• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Andrea41

Membro Junior
Proprietario Casa
Salve
Facendo la doccia, all'inizio mi viene acqua fredda per circa un minuto abbondante.
Poi arriva calda; ma dopo un po' torna di nuovo fredda e poi ancora ritorna calda.
Non riesco a fare una doccia nel modo giusto.
Perché avviene questo e come riparare?
L'impianto è datato di circa 30 anni ed è fatto " in linea".
Cioè i tubi partono dalla caldaia e fanno il giro completo.Non hanno un punto di diramazione.
E l'idraulico mi ha detto che, se chiudo un termosifone, non arriva acqua calda agli altri.......
 

lore68

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve
Facendo la doccia, all'inizio mi viene acqua fredda per circa un minuto abbondante.
Poi arriva calda; ma dopo un po' torna di nuovo fredda e poi ancora ritorna calda.
Non riesco a fare una doccia nel modo giusto.
Perché avviene questo e come riparare?
L'impianto è datato di circa 30 anni ed è fatto " in linea".
Cioè i tubi partono dalla caldaia e fanno il giro completo.Non hanno un punto di diramazione.
E l'idraulico mi ha detto che, se chiudo un termosifone, non arriva acqua calda agli altri.......
L'impianto di acqua sanitaria è completamente indipendente da quello dei termosifoni....
Comunque il problema potrebbe essere dato da un ingente accumulo di calcare dentro il boiler acqua calda. Il calcare si deposita quando l'acqua è a temperatura elevata e se l'impianto è datato e non è mai stato decalcificato può darsi che nel tuo serbatoio vi sia più della metà del volume occupato da calcare, cosicché l'acqua calda a disposizione é poca, e la serpentina che la riscalda fa fatica a portarla in temperatura causa dell'inerzia termica del calcare.
Poi questa è solo la mia ipotesi, valuta tu se può essere così
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
E l'idraulico mi ha detto che, se chiudo un termosifone, non arriva acqua calda agli altri.......
Perché l'idraulico invece di dissertare sull'impianto di riscaldamento non ha cercato di capire i motivi della doccia "scozzese" ?

Da un forum è impossibile fare una diagnosi con gli elementi che hai fornito.

Se l'acqua calda sanitaria è fornita in modalità "istantanea" (ovvero senza boiler di accumulo) allora potrebbe essere lo "scambiatore" ad aver problemi ...o significa che la potenza è inadeguata.
 

tumultuoso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Se hai una caldaia istantanea (e molto probabilmente è così) potrebbe essere un'instabilità di controllo della valvola termostatica che alimenta di gas il bruciatore. Alla fine della serpentina, dove scorre l'acqua calda sanitaria, c'è una sonda di temperatura che comanda o in modo elettrico o mediante un fluido, una valvola che regola il gas da fornire al bruciatore che riscalda l'acqua in tale serpentina. Se questo sistema di controllo, sonda-valvola, ha un ritardo di reazione eccessivo, succede che ci siano delle forti oscillazioni sulla temperatura dell'acqua. In pratica, il controllo si "accorge" in ritardo che la temperatura dell'acqua all'uscita della serpentina è scesa eccessivamente e quindi il bruciatore si avvia quando ormai molta acqua fredda è già fluita lungo i tubi che raggiungono la doccia. Fai sostituire le parti di controllo, o meglio ancora cambia caldaia, che ormai ha fatto il suo tempo.
Per l'impianto di riscaldamento direi che è stato fatto in economia, senza utilizzare le valvole deviatrici, che costano, sui radiatori. Anni fa era normale fare gli impianti di riscaldamento cosidetti in serie, in quanto si risparmiava sulle tubature e sui collettori. Però sui radiatori si usavano delle valvole che se chiuse, impedivano l'alimentazione del radiatore a cui erano collegate e lo escludevano consentendo comunque all'acqua calda di raggiungere il radiatore successivo. Comunque questo non c'entra con la doccia fredda.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Potrebbe essere un problema di pressione dovuto all'autoclave che attacca e stacca. Ovviamente quando è in funzione arriva a pressione e raggiunta la pressione minima, diminuisce la portata dell'acqua calda, favorendo quella fredda.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
E' solo questione di pressione dell'accumulo di acqua, se questa non è stabile lo scambiatore funzione saltuariamente e provoca il tuo problema
 

Andrea41

Membro Junior
Proprietario Casa
Grazie a tutti, risposte comprese bene.
Ora mi chiedo: cambiandola, una nuova caldaia da 28 -30 KW che consumi il meno possibile, di buona qualità e che costi il giusto, quale potrebbe essere?
Cioè, massimo risultato con minima spesa ( o chiedo troppo?)
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Grazie a tutti, risposte comprese bene.
Ora mi chiedo: cambiandola, una nuova caldaia da 28 -30 KW che consumi il meno possibile, di buona qualità e che costi il giusto, quale potrebbe essere?
Cioè, massimo risultato con minima spesa ( o chiedo troppo?)
Non si può fare pubblicità...ma logicamente paghi la qualità che compri.

Dubito che vi siano differenze apprezzabili fra un modello ed un altro in termini di "rendimento" stante il fatto che tutti raggiungono la classe migliore.
E se anche vi fossero differenze diventa poi arduo stabilire quanto tempo serve per compensare il maggior costo.
 

tumultuoso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Più che del marchio della caldaia mi preoccuperei del servizio-competenza e del costo dell'installatore. Ogni installatore è affiliato o simpatizza per una certo produttore perchè ha più esperienza in merito e ti proporrà sempre quella che secondo lui è la migliore. Ti consiglio di farti fare qualche preventivo presso gli installatori di zona che poi saranno anche quelli che verranno a farti i controlli e le revisioni periodiche. Magari se riesci, fatti fare un preventivo con i costi separati in modo da confrontarli meglio e soprattutto chiedi i costi di manutenzione che dovrai affrontare in futuro. Ormai una marca vale l'altra, invece proporti il modello giusto in base alle tue necessità è la cosa importante; solo una persona competente e onesta, che faccia un'indagine accurata sulla tua abitazione, può indirizzarti sulla scelta giusta. Saluti.
 

Andrea41

Membro Junior
Proprietario Casa
Ok.
Ma acquistando una caldaia, mettiamo di 1000 euro (IVA compresa), con l'Eco-bonus mi vengono restituiti 500 euro netti o no?
 

tumultuoso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sinceramente non sono esperto ne aggiornato in materia, ma l'Eco-bonus di cui parli è una detrazione fiscale (non un rimborso!) che può arrivare fino al 65% del costo complessivo dell'installazione diluita in 10 anni credo, poi non so se ci sia anche l'IVA agevolata sulla manodopera. Comunque anche questi quesiti te li colmerà sempre l'installatore, che questi casi li affronta quotidianamente. Inoltre secondo me, supererai un po' i 1000 euro...
 

tumultuoso

Membro Attivo
Proprietario Casa
Scusa, leggo ora che c'è uno sconto immediato del 65% o 50% in sostituzione della detrazione, ma hai tempo fino a fine mese...
 

Fift@

Membro Attivo
Professionista
65% se sostituisci anche i sistemi di termoregolazione dei termosifoni 50 %solo per la caldaia a condensazione classe A
Ricorda che le detrazioni ti vengono fatte in 10 anni e che il risparmio lo vedrai dopo un paio di anni. La spesa minima per una caldaia a condensazione comprensiva di lavori e IVA è di 2000 euro circa. Fatti fare un paio di preventivi.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
c'è uno sconto immediato del 65% o 50% in sostituzione della detrazione,
Forse ti riferisci al cosiddetto "sconto in fattura" previsto dal Decreto Crescita in alternativa alla detrazione IRPEF spalmata su 10 anni.

E' una buona opportunità per il contribuente, ma non tutti i Fornitori aderiscono a questo sistema perché a loro volta recupererebbero (in compensazione) il credito d'imposta in 5 anni.

Infatti molte piccole/medie imprese, tramite le loro associazioni di categoria, hanno espresso parere contrario allo "sconto in fattura" che a loro parere avvantaggia le grandi aziende finanziariamente più solide.

Lo "sconto in fattura" sarà notevolmente ridimensionato dal 01/01/2020 (solo per lavori condominiali di un certo tipo di importo dai 200.000 euro in su).
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Grazie a tutti, risposte comprese bene.
Ora mi chiedo: cambiandola, una nuova caldaia da 28 -30 KW che consumi il meno possibile, di buona qualità e che costi il giusto, quale potrebbe essere?
Cioè, massimo risultato con minima spesa ( o chiedo troppo?)
Come avere la botte piena e la moglie ubriaca, o hai o dai
 

Andrea41

Membro Junior
Proprietario Casa
Ok, ho deciso di cambiare la caldaia con una nuova a condensazione, classe A,
passando anche da 24 a 27 kw.
Ma quando faccio il bonifico parlante, devo mettere: bonifico per ristrutturazione oppure per risparmio energetico?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

i miei due figli sono proprietari (50% ciascuno) di una palazzina con 9 appartamenti e 4 negozi, volendo sostituire la caldaia centralizzata come e cosa possono fare per ottenere il 50%? grazie
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
Sono vittima di uno stalker!
Alto