• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Utente2016

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti,

Come da titolo vorrei avere un vostro parere su questa vicenda.
Siamo un condomino di 4 persone ed è nata una “disputa” intorno alla stanza dei serbatoi dell’acqua presenti sul terrazzo del palazzo (al quale è proprietario o per meglio dire ha il calpestio il mio vicino di casa (essendo entrambi all’ultimo piano).

Per rendermi meglio le idee vi mostro direttamente le immagini qui sotto evidenziate in rosso di questo stanzino:

5782C967-4EA4-4307-998B-F7939F794616.jpeg
D0F944A6-E225-4FB3-9997-05D76DBC65F8.jpeg

La causa scatenate della disputa è stata un apertura con l’installazione di una porta in quello stanzino “non autorizzato” (Vedi immagine sotto zona colorata di rosso)

98D36E06-BA27-4DEB-9188-9FE382857410.jpeg

Personalmente non mi crea nessun problema perchè io comunque non avrei accesso al terrazzo, un signore anziano al primo piano (che neanche lui non ha accesso) però sta facendo un marasma con l’amministratore (per pura gelosia e invidia, perchè altro motivo non si spiega).
Il “proprietario del terrazzo” dopo essersi interfacciato con me e aver parlato telefonicamente con l’amministratore a telefono, ha detto che lui è disposto anche a chiudere di nuovo tutto, ma visto che non è la prima volta che battibecca con questo signore anziano, per principio ha detto che a lui risulta che quella struttura è abusiva e che a questo punto se deve spendere dei soldi preferisce spenderli per farlo abbattere direttamente, togliere e serbatoi dell’acqua in eternit e mettere l’acqua diretta, cosi acquista anche più spazio sul terrazzo. Per me anche in questo caso non ci sono problemi, anzi mi fa piacere perchè anche io sono d’accordo a togliere il serbatoio e ad installare l’acqua diretta.

In settimana dovremmo vederci direttamente con l’amministratore che anche lui in realtà non sa se questa stanzina è stata costruita in maniera abusiva

La domanda è questa:
- Come si fa a capire se quella struttura è effettivamente abusiva? Dove e quali documenti servono per effettuare queste verifiche?
- Nel caso questo vecchietto faccia una denuncia (come ha detto che avrebbe fatto all’amministratore) può denunciare un “abuso edilizio” (l’apertura della porta) effettuato sul (quello che forse è già un abuso edilizio) lo stanzino?
- Nel caso si accertasse che questa stanza fosse abusiva e il ragazzo volesse condonare il tutto come deve fare? Io posso ugualmente eliminare il serbatoio in eternit dentro lo stanzino con il suo permesso?


In attesa di qualche vostro consiglio
Grazie mille anticipatamente dell’attenzione a tutti come sempre.
Buona giornata a tutti
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se fosse un abuso, nel senso che sia stato realizzato senza la dovuta autorizzazione, non è un problema perché lo può regolarizzare perché è un "volume tecnico".
Il serbatoio ha la funzione di riserva d'acqua che interviene nel momento in cui mancasse o la pressione di rete fosse insufficiente, per caduta o con l'autoclave che entra in funzione automaticamente con il calo della pressione predeterminata. Se la pressione di rete è sufficiente, il serbatoio viene riempito con un collegamento in parallelo e con una valvola di ritegno posizionata all'uscita dello stesso, alimenta direttamente tutti gli utenti collegati.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto