1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. basfi

    basfi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buona sera ,ho un quesito da proporvi, mia moglie ha ricevuto in donazione un appartamento un terreno ed un bosco. Mio suocero si è riservato il diritto di abitazione sull' appartamento.Domanda: mia moglie puo' avere le chiavi dell' immobile in questione? Grazie.
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Può averle solo se tuo suocero è d'accordo.
     
  3. basfi

    basfi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie Alberto per la risposta,neanche per visionarla ogni tanto per vedere lo stato in cui si trova l'immobile? Da tener presente che l'impianto elettrico non è a norma e non esiste il certificato di conformita', e per tener sotto controllo le varie scadenze impianti termici.Grazie di nuovo e buona giornata.
     
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sembra che tua moglie ha ricevuto in donazione un immobile nello stato in cui si trovava: non in regola. Quindi non le rimane che mettere nero su bianco questo stato a scopo cautelativo e dirsi disposta ad affrontare le spese per la messa a norma dell'impianto elettrico. Anche se mi sembra che la messa a norma degli impianti sia un onere a carico dell'usufruttuario.
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Penso che tuo suocero e tua moglie, prima di procedere alla donazione, abbiano discusso dello stato in cui si trovava l'immobile e degli eventuali interventi di cui dovrebbe essere oggetto.
    Ritengo che tua moglie abbia "diritto all'accesso" nell'immobile nei giorni e agli orari concordati con il padre . Se poi il padre decide di concedere il "libero accesso" incondizionato, consegnandole anche le chiavi, nessuno può impedirglielo.
    Sulle altre questioni concordo con @Luigi Criscuolo.
    Buona giornata.
     
  6. basfi

    basfi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ringrazio per il chiarimento, riassumo in poche parole quello che è successo: mio suocero ha donato le sue propietà ai figli, riservandosi il diritto di abitazione sull'appartamento di mia moglie,(siamo venuti a conoscenza di quanto avvenuto dopo aver ripreso l'atto, inizialmente si riservava l'usufrutto nella soffitta di mia cognata)mia suocera ha voluto una scrittura privata ( non registrata) dove lei aveva "il diritto di utilizzare" di tutti i beni, lei con prepotenza non vuole farci entrare nell'immobile perchè crede che tutto gli è dovuto, come si deve comportare mia moglie per il quieto vivere? Mia suocera ha la residenza in un altro Comune.Vi ringrazio di nuovo in attesa di altri chiarimenti.
     
  7. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    se tuo suocero è ancora in vita fai annullare tutto. Le donazioni sono pericolose perché quando muore il donante e lascia degli eredi costoro possono chiedere la riduzione della donazione se è stato leso il loro diritto di successione o di legittima.
    Ora se il donante è sposato con prole e muore senza fare testamento 1/3 dei suoi averi spettano alla moglie e 2/3 in parti uguali ai figli (se sono due 1/3 ed 1/3). Quindi se tua suocera non ha 1/3 dei beni del marito + il diritto di abitazione nella casa coniugale, visto che si è già cautelata con una scrittura privata, potrà chiedere la ricongiunzione del patrimonio del marito e chiedere 1/3 del valore.
    Se tuo suocero dovesse morire facendo testamento la quota di legittima riservata al conige superstite è 1/4 dell'eredità ed ai figli 1/2 da dividere in parti uguali (se sono due 1/4 ed 1/4); in questo caso rimane 1/4 che non è destinata a nessuno pertanto si dice quota disponibile ed il testante può disporre come meglio crede: privilegiare un successore o un parente o beneficiare un estraneo. Anche in questo caso se il coniuge superstite gli arriva meno di 1/4 dell'eredità, calcolata compresa le donazioni, può chiedere la riduzione delle stesse.
    Quindi io suggerisco la vendita mai la donazione perché questa è sotto la spada di Damocle della riduzione per 20 anni dalla morte del donante.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'azione di riduzione si prescrive dopo dieci anni. Nel caso delle donazioni, il termine decorre dalla data di apertura della successione.
    Il termine di venti anni "entra in gioco" solo per l'azione (diversa) di restituzione.
    A prescindere dalla circostanza che il donante sia ancora vivente o sia già deceduto, se entro venti anni dalla data di trascrizione della donazione non si è verificata opposizione da parte del coniuge o di parenti in linea retta, l’azione di restituzione non potrà più essere esercitata.
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Nemesis, mi ha preceduto. Per quanto a mia conoscenza, confermo!
     
  10. basfi

    basfi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    siamo andati fuori tema,non mi sono spiegato bene. Mio suocero è in separazione dei beni con mia suocera.Il suocero dona in parti uguali i beni ai figli,il suocero si riserva il diritto di abitazione sull'appartamento di mia moglie, ora come mi diceva Alberto devo concordare i tempi e modi con il suocero per l'accesso alla abitazione per eventuali piccoli lavori di ordinaria manutenzione e per mettere in sicurezza con tutti i dispositivi di sicurezza dell'impianto elettrico (il donante non si interessa più di tanto)
    gas,e impianto termico.Mia suocera si è fatto fare una scrittura privata dai figli che voleva il diritto di utilizzare i beni che il suocero ha donato ai figli.Ora la suocera si oppone al rilascio delle chiavi nonostante che il suocero sia d'accordo alla consegna delle chiavi, domanda:che validità ha quella scrittura privata per fare opposizione,ringrazio a tutti i partecipanti alla discussione e scusatemi nel mal propormi.
     
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa, ma non hai scritto che sono in separazione dei beni ( e a quanto pare, anche in separazione fisica e mentale), ergo il proprietario/donante è il marito. Che ci azzecca la moglie ? Mandatela al diavolo, non ha alcun diritto di interferire nelle decisioni del marito.
    La scrittura privata tra fratelli e la nadre-cerbera è carta straccia.
    Se si contesta la donazione fatta a tua moglie, si deve contestare tutto, anche le donazioni fatte agli altri figli, e rimettere tutto in ballo.
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    è quello che io avevo sostenuto.
    Il fatto di essere in separazione dei beni non vuol dire che, quando uno muore, alla moglie non vada nulla: lei ha gli stessi diritti ereditari sul patrimonio come se fosse in comunione dei beni.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  13. basfi

    basfi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie Alberto e Luigi ho già un quadro della situazione chiara, spero che la suocera si ammorbidisca un pò,altrimenti dovrò recarmi da un legale,vi terrò informati se ci saranno altri retroscene,buona serata.[DOUBLEPOST=1404752716,1404752443][/DOUBLEPOST]Ringrazio dimenticavo, Gianco per l'intervento scusami, a presto
     
  14. basfi

    basfi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    scusatemi di nuovo, mi viene un dubbio, se nel caso che venga a mancare mio suocero (corna facendo),mia suocera può avvalersi della continuità del diritto di abitazione come moglie? grazie.
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certamente dell'abitazione coniugale.
     
  16. basfi

    basfi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    mio suocero risiede nel Comune ......., e mia suocera in un altro comune, credo che non esista un abitazione coniugale.
     
  17. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    ma non è che oltre alla separazione dei beni matrimoniale c'è anche una separazione coniugale di fatto
     
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Scusa, ma se vuoi i nostri consigli, devi essere esplicito in tutti i particolari. Anche perché sei coperto dall'anonimato come noi. Se i fatti sono differenti da quelli che noi intuiamo, ci portano a proporre soluzioni non coerenti. Ed è peggio per te, visto che potresti usufruire disinteressatamente della consulenza di persone e professionisti che si prestano per puro piacere personale, convinti di essere utili a chi propone i suoi problemi.
     
    A rita dedè e alberto bianchi piace questo messaggio.
  19. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
     
  20. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    a questo punto si potrebbe supporre che il suocero abbia fatto queste donazioni per sottrarre l'eredità alla moglie dalla quale vive separato. Secondo me è la suocera che deve andare dall'avvocato per tutelare i propri diritti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina