1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. chiccolina

    chiccolina Nuovo Iscritto

    salve, espongo il mio quesito: sono proprietario al 50% con mio fratello di un box che usa nostro padre che ultimamente ha problemi di liquidità così abbiamo deciso di vendere l'immobile e dargli il ricavato. Come si può fare? Ci sono dei costi? Occorre un atto notarile?
    Grazie.
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tra parenti in linea retta non ci sono problemi a donare liquidi.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La donazione, se riguarda beni mobili non di modico valore (*), deve essere fatta per atto pubblico, sotto pena di nullità. Quindi occorre un notaio.
    (*) La modicità deve essere valutata anche in rapporto alle condizioni economiche del donante.
     
  4. chiccolina

    chiccolina Nuovo Iscritto

    Ma si può fare contestualmente alla vendita o dato che il trasferimento di denaro a nostro padre deve essere fatto con bonifico bancario per la tracciabilità occorre un successivo atto con ancora un notaio? e che tipo di atto? Noi pio dobbiamo dichiarare qualcosa nel 730 del prossimo anno? E nostro padre?
    Scusa, ma non ci capisco nulla di queste cose ed i dubbi sono tanti...
    Grazie!!!
     
  5. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Giustissimo, ma non sappiamo né il valore della donazione né l condizioni economiche dei donanti.
     
  6. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti l'OP ha (ora) elementi per valutare se la donazione che ha intenzione di disporre possa rientrare in quella di "modico valore". Io ritengo che non vi rientri.
    Ma il semplicistico "Tra parenti in linea retta non ci sono problemi a donare liquidi" non era certamente la risposta migliore.
     
  7. chiccolina

    chiccolina Nuovo Iscritto

    L'importo è di 27000 E. In conclusione che si fa? E con la dichiarazione dei redditi?
     
  8. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La mia risposta "semplicistica", caro Nemesis, voleva solo rassicurare sul fatto che qualsiasi bene venga donato e qualunque sia il suo valore, se il contratto interviene tra coniugi, tra parenti in linea retta o parenti in linea collaterale entro il quarto grado, nessuna imposta vi è più da pagare, a meno che si tratti di donazione immobiliare (Legge 383/2001 articolo 13).
    Questo sotto il profilo tributario.
    Sotto il profilo giuridico, invece, una donazione fatta senza atto pubblico non esiste, è nulla, non produce effetti giuridici e può essere eccepita da chiunque ne abbia interesse in qualunque momento.
    Però nel caso in questione, visto che i figli sono concordi nel donare al padre tale somma e sembra che nessuno possa eccepire nulla, credo che un trasferimento di denaro attuato tramite regolare bonifico anche se non di modica entità non dovrebbe causare problemi.
    Ovvio che con un atto notarile sarebbero totalmente al riparo, ma si sa ... il notaio costa.
     
    A chiccolina piace questo elemento.
  9. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Caro mapeit, peccato che il tentativo di rimediare alla prima risposta "semplicistica" sia come la toppa che è peggio del buco.
    L'imposta sulle donazioni a favore del coniuge e di parenti in linea retta è del 4% sull'importo che eccede la franchigia di 1 milione di euro. E ciò indipendentemente dal fatto che si doni un immobile o altri beni (e a meno che vi siano esenzioni per particolari tipi di "altri beni", come Titoli di Stato ecc.). Se si dona un immobile, oltre all'imposta sulle donazioni sono dovute anche le imposte ipotecaria e catastale.
    Tale imposta sulle donazioni è del 6%, con la franchigia ridotta a 100.000 euro se la donazione è disposta a favore di fratelli e sorelle.
    L'imposta è sempre del 6% ma senza franchigia se la donazione è disposta a favore di altri parenti fino al 4° grado e affini in linea retta, nonché affini in linea collaterale fino al 3° grado.
    Peccato che sia una norma abrogata da più di sei anni.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E' di modico valore tenuto conto delle condizioni economiche del donante? Se sì, non occorre il notaio.
    Sia il donante sia il donatario non devono indicare la donazione nella dichiarazione dei propri redditi.
     
  11. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E stavamo parlando di un garage ... vabbè hai ragione tu :disappunto:
     
  12. chiccolina

    chiccolina Nuovo Iscritto

    Oh, finalmente vi siete decisi di venire al dunque voi due, non volevo che continuaste a battibeccare per conto vostro:applauso:
    Grazie:ok:
    Per quanto riguarda l'apertura dell'altra discussione in "dichiarazioni dei redditi ecc.." era un modo per trovare le risposte che cercavo fin dall'inizio e per le quali non vi mettevate d'accordo!! Adesso non vi rompo più siete stati chiari:p Grazie ancora!!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina