1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    Ciao a tutti, rieccomi qui a chiedervi pareri su una pratica docfa che devo fare. La situazione è questa:

    1) Abitazione al piano rialzato
    2) piano seminterrato laboratorio artigianale, il cui proprietario è lo stesso di quello dell'abitazione.

    Ora: il proprietario vuole creare una scala interna che colleghi l'abitazione col seminterrato, cambiandone la destinazione d'uso (da lab artigianale a locale di sgombero), in modo da farlo diventare pertinenza dell'abitazione, e realizza anche altri tramezzi interni. Il seminterrato non è abitabile visti i limiti di altezza 2,6 m e insufficiente aerazione.

    Io dovrei cambiare la destinazione d'uso del seminterrato e denunciare che adesso è collegato all'abitazione per via di questa grande ristrutturazione (immagino bisogna sopprimere e creare il nuovo subalterno). Ma come procedo col DOCFA? Posso fare tutto con una pratica? e quali causali uso? (io pensavo ristrutturazione e cambio destinazione d'uso)

    Grazie a tutti, ciao
     
  2. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    Aggiungo questo:
    Da visura catastale---> piano s1-T è A/3, piano S1 è C/2, poi sempre al piano T c'è un'autorimessa c/6.

    Io pensavo di predisporre il Docfa con la causale di fusione e diversa distribuzione degli spazi interni, e poi nella relazione tecnica specificare che il piano seminterrato da C/2 sarà utilizzato come cantina, quindi dopo poligonare il tutto. Anche perchè non credo di poter fare un docfa solo per il cambio di destinazione infatti dovrei dire che cambia da C/2 a...? (non c'è una categoria solo per le cantine).

    Attendo suggerimenti dai Maestri del Catasto :)
    ciao
     
  3. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    Aggiungo anche:
    Da visura catastale---> piano s1-T è A/3, piano S1 è C/2, poi sempre al piano T c'è un'autorimessa c/6.

    Io pensavo di predisporre il Docfa con la causale di fusione e diversa distribuzione degli spazi interni, e poi nella relazione tecnica specificare che il piano seminterrato da C/2 sarà utilizzato come cantina, quindi dopo poligonare il tutto. Anche perchè non credo di poter fare un docfa solo per il cambio di destinazione infatti dovrei dire che cambia da C/2 a...? (non c'è una categoria solo per le cantine).

    Attendo suggerimenti dai Maestri del Catasto :)
    ciao
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    a me pare semplice: la pratica è per ristrutturazione e fusione, sopprimi i 2 sub esistenti, ne crei uno nuovo sulla nuova scheda planimetrica, non c'è cambio uso, o comunque lo risolvi sopprimendo e costituendo una nuova unità
     
  5. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    Grazie griz :)

    Non ero sicuro se usare ampliamento + fusione, oppure fusione + diversa distribuzione spazi interni o altro.
    Quindi posso usare ristrutturazione + fusione, però nella relazione tecnica mi conviene specificare che il seminterrato cambia destinazione da C/2 a locale di sgombero di pertinenza dell'abitazione, no? Per essere più chiaro.

    Molto gentile come sempre
    ciao
     
  6. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    nella relazione puoi scrivere quanto ritieni ma secondo me è indifferente, dal punto di vista dalla pratica catastale è chiarissimo comunque
     
  7. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    piano s1-T è A/3, significa che è un appartamento con pertinenza ed ha un sub;
    piano S1 è C/2 é magazzino o locale deposito ed ha un sub;
    piano T C/6 autorimessa ed ha un sub.

    Procedimento prima di tutto occorre richiedere al comune autorizzazione per fusione di unità immobiliari urbane e cambio d'uso con opere murarie, questo per fare in modo di non ledere la commerciabilità del bene.

    Poi presentazione docfa con soppressione dei sub A/3 e C/2 e costituzione di nuovo sub per fusione e cambio d'uso.

    Quello che si dichiara in agenzia del territorio deve essere quello che si è realizzato con lavori autorizzati dal comune.

    Ciao salves
     
  8. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    ciao Salves, innanzitutto grazie per l'aiuto

    io non l'ho specificato ma ovviamente il comune ha già rilasciato tutta la documentazione ed i permessi per poter fare le opere.
    Sul fatto di sopprimere il sub A/3 e C/2 e costituire nuovo sub siamo tutti d'accordo, il dubbio che avevo riguardava la causale del Docfa.
    Come ha suggerito griz usare ristrutturazione + fusione mi sembra ok, io avevo pensato di usare fusione + diversa distribuzione degli spazi interni e volevo capire che differenza c'è tra usare l'una (suggerita da griz) e l'altra (cui pensavo io) ?
    Tu adesso mi suggerisci un'altra causale e cioè fusione + cambio d'uso...:???:
     
  9. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    allora...

    la pratica catastale si chiama così appunto perchè è pratica
    le causali del DOCFA a volte sono specifiche e non puoi sostituirle una all'altra, nel tuo caso si possono utilizzare anche più causali secondo il punto di vista del tecnico (tu) a volte il tecnico dell'Agenzia ti chiede di modificarle secondo il suo punto di vista e ti conviene adeguarti (non capita spesso ma capita)
    siamo tecnici, mica ragionieri, a volte interpretiamo
     
  10. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    ciao griz

    hai perfettamente ragione, il punto è che nella mia AdT spesso e volentieri sono i cosiddetti "tecnici del docfa" che decidono se la tua causale va bene oppure no, diciamo che il loro punto di vista è così e non si discute!! Che tu sia ingegnere, architetto, geometra o il padre eterno! e come hai detto tu conviene adeguarti.

    Grazie come sempre griz, ciao
     
  11. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Sulla fusione siamo tutti daccordo?

    Il problema è su diversa distribuzione, ristrutturazione, o cambio d'uso.

    Poichè il cambio d'uso rientra nelle opere previste dalla ristrutturazione edilizia, e che in ogni caso quello che stai apportando è l'inserimento del manufatto scala e cambio d'uso del locale artigianale in locale sgombero penso senza ulteriori opere edili, per me metterei "fusione e cambio d'uso".

    Ciao salves
     
  12. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    Ciao salves,
    Si, quello che io sto apportando è l'inserimento del manufatto scala e cambio d'uso del locale artigianale in locale di sgombero, però ci sono ulteriori opere edili. Il proprietario infatti nel locale seminterrato tira su dei muri per creare il vano scala vero e proprio e realizza altri tramezzi interni (sempre al seminterrato)
     
  13. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Siamo sempre li il cambio d'uso può essere realizzato con opere edili o senza opere edili quindi secondo me ritorniamo a quanto suggerito prima.

    Ciao salves
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina