliari anche se di uguale superficie avranno dei millesimi differenti.
    Poi lo so anche io che la somma dei millesimi dei due nuovi appartamenti deve corrispondere quella originaria dell'appartamento intero.
    Il problema sarà trovare quanto sono state valutate, a suo tempo, le stanze con l'affaccio panoramico, ed esposte a sud-ovest da quelle con l'affaccio sfigato ed esposte a nord-ovest.
     
  16. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Ergo, dati 100 millesimi su 100mq, con 2 immobili post frazionamento da 50mq ciascuno, di certo i rispettivi millesimi non saranno 50 + 50, (quello che conta è che la sommatoria dia sempre 100 millesimi sì da non alterare il rapporto generale)
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Stiamo dicendo la stessa cosa. Il problema che evidenziavo è quello che i m/m di ciascuna unità immobiliare di un condominio, sopratutto quelli consegnati con il regolamento contrattuale, non contengono il ragionamento sulla base del quale poi sono attribuiti i m/m di proprietà. Per questo motivo, nella maggior parte dei casi, si ripartisce proporzionalmente alla superficie, i m/m scaturiti dal frazionamento: operazione che può essere fatta anche dal notaio, eventualmente assistito da un suo impiegato tecnico. Il ripartire i m/m di proprietà tenendo conto dei vari parametri richiede l'intervento di un tecnico abilitato, che deve essere pagato, se i proprietari di casa mugugnano per dover spendere dei soldi per la redazione dell'APE ti lascio immaginare far spendere loro altri soldi per la ripartizione dei m/m di proprietà.
    Non ti è mai capitato di vedere le tabelle m/m di condomini costruiti con la struttura degli appartamenti gemelli speculari con i valori m/m tutti uguali indipendentemente dal piano, dall'affaccio, dall'esposizione ecc... ecc... .
     
  18. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Che sarà a carico integrale di chi diede corso al frazionamento.

    Fossi l'amministratore del Condominio, per evitare future contestazioni, pretenderei:
    - o asseverazione del tecnico, accettata dagli interessati ed avallata dall'assemblea.
    - o convenzione tra le parti e successivo passaggio assembleare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina