• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Ivan Longo

Membro Junior
Proprietario Casa
Buonasera a tutti,

nello scorso febbraio a Torino, alcune forti folate di vento hanno "staccato" alcuni separatori tra balconi di un condominio nuovo (terminato un anno fa). Conseguentemente c'è stato un incontro tra una rappresentanza della società costruttrice, l'amministratore ed i consiglieri. La situazione appare un po ingarbugliata perché:

- la società costruttrice sostiene che la "Polizza di assicurazione decennale postuma danni diretti all'opera" non centra nulla perché il forte vento è da considerarsi "evento atmosferico anomalo" e quindi non vi sono stati vizi di costruzione.

- un primo sopralluogo tecnico ordinato dall'amministratore parrebbe evidenziare che i tasselli impiegati per il fissaggio dei separatori dei balconi non sono idonei (sottodimensionati), ma l'impresa costruttrice smentisce ciò.

Lato consiglieri, non si sa se provare a richiedere subito l'indennizzo all'assicurazione che copre i sinistri condominiali (che sicuramente invierebbe un perito e a quel punto capiremo se è vero oppure no che ii tasselli erano inadeguati) oppure informarsi prima quali sono i "parametri ufficiali" che stabiliscono "quanto deve essere forte il vento" per essere considerato un evento atmosferico anomalo. Anche perché, se fosse veramente "un evento atmosferico anomalo" mi sa che ne il costruttore, ne l'assicurazione di condominio rifonderebbe alcunché.

Queste le domande:
1) Quale strategia è meglio perseguire in questo caso? Ovviamente l'ultima spiaggia è la via legale, ma se possibile vorremmo evitarla.
2) Esistono archivi meteo "ufficiali" da dove evincere la velocità del vento nei giorni in cui si sono staccati i separatori dei balconi?
3) Esiste una tabella "ufficiale" da cui si capisce se una certa velocità del vento è da considerarsi "anomala"?

Grazie come sempre per la vostra attenzione,
Ivan
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
Fate intervenire il perito dell'assicurazione, il resto non è materia vostra.
 

pimol

Membro Attivo
Proprietario Casa
Un perito preparato può darvi le informazioni necessarie. Se ho capito bene volete valutare se impuntarvi ( rischiando di non avere nulla se non le spese legali) o cercare una transazione.

P.
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
Intanto utilizzate l'assicurazione che avete già. Lasciate stare il resto, in base a quello che ne uscirà farete le vostre considerazioni, escluderei apriori che il costruttore vi rimborsi alcunché
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
- un primo sopralluogo tecnico ordinato dall'amministratore parrebbe evidenziare che i tasselli impiegati per il fissaggio dei separatori dei balconi non sono idonei (sottodimensionati), ma l'impresa costruttrice smentisce ciò.
certo che davanti alla palese rottura dei tasselli è più facile sostenere il loro sottodimensionamento, avrei voluto vedere il medesimo tecnico esprimere un giudizio prima dell'evento. Bisogna tenere presente anche la funzione primaria di detti tasselli: mantenere dritti i separatori o resistere alle spinte laterali ?
Controlla che l'assicurazione condominiale abbia l'estensione "danni atmosferici" perché questa copertura non è fornita, generalmente, nel pacchetto base.
Uno degli equivoci più grandi è questo: confondere la garanzia Eventi Atmosferici con la garanzia Eventi Catastrofali.
I danni da eventi catastrofali o calamità naturali, come ad esempio quelli arrecati da un alluvione o un terremoto, non sono inclusi nell’operatività di una polizza contro gli eventi atmosferici.
Se vuoi assicurarti contro questo tipo di eventi è necessario aggiungere alla tua assicurazione un’apposita estensione, chiamata appunto Terremoto ed Eventi Catastrofali.
Poi c'è un'altra cosa da definire i separatori sono di proprietà condominiale oppure sono al 50% di proprietà dei proprietari confinanti? Io proprenderei per la secondo ipotesi. Tuttavia ciò non esclude l'intervento dell'assicurazione se la polizza assicurativa oltre ad assicurare i danni alla parti condominiali assicurasse, tramite apposita estensione, anche i danni alla singole proprietà.
Qui di seguito allego per esempio un prodotto assicurativo :
Cod. 815 Eventi atmosferici
(da assumere unitamente alle clausole “816 – grandine” e “817 sovraccarico neve”)
La Società indennizza i danni materiali alle cose assicurate direttamente causati da:
1. grandine, vento e quanto da esso trasportato, quando detti eventi siano caratterizzati da violenza riscontrabile dagli effetti prodotti su una pluralità di cose, assicurate o non, poste nelle vicinanze;
2. bagnamento, accumulo di polvere, sabbia o quanto altro trasportato dal vento, verificatosi all’interno del fabbricato a seguito di rottura, brecce o lesioni provocate al tetto, alle pareti o ai serramenti dalla violenza degli eventi di cui sopra.
La Società non indennizza i danni:
a) causati da:
 intasamento o traboccamento di gronde o pluviali, con o senza rottura degli stessi;
 fuoriuscita dalle usuali sponde di corsi o bacini d’acqua naturali od artificiali;
 mareggiata e penetrazione di acqua marina;
 formazione di ruscelli, accumulo esterno d’acqua, rottura o rigurgito dei sistemi di
scarico;
 gelo, sovraccarico di neve;
 umidità, stillicidio, trasudamento, infiltrazione;
 cedimento, franamento del terreno o smottamento del terreno,
ancorché verificatesi a seguito degli eventi atmosferici di cui sopra;
b) subiti da:
 alberi, cespugli, coltivazioni floreali ed agricole in genere;
 recinti e recinzioni anche in muratura, cancelli, gru, cavi aerei, camini, insegne od
antenne e consimili installazioni esterne;
 enti all’aperto, ad eccezione dei serbatoi ed impianti fissi per natura e destinazione;
 fabbricati o tettoie aperti da uno o più lati od incompleti nelle coperture o nei serramenti
(anche se per temporanee esigenze di ripristino conseguenti o non a sinistro),
fabbricati o tettoie con copertura o pareti in lastre di fibro-cemento o cemento-amianto,
capannoni pressostatici, tenso-strutture, tendo-strutture e simili, baracche in legno o
plastica, e quanto in essi contenuto;
 serramenti, vetrate e lucernari in genere, a meno che derivanti da rotture o lesioni
subite dal tetto o dalle pareti;
 lastre di cemento – amianto e manufatti di materia plastica per effetto di grandine.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
2) Esistono archivi meteo "ufficiali" da dove evincere la velocità del vento nei giorni in cui si sono staccati i separatori dei balconi?
Banca dati meteorologica - Arpa Piemonte
1583742040087.png
www.arpa.piemonte.it › annali_meteoidrologici › annali-meteo-idro

l'unico problema e che non ci sono dati recenti nel senso che i dati prima di essere pubblicati vengono controllati ed elaborati quindi, se va bene, è difficile avere i dati degli ultimi 3 mesi. Almeno così è per l' Ufficio Idrografico e Mareografico della Regione Lazio.

3) Esiste una tabella "ufficiale" da cui si capisce se una certa velocità del vento è da considerarsi "anomala"?
non c'è una tabella ufficiale per definire un dato anomalo.
In matematica vengono considerati come possibili valori anomali quei valori che si
discostano dalla media (aritmetica) per più di 3 volte lo scarto quadratico medio.
Io, nel tuo caso, parlerei di di eccezionalità della intensità del vento. Però bisogna stare attenti che gli eventi eccezionali a volte non sono contemplati nelle assicurazioni
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Avete un amministratore, avete un'assicurazione condominiale obbligatoria, fatela intervenire saranno loro a decidere chi delle due compagnie, avranno capienza e responsabilità del danno, altrimenti a cosa serve avere un amministratore?
 

Ivan Longo

Membro Junior
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti e un sentito grazie per le vostre numerose risposte. Condivido con voi il fatto di evitare le vie legali, il cui costo comunque potrebbe essere uguaei se non maggiore del danno medesimo.

Un ringraziamento particolare a Luigi Criscuolo per l'esauriente risposta corredata da riferimenti.

In questo momento ho qui con me solo la "Polizza di assicurazione decennale postuma danni diretti all'opera" e non quella di condominio (oggi la richiederò all'amministratore), per cui non sono in grado di vedere le coperture che essa copre; ma lo farò al più presto.

Ancora grazie,
Ivan
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto