1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marestella

    marestella Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mio marito ha una casa di sua proprietà, ma essendo un commerciante, vorrebbe donarla ai nostri figli, di cui 2 minori. Vorrei sapere se questa fosse la soluzione migliore, visto che io ho già un'altra abitazione intestata a me, o se sarebbe meglio intestarla solo al figlio maggiorenne?
    Per i figli minori bisogna chiedere l'autorizzazione al giudice tutelare? Che cosa comporta anche in termini di costo?
    La casa poi resterebbe intoccabile fino a che i figli diventano maggiorenni?
    Potremmo comunque affittarla?
     
  2. Emi

    Emi Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    penso che potreste donare ai figli in parti uguali la nuda proprieta' riservandovi l'usufrutto in modo da poterla poi affittare.
    essendo minori, dovrebbero essere tutelati dal giudice tutelare che avra' facolta' di decidere, nell'eventualita' di una futura vendita prima della maggiore eta' dei 2 figli, se l'atto sia ragionevole e a favore dei suoi tutelati. sempre che, da quando mi sono interessata parecchi anni fa, non siano cambiate le cose.
    ciao e in bocca al lupo.
    emi
     
  3. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Cara Marestella, se leggi un po' di post nel forum, ti accorgeraiche la donazione è solitamente sconsigliata poichè limita la commerciabilità futura del bene per un periodo di 20 anni dalla donazione o 10 dalla morte del donante.
     
  4. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    A parere di chi scrive , oltre le giuste osservazioni di Jrogin , occorre tenere presente che non è buona cosa in fatto vincolare la possibilità di liquidare i beni in caso di bisogno. Il mio parere è (specialmente quando i figli sono piccoli o giovanissimi)che inibirsi la possibiltà di disporre liberamente di questi beni potrebbe costituire impedimento a " fare cassa " in caso di bisogno urgente di liquidità. Infatti se i beni fossero intestati ai figli minorenni ogni azione sarebbe vincolata alla supervisione e all'autorizzazione del Giudice (p.es. Il Giudice potrebbe anche autorizzare la vendita ma imporrebbe di vincolare i denari in titoli di stato). Se invece i beni fossero donati al figlio maggiorenne necessiterebbe pur sempre la sua disponibiltà a vendere e "girare" ai genitori l'incasso. Oggi questo forse non è un problema ma lo potrebbe divenire un domani se il figlio si sposasse

    D'altro canto suo marito è un imprenditore per cui è pur corretto porsi il problema di porre al riparo i beni da possibili dissesti economici ( serio rischio stante il particolare periodo economico)

    La soluzione se quest' ultimo fosse il suo vero problema o quello principale è stipulare un "fondo patrimoniale" che ha un costo davvero irrisorio ( 1500-2000 euro). Contrariamente a quanto comunemente si pensa il "fondo patrimoniale" nello stesso tempo "protegge dalle incursioni dei creditori" e puo' consentire una facilità e disponibilità dei beni molto elastica (dipende dalle clausole che vi si iscrivono). Se ben strutturato, annotato e trascritto, in caso di insolvenza costituisce un "fortino" inespugnabile da parte dei creditori
    Purtroppo posso solo limitarmi ad un accenno per limiti di spazio rinviandola ad una consulenza approfondita con un professionista del settore (avvocato, notaio, commercialista) .
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina