1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lino erme

    lino erme Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    si può donare un immobile all'unico figlio minorenne e se si qual'è la procedura??....il notaio per la donazione vorrà l'agibilità dell'appartamento (abitabilità) con eventuali richieste di conformità oppure il tutto non serve?...pressappoco quali saranno i costi del notaio???...grazie
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Atto pubblico (notaio alla presenza di due testimoni, pena la nullità); essendo minore sarà necessario:
    - accettazione per il tramite dei genitori esercenti la patria potestà
    - autorizzazione (dei genitori) da parte del Giudice Tutelare (va presentata apposita domanda a tal fine) ex art. 320, comma 3, c.c. e 737 c.p.c.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'atto di donazione dovrà contenere, a pena di nullità, oltre all'identificazione catastale, il riferimento alle planimetrie depositate in catasto e la dichiarazione, resa nell'atto dall'intestatario (o dagli intestatari), della conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie, sulla base delle disposizioni vigenti in materia catastale. La predetta dichiarazione potrà essere sostituita da
    un'attestazione di conformità rilasciata da un tecnico abilitato alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale. Prima della stipula dell'atto il notaio individuerà gli intestatari catastali e verificherà la loro conformità con le risultanze dei registri immobiliari.
    Inoltre, il proprietario sarà tenuto a produrre l'attestato di prestazione energetica.
    Per quanto concerne gli impianti, il donante non è tenuto a garantire la loro conformità.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La conformità degli impianti dovrà essere certificata se si dovrà ottenere il certificato di agibilità.
    Per il costo dell'atto consulta diversi notai. Di questi tempi, anche loro, stanno giocando al ribasso.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  5. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A volte i particolari dei quesiti spesso omessi risultano più interessanti dei richiami legislativi che Nemesis e Compagni
    diligentemente e prontamente non fanno mancare...Se non sono inconfessabili quali motivi spingono i genitori ad un corposo atto giuridico come la donazione ad un unico figlio??? E' un aspetto che mi manca. Grazie. Quiproquo.
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Verissimo, soprattutto senta notai appartenenti a Consigli notarili differenti
     
  7. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Anche il solo risparmio fiscale.
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    oltre la conformità catastale, occorre anche la conformità comunale, altrimenti tutto si torna nel buio
     
    A lino erme piace questo elemento.
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Per ottenere l'agibilità è necessario che il fabbricato corrisponda al progetto ed all'accatastamento. Inoltre, servono i certificati relativi ai diversi impianti oltre all'APE.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  10. clemente

    clemente Membro Attivo

    Professionista
    Sarà che ho un notaio di fiducia ma non giocherei troppo al ribasso sulla parcella del notaio ... facendo il professionista vedo troppi errori costosi da rimediare a seguito di atti poco precisi ...
     
    A lino erme piace questo elemento.
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Dal forum più che suggerimenti e consigli, non potrai avere altro
     
    A lino erme piace questo elemento.
  12. braccella

    braccella Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Potrebbe essere che il su detto genitore vuole lasciare l'immobile di proprietà esclusiva al figliolo senza aver paura che in caso di un suo decesso prematuro finisca per metà nelle mani di persona/e non gradite...o no? Io penso di sì...
     
    A lino erme piace questo elemento.
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Il genitore può fare testamento, magari destinando la quota disponibile, ma deve ricordarli di rispettare la quota spettante ai legittimari.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  14. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    @lino erme non è una pensata un pò complicata? Tu genitori doni all'unico figlio (per il momento) un immobile (cioé una casa o un edificio?). Tu, donande, esercitando la patria potestà, devi anche accettare il bene donato in nome e per conto del beneficiario. Ma alla fine il minore che riceve un immobile in donazione le tasse le deve pagare; chi gliele paga? Poi ammettiamo che l'immobile sia l'unico bene che possiedi, quando te ne vai, se lasci tua moglie, lo sai che lei, indipendentemente dal regime patrimoniale con il quale hai contratto matrimonio, ha diritto ad una quota legittima di proprietà sui tuoi beni? Io vedo questa mossa poco strategica.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  15. lino erme

    lino erme Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ok criscuolo ma se io avessi bisogno di comprare un altro appartamento in un altro comune per avere le agevolazioni come prima casa è meglio donare l'attuale all'unico figlio ...non credi??
     
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Lino, il discorso regge se l'immobile che devi acquistare o la tua quota copre quella di legittima che spetta a tua moglie sul tuo patrimonio.
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Luigi, se tu intervenissi all'atto sia come donante che come tutore di tuo figlio, ci sarebbe incompatibilità. Pertanto, credo che il giudice tutelare nominerà tua moglie a rappresentare vostro figlio. Per quanto attiene le spese da sopportare, quando tu chiederai al giudice tutelare l'autorizzazione a stipulare l'atto di donazione, dovrai spiegare come intendi risolvere tutti i problemi, tenendo conto che tuo figlio non sarà in grado di affrontare alcuna spesa. L'autorizzazione prevederà ogni passaggio.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina