1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Oftalmico

    Oftalmico Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti.
    chiedo un suggerimento per una situazione familiare,

    io e mia sorella siamo gli unici eredi di nostro padre.
    Lui E' proprietario di 4 appartamenti , tre contigui sullo stesso piano del medesimo stabile (proprietà 100%), ed un appartamento di campagna dove la situazione di proprietà era, prima della morte di mia madre avvenuta l'anno scorso così ripartita:
    50% mio padre e 50% mia madre.
    Alla morte di mia madre questa proprietà è andata in successione, quindi la quota di mamma (50%)è stata divisa tra i 3 eredi , io , mia sorella e mio padre.

    Vorremmo procedere in questo modo, in accordo familiare.
    Mio padre procederà alla donazione di 2 appartamenti contigui, a me, mentre resterà intestatario del terzo appartamento dove abita e dell'ultimo, quello in campagna.
    Come si deve procedere per fare si che al suo decesso l'appartamento dove vive ora e quello in campagna siano interamente intestati a mia sorella?
    Mio padre deve redigere testamento indicando queste volontà? Oppure al momento della successione io posso rinunciare in modo che tutto vada a mia sorella? La quota dell'appartamento di campagna ora in mio possesso deve essere donata? Posso rinunciare anche a quella?

    Grazie dell'attenzione e dell'aiuto
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Divenire "proprietari" di immobili per donazione ...ti crea eventuali "disagi" qualora tu volessi vendere.
    Tutto dipende dal rapporto che hai con tua sorella...ma soprattutto da quello che potrà diventare dopo la dipartita di vostro padre.
     
  3. Oftalmico

    Oftalmico Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie, hai ragione per la donazione, ma se si volesse percorrere questa strada, di donazione e successivo testamento dove viene indicata mia sorella come erede, ciò sarebbe possibile? Oppure si potrebbe procedere con la donazione e poi , quando Dio vorrà , in fase di successione, per fare in modo che le siano intestate interamente le 2 case come si dovrà fare? 'Rinunciando' alla mia parte?
    Oppure vi sono alte strade? Cioè io e mia sorella siamo d'accordo sul 'risultato' cioè avere io la piena proprietà di 2 appartamenti e mia sorella del terzo dove sta ora mio padre, più la casa di campagna, quale sarebbe la 'strada' migliore per arrivare all'obiettivo?
    Aggiungo che se si procedesse con la donazione ora, si otterrebbe anche di sgravare il carico delle tasse a mio padre.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    DAlla fine.
    Sgravi (forse) le tasse da tuo padre...ma te ne fai carico tu...quindi di riffe o di raffa la "famiglia" comunque sborsa.

    Se i rapporti sono idilliaci...e se tu non hai alcuna intenzione di vendere le unità che ricevi allora potete seguire l'iter che avevi in mente:
    -adesso tu ricevi in donazione le 2 unità
    -dopo rinunci all'eredità e il rimanente resta tutto a tua sorella.

    Sarai comunque penalizzato perchè in qualsiasi momento tu decidessi di vendere il potenziale acquirente potrebbe non "fidarsi" di tua sorella...che anche a posteriori...potrebbe esercitare collazione e riduzione di tutto o parte di quanto hai ricevuto.

    Allo stesso modo tua sorella dovrebbe fidarsi dei tuoi eventuali eredi...perchè se tu rinunci loro potrebbero chiedere "rappresentazione".

    Premesso che trovo inutile ricorrere alla donazione (o altri "artifizi") al solo scopo di spostare il peso delle tasse...vi conviene rinviare tutto al momento della dipartita.

    Se volete che i beni vengano ereditatì con l'assegnazione specifica dei beni, tuo padre deve redigere un testamento precisando a chi spetti cosa e curando che non vi siano lesioni di legittima.

    Eventuali considerazione vanno fatte in considerazione dell'ammontare complessivo dei beni in eredità. La tassazione è esclusa solo fino a "franchigia" di 1 milione di Euro.
     
  5. Oftalmico

    Oftalmico Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Molto gentile, grazie dell supporto.
     
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io non farei nulla di nulla e lascerei al suo naturale epilogo... Evitando anche il testamento...! Quando sarà, procederete alla divisione come ora indicata o con altre modalità che il tempo spesso fa fiorire a modo suo. Se poi ti vuoi togliere lo sfizio, su un foglio in bianco, procedete tutti insieme a quantificare i tributi sia in caso dell'immobilità (da me consigliata), sia in quello della mobilità da te postata...
    assegnando a ciascuno il proprio tributo...e se il babbo avesse difficoltà (ne dubito!)
    porrete mano ad un aiutino...Niente donazioni come consigliato da Dimaraz ...
    aggiungo che non solo la sorella potrebbe avanzare pretese per il diverso valore
    delle donazioni al momento della dipartita paterna...ma anche i suoi figli/e,
    e figli/e di quest'ultimi/e...avendo il nostro avido legislatore portato il termine
    per la riduzione da 10 anni a venti cum summo gaudio Avvocatorum (n.c.z.)...
    escludendo dalla goduria il de cuius (tutti noi genitori...)che essendo crepato per il dispiacere continuerà a gemere dall'aldilà...Interpellate FradJACOno che ci legge
    dal'alto dei cieli e lui lo confermerà. Auguri e buona disamina del progettino...
    Quiproquo.
     
  7. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    concordo, a volte si cerca di "sistemare" le cose per il futuro in realtà complicandosi la vita, al momento giusto farete quel che vi converrà
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    SE non precisato in un testamento poi le unità verrebbero ricevute in quota indivisa...costringendo ad una divisione (ulteriori costi).
    Se stabilito in un testamento (con attenzione all'equità) non serviranno altri passaggi.
     
  9. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sarebbe così se il testamento fosse intoccabile...così non è ...e tu sai perchè...Mentre nel caso in esame, se l'ipotesi divisoria ora già accettata da entrambe le sisters non dovesse
    subire modifiche al momento della successione, l'unica spesa,oltre all'eventuale imposta ipotecaria e di registro, sarebbe quella dell' accatastamento con un eventuale ricorso al geometra...Che in mancanza di varianti non ce ne sarebbe neanche bisogno. Il testamento richiede il Notaio... che fra una cosa e l'altra viene a costare da 5mila euro in sù...Senza testamento le due fanciulle compileranno la dichiarazione di successione (fornita dall'ADE) e se non sono ferme alla terza media, come credo, potranno facilmente gestire la COSA senza l'ausilio di
    nessuno...Salvo i propisti come, fra i tanti, tu e quiproquo. Ps. Scusami tanto mister oftalmico...ho creduto di essere con due sorelle...invece...sei un Mister...E sarà ancora più facile la concordia...
     
    Ultima modifica: 12 Febbraio 2016
    A Oftalmico piace questo elemento.
  10. meri56

    meri56 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non so. L'accordo fra fratelli che si vogliono bene può essere semplice. Il problema può nascere quando ci sono mogli o mariti che si intromettono nelle successioni.
     
    A Oftalmico piace questo elemento.
  11. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    assolutamente vero ma tutta la struttura dell'operazione come esposta sembra creare piùà problemi che soluzioni
     
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non serve andare dal Notaio per fare testamento che di suo non costa 5mila euro .., arrivare all'eredità senza significa accettazione indivisa e poi nuova operazione per divisione.
     
    Ultima modifica: 12 Febbraio 2016
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Oftalmico, per la quota della casa ereditata da tua madre, per completare l'operazione come preventivato, ti consiglierei di fare un testamento olografo e consegnarlo a tua sorella che, nel caso di una tua prematura dipartita, potrà ricomporre la sua proprietà, sempre sperando che gli acquisiti non alterino gli equilibri.
     
  14. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Volevo dire: la pubblicazione del testamento richiede il notaio...mi sembrava implicito...Solo la pubblicazione può costare intorno a 1.500 euro...poi si fatica a sfuggire alle seducenti proposte del severo ufficiale per tutti gli altri adempimenti che non sto qui ad elencare...e quindi si può arrivare a quel totale. Nel 2009 ero esecutore testamentario e il mio notaio preventivò 5.300 euro tutto compreso...Io gli feci fare solo la pubblicazione per un totale di circa 1.400 euro...Ritornando al quesito se il postante conferma la Donazione entra in un sentiero pericoloso e quindi dovrà consultare un notaio (i consulti e i preventivi sono gratuiti e sono più efficaci delle nostre ipotesi...)...se come gli auspico, decidesse di rinunciare allo scomodo e vituperato Istituto, allora dovrà solo optare o per il testamento (che resta sempre un'ottima soluzione a parte il successivo costo della pubblicazione notarile...) o per il Niente di Niente..e a nulla valgono gli scritti spartitori...Basta la promessa magari davanti al padre o altri familiari e la stretta di mano...E cento anni di vita al Babbo e a voi due...Questo è l'augurio di quiproquo. Se però, si teme l'ingerenza, come dice giustamente Mery56, dei
    cognati/e e altri affini, allora solo il testamento resta la soluzione migliore...Col permesso del notaio si potrebbe inserire la seguente clausola: "Dispongo che un eventuale surplus scaturente dai valori in campo al momento della divisione a favore di uno dei due venga coperto in parte, anche fino al 100%del valore con la mia quota disponibile" ....Salvo che il notaio faccia apporre la dispensa dalla
    Collazione e indichi in altro modo la quota disponibile in soccorso del più favorito.
    Questo esula dalla mia conoscenza e credo quella degli altri amici di viaggio...
    perchè già in passato nessuno aveva risposto al quesito già postato in altre occasioni. Neanche gli avvocati presenti sul sito...e credo che non vi sia
    giurisprudenza in merito. Spero di essere smentito. qpq.
     
  15. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Questa è implicita e non serve indicarla.
    Se al momento dell'accettazione vi fosse uno sbilancio determinatosi da mutazioni di mercato credo che tale quota sia sufficente...casomai integrando con quanto si presume avrà di liquidità e sempre con l'augurio che fra fratello e sorella non nascano dissidi.
     
    Ultima modifica: 12 Febbraio 2016
  16. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ti ricordo che nel mondo giuridico la parola "implicita" è stato scolorita col bianchetto. Da qui nascono gli atti con tante pagine...la prolissità è congenita ai
    Notai, Avvocati, Magistrati...Solo il nostro Nemesis è capace di tagli al cubo...naturalmente gli fanno compagnia i Medici che, oltre alle abbreviature che solo il farmacista di quartiere riesce a leggere, hanno stabilito che meno parole si scrivono e meno responsabilità hanno in caso di "incidente"...A volte si dimenticano di apporre la data...E' un altro vezzo anche per Assicurazioni ..Enti ecc...e di chi li rappresenta. E chi non mette le date...peste lo colga...qpq.
     
  17. Oftalmico

    Oftalmico Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Vorrei chiedere a quiprquo quando dice:---.Senza testamento le due fanciulle compileranno la dichiarazione di successione (fornita dall'ADE) e se non sono ferme alla terza media, come credo, potranno facilmente gestire la COSA senza l'ausilio di
    nessuno...---
    Senza testamento quindi si potrebbe giungere al risultato atteso con le suddivisioni preposte , con piena proprietari dei beni ?
     
  18. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    senza testamento gli eredi, presentendo la denuncia di successione, diventeranno proprietari pro quota spettante di tutto, poi potrannoprocedere alla divisione con l'augurio di essere d'accordo
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  19. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ti ha risposto pienamente Griz...Quiproquo.
     
  20. Oftalmico

    Oftalmico Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ma la divisione come dovrà essere fatta? con vendite? permute?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina