1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Sale

    Sale Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Buongiorno a tutti e lieto di fare la vostra conoscenza.
    Voglio innanzitutto ringraziarvi per quello che fate e l'aiuto che offrite riguardo a questi temi cosi sconosciuti e non alla portata di tutti.
    Detto ciò, avrei un quesito da porvi:
    Genitori con 4 figli, il padre compra un pezzo di terra e ci costruisce su 2 villete indipendenti che dona (con usufrutto da parte sua) ai primi due figli maschi che intorno agli anni 95/2000 decidono di sposarsi.
    I restanti due figli (un altro maschio e una femmina), rimangono ad abitare nella casa paterna insieme ai due genitori.
    Nel 2010 sempre il padre decide di donare all'altro figlio maschio la casa paterna e il tutto avviene nel seguente modo:
    1) usufrutto a vita natural durante di entrambi i genitori;
    2) usufrutto da parte della figlia femmina fino a che non convola a nozze (l'ho spiegata con termini spiccioli) .
    Sempre alla figlia femmina vengono concessi intorno agli anni 80 dei buoni fruttiferi postali che ad oggi non si conosce l'entità della cifra.
    Nel 2011 il donante viene a mancare.
    Adesso, tenendo presente che, le due villette hanno un valore commerciale di circa 170 mila euro cadauna e, la casa paterna un valore commerciale che non arriva ai 100 mila euro, può il figlio che ha ricevuto in dono la casa paterna pretendere che venga diviso tutto in parti eque?
    Grazie a tutti
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certamente, occorre calcolare la massa ereditaria al momento del decesso e conteggiare il valore delle quote, tendo presente che alla vedova se non comproprietaria degli immobili, spetta 1/3 ed i restanti 2/3 vanno divisi fra i figli. Inoltre alla vedova spetta il diritto di abitazione nella casa famigliare.
     
    A Sale piace questo elemento.
  3. Sale

    Sale Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Grazie per la risposta Gianco.
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Prego, atras bortas (in tricolore: alla prossima)!
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    tutte le donazioni fatte in vita dal de cuius sono oggetto di collazione e di riduzione fino al rispetto delle quote spettanti secondo quanto prevede il c.c. in fatto di divisione dell'eredità. Bisognerà rivolgersi ad un giudice che nominerà un suo Consulete, che pagherete tutti voi, che dovrà ricostruire il patrimonio di vostro padre. Prevedi di spendere soldi.
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Nel contesto, solo noi offriamo le consulenze gratis. Con soddisfazione!
     
    A Luigi Criscuolo piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina